Eruzione Islanda, quali conseguenze per il clima?

Il vulcano islandese Eyjafjallajokull, dopo un letargo durato 187 anni, il 14 aprile scorso ha dato spettacolo con un pennacchio di vapori e di ceneri che si è elevato per circa 10 Km. Uno spettacolo che ha bloccato l'attività di tutti gli aeroporti del nord Europa ma che ha suscitato anche qualche preoccupazione negli scienziati, vediamo perché.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

nube vulcano eyjafjallajokull
Geologicamente l'Islanda è il paese più giovane della terra: ha "solo" 19 milioni di anni ed è ancora in crescita
Geologicamente l'Islanda è il paese più giovane della terra: ha "solo" 19 milioni di anni ed è ancora in crescita. E come tutti i giovani è sempre irrequieto e dispensatore di grandi energie. L'Islanda si trova a cavallo tra la placca tettonica eurasiatica e la placca dell'America settentrionale. Le due placche si allontanano lungo la frattura denominata "Dorsale Medio Atlantica", che in Islanda è visibile anche a cielo aperto.

La grande frattura atlantica è come una ferita i cui lembi di carne invece di avvicinarsi e rimarginarsi si allontanano permettendo così la fuoriuscita di magma dalle profondità del pianeta, ecco perché si registra una massiccia presenza di vulcani in questa isola: se ne contano circa 130. Sono per lo più vulcani fissurali: la lava, cioè, non fuoriesce da un cratere ma da spaccature della crosta terrestre.

L'eruzione di un vulcano islandese pertanto non dovrebbe preoccupare più di tanto, soprattutto quello conosciuto con il nome vichingo di Eyjafjallajokull, anche se non dava più segni di vita da 187 anni. Non è il primo né l'ultimo che darà spettacolo della propria energia interna, ciò che invece preoccupa gli scienziati è la sequenza in crescendo di attività sismiche e vulcaniche a partire dal 2004.

E questo fenomeno vulcanico per molti è la dimostrazione che qualcosa sta avvenendo all'interno della Terra. Qualcosa che potrebbe preoccuparci in un futuro non troppo lontano. È come se Gaia, il nostro pianeta, si fosse svegliata da un lungo letargo ed ora volesse recuperare il tempo perduto dando scossoni violenti lungo le sue placche tettoniche e sbuffando fuoco e fumo anche attraverso vulcani da anni quiescenti. Siamo neppure a metà del 2010 è già si sono verificati terremoti disastrosi e grandi eruzioni vulcaniche come non si registravano da un secolo.

L'eruzione del vulcano Eyjafjallajokull pertanto preoccupa non per la sua naturale attività eruttiva, ma per la sua inaudita violenza tale da creare una nube alta oltre 10 Km in continua espansione e diretta su tutti i cieli del nord Europa. È una nube gigantesca che trasporta ceneri vulcaniche, molto sottili per natura (diametro inferiore ai 2 mm), ed anche molto abrasive. Pericolosissime per i reattori degli aerei. Da qui il blocco precauzionale degli aeroporti. Ceneri pericolose anche per l'uomo perché possono causare danni all’apparato respiratorio e agli occhi, per questo motivo le popolazioni vicine sono state evacuate.

L'ultima volta che questo vulcano ha eruttato, 187 anni fa, la sua attività è durata per quasi due anni, allora però non esistevano gli aerei e quindi questo problema non esisteva. Tuttavia quel fenomeno creò problemi climatici in gran parte dell'Europa del nord.

vulcano Eyjafjallajokull
Le ceneri vulcaniche sono molto sottili e possono rimanere sospese nell'atmosfera anche per diversi anni
Le ceneri vulcaniche sono molto sottili e possono rimanere sospese nell'atmosfera anche per diversi anni, propagandosi per tutto il mondo grazie anche ai venti in quota.

Ciò determina un filtro tra le radiazioni solari e il suolo terrestre. In passato le eruzioni maggiori hanno alterato significativamente il clima, in corrispondenza di grandi eruzioni si sono verificati anni senza estate, con rilevanti danni all'agricoltura. Si ricordi la grande crisi alimentare dell'Irlanda del 1800.

Pertanto gli scienziati guardano con preoccupazione questo fenomeno perché, se dovesse durare, potrebbe abbassare le temperature di tutto l'emisfero nord del pianeta e cancellare per un paio o più di anni le nostre estati. Speriamo di no e intanto incrociamo le dita!

Ennio La Malfa (Accademia Kronos)

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... proteggere la terra non...
Continua...
 
27 Aprile 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
3 lettori hanno commentato questo articolo:
14/5/10 15:44, aldo ha scritto:
sinceramente non capisco tutta questa paura per l'eruzione dell'Eyjafjallajökull quando contemporaneamente di vulcani in attività che rilasciano in aria pennacchi di cenere ce ne sono diversi.Ed è sempre stato così.
quanto alle preoccupazoni sul clima, a parte le tante voci che si sentono in giro, fino a quando non verranno corroborate da documenti ufficiali e/o da pubblicazioni scientifiche meglio astenersi da commenti faciloni. Le conseguenze dell'eruzione del laki nel 1783 o del Katla nell'XI secolo AC sono state pesantine, specialmente quest'ultima, Ma per adesso l'Eyjafjallajökull sta eruttando una percentuale infimamente bassa di ceneri (e gas di zolfo) rispetto a questi due...., Nessuno ha fatto tanto casino quando 2 anni fa è entrato in eruzione dopo oltre 9000 anni di quiete il Chaiten, che da quel momento di materiali i naria ne ha buttati e ne sta buttando molti più del nostro...
Anche nelle isole a N della nuova zelanda un paio di vulcani stanno facendo deiu bei guasti... ma è tutto assolutamente normale,,,
preoccupianmoci di ben altre cose da un punto di vista ambientale....
29/4/10 13:48, Giorgio Aprile ha scritto:
Non so se la causa sia stata l'eruzione del vulcano Islandese, ma a memeoria umana non credo che in passato sia mai caduta(sia pure una spruzzata), la neve ad Ispica (in provincia di Ragusa) il 29 di Aprile, come è avvenuto oggi pomeriggio.
27/4/10 08:08, Massimiliano ha scritto:
Vedi Qui Per il Video: http://www.youtube.com/watch?v=fkpV4zuf8LI
Sicuramente il video che segue lo conoscete, però vale la pena vederlo ascoltarlo e fare qualcosa (ex:http://www.nonbruciamocilfuturo.org/ raccolte 12.000 firme nel lazio)
Guardate questo video, ascoltate le parole di un dirigente dell'enel di allora e di adesso.
Il Video è tratto dallo spettacolo Reset del 2007 si parla di CIP6, quindi, inceneritori, centrali nucleari e risorse non rinnovabili.
Si parla di gettare rifiuti tossici: pece 1.000.000 di tonnellate nel Vulcano Etna mentre adesso l'Islanda erutta: "A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca!
Vedi Qui Per il Video: http://www.youtube.com/watch?v=fkpV4zuf8LI

mp
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità