L'Urlo

Enel e gli altri, quando di lavoro si muore

La tragica morte di un operaio che lavorava presso la centrale Enel di Civitavecchia non è che l'ultimo di una lunga lista di decessi che hanno come causa la mancata sicurezza sul lavoro. Il problema è quantomai attuale, ma in Italia il dibattito langue e non appena si spengono le telecamere e si affievolisce il clamore per l'ultimo caso, l'argomento ripiomba nel silenzio.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Andrea Degl'Innocenti

Morto sul lavoro
Morti sul lavoro: il 3 aprile presso la centrale Enel di Civitavecchia si è compiuta l'ennesima tragedia italiana
Neanche 20 giorni fa si è compiuta l'ennesima tragedia sul lavoro italiana. È il 3 aprile. Alla centrale Enel di Torrevaldaliga Nord, nei pressi di Civitavecchia, cinque operai stanno lavorando presso una conduttura che trasporta acqua e ammoniaca, a 15 metri di altezza.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, in seguito smentita da Enel, la pressione eccessiva fa esplodere improvvisamente il tubo di raffreddamento dell'impianto, ed un getto liquido colpisce con violenza un operaio, scaraventandolo contro un palo. Sergio Capitani, 34 anni, originario di Tarquinia, muore per il trauma, nonostante i tentativi di rianimarlo. Altri tre operai restano intossicati dalle esalazioni dell'ammoniaca.

Così i morti nella centrale di Torrevaldaliga salgono a tre, in tre anni. Decisamente troppi, soprattutto se si considera che si tratta di tragedie evitabili