Road-sharing, cercasi compagni di viaggio

Si diffondono su internet siti specializzati per la ricerca di "compagni di viaggio", ossia gente con cui condividere lo spostamento in auto verso la medesima destinazione nel medesimo giorno. Si tratta della nuova frontiera della mobilità sostenibile, il “road-sharing”, che ha trovato nella rete un immediato e comodo strumento di diffusione e messa in contatto tra utenti.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Virginia Greco

road sharing
Negli ultimi anni tra allergici-al-traffico ed eco-sensibili ha cominciato a diffondersi la pratica del “road sharing”
“Il prossimo sabato voglio andare ad un concerto a Milano, poi martedì devo essere a Roma per sbrigare delle faccende e il fine settimana successivo vorrei andare a Napoli a trovare degli amici: prendo l’aereo, il treno, oppure cerco un passaggio?”

La richiesta del passaggio (lo “strappo”) è una cosa che abbiamo esperito tutti più volte, se non altro durante l’adolescenza. Poi abbiamo cominciato a prendere l’auto dei genitori e quindi siamo diventati quelli che il passaggio lo davano agli altri. Col passare degli anni, poi, siamo arrivati ad avere ognuno la propria auto… ed è così che un esercito di vetture si trova ogni giorno a percorrere in lungo e in largo le terre emerse del nostro pianeta.

Negli ultimi anni tra allergici-al-traffico ed eco-sensibili ha cominciato a diffondersi la pratica del “road sharing”, chiamata anche “car pooling”, ossia della condivisione del viaggio. Individui che intendono raggiungere la medesima destinazione - anche perfetti sconosciuti gli uni agli altri - e si raggruppano in una sola auto per viaggiare insieme.

Come cercare (e trovare) in tempi brevi un passaggio o qualcuno che venga con noi in auto, un determinato giorno fino ad una data destinazione? E’ evidente che al giorno d’oggi lo strumento più rapido ed efficiente sia internet: si invia un messaggio su liste dedicate o blog e si raccolgono le adesioni.

car pooling
Il road sharing rappresenta una pratica virtuosa che non può che far bene all’ambiente e al portafoglio
Per semplificare ulteriormente il processo di ricerca (e allargarne gli orizzonti) sono incominciati a nascere addirittura dei siti specializzati. Su quelli più evoluti è possibile fare una ricerca per luogo di partenza e luogo di destinazione, nonché per data, e verificare se sia già presente l’annuncio di qualcuno che intende mettere a disposizione la propria vettura per tale viaggio. Se il percorso richiesto non è ancora presente nella lista, si può inserire una voce, in cui si forniscono appunto i dati fondamentali dello spostamento che si intende svolgere: se qualcuno aderisce, il gioco è presto fatto.

Tra questi siti dedicati, piuttosto popolare e ben strutturato è www.roadsharing.com: leggibile in cinque lingue (Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo e Tedesco), offre varie possibilità di ricerca ed è sempre pieno di proposte di viaggio. Per altro, puntando con il mouse su una mappa è possibile vedere rapidamente se sono presenti delle proposte per determinate destinazioni.

Perché scegliere il “road-sharing”?

A parte aspetti romantici o da “Sulla strada”, insiti nel viaggio condiviso con gente che non si conosce (anziché in solitudine ascoltando la propria radio), il road sharing rappresenta una pratica virtuosa che non può che far bene all’ambiente e al portafoglio e talvolta anche farci risparmiare in tempo e serenità mentale.

Lo spostamento su quattro ruote è uno dei maggiori responsabili dell’inquinamento dell’aria. Inoltre i motori per funzionare, come noto, hanno bisogno di continuo approvvigionamento di carburante, ossia un costante impiego di risorse energetiche. Utilizzare una sola vettura per portare più persone nel medesimo luogo è evidentemente una strategia altamente virtuosa sul piano ecologico.

La riduzione di auto in circolazione, per naturale conseguenza, snellisce il traffico: ciò riduce la richiesta di parcheggi nelle città e allevia lo stress dei passeggeri. Inoltre, se lo spostamento è scorrevole, i veicoli restano sulla strada (e quindi in funzione) meno tempo: la conseguenza è minor gas di scarico emesso nell’ambiente per attese in coda o rallentamenti.

car sharing road sharing
Car-sharing e road-sharing sono due concetti ben diversi
Il road-sharing comporta anche un significativo risparmio per gli utenti, i quali anziché affrontare da soli le spese del viaggio, comprensive di pedaggi autostradali e rifornimento di carburante, possono dividere tra co-viaggiatori l’onere economico dello spostamento intrapreso.

A causa dei numerosi vantaggi, nonché del suo spontaneo diffondersi, questa pratica è oramai inserita tra quelle promosse nelle campagne per la mobilità sostenibile, insieme all’incentivazione dell’uso dei mezzi pubblici e del car-sharing.

A tal proposito, si noti che car-sharing e road-sharing, nonostante i nomi possano trarre in inganno, sono due concetti ben diversi. Nel caso del car-sharing (condivisione dell’auto), individui che non posseggono un’automobile ne prenotano una fra quelle a disposizione nell’ambito del gruppo: è una sorta di noleggio, ma a prezzi notevolmente più modici e modalità differenti (in genere si tratta di una sorta di abbonamento ad un servizio).

Nel road-sharing (condivisione del viaggio, letteralmente “della strada”) ciò che si condivide è il percorso, non il veicolo, che è normalmente di proprietà di uno dei viaggiatori; inoltre non si tratta di un servizio al quale si aderisce per un lungo periodo, bensì ogni viaggio rappresenta un evento a sé.

sito road sharing
Per sostenere l’iniziativa è possibile anche diventare eco-partner di www.roadsharing.com
Per sostenere l’iniziativa è possibile anche diventare eco-partner di www.roadsharing.com. Aziende, enti pubblici e privati possono aderire al progetto e promuoverlo nell’ambito della propria attività.

Essi hanno la facoltà di gestire una pagina web con link (connessione) al sito principale, che può essere personalizzata con un testo a propria scelta e un logo. Ciò consente di allargare la visibilità e la conoscenza della piattaforma di condivisione, nonché di favorire l’uso locale del servizio.

Al momento la ricerca dei “compagni di viaggio” è legata soprattutto ai percorsi di lungo chilometraggio, ma col tempo potrebbe diffondersi l’uso di tale strumento per mettere in contatto pendolari e quindi far nascere gruppi di viaggiatori abituali su tratta breve (soprattutto per i percorsi mal coperti dai mezzi pubblici).

Meno auto, ma più piene di gente, per un futuro più verde.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
EBooks - Il Futuro dei Trasporti

L'inevitabile esaurimento dei combustibili fossili impone una nuova pianificazione nei trasporti. nell'arco...
Continua...
Mobilità. I Segni del Collasso

Il prof. dr. h. c. frederic vester presiede il gruppo di studio per biologia e ambiente a monaco di baviera...
Continua...
26 Aprile 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
2 lettori hanno commentato questo articolo:
2/6/10 06:04, Paola M. ha scritto:
Forse Arturo non ha capito come funziona il servizio!!
Lo uso da un anno e mi sono sempre trovata benissimo, ci sono i feedback sugli utenti, la messaggistica interna per gestire i primi contatti senza dare il proprio indirizzo, gli amministratori sono sempre gentili e rapidi nell'assistenza. Insomma per me Roadsharing è un OTTIMO servizio, ho provato altri portali ma sono piuttosto improvvisati e difficili da usare.
26/4/10 11:41, Arturo ha scritto:
Io ho provato RoadSharing e sono molto deluso.
Sicurezza e trasparenza ZERO!!!
Ma io dico... cerco un viaggio e trovo un tossico per tornare a casa!!!
ma un minimo di filtraggio al servizio!?!?
cani e porci!
MAI PIU'!
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
EBooks - Il Futuro dei Trasporti

Anteprima ebook L'inevitabile esaurimento dei combustibili fossili impone una nuova pianificazione nei...
Continua...
Manuale di Sopravvivenza alla Fine del Petrolio

Un'approfondita riflessione e un manuale ricco di suggerimenti e proposte concrete per modificare il...
Continua...
What's your country?

Dalla Liguria alla Grecia, dalla Turchia all'Iran, dal Pakistan all'India, dalla Thailandia al Laos, dal...
Continua...
Economia all'Idrogeno

Nonostante molti siano convinti che esista petrolio a sufficienza per il fabbisogno dei prossimi...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità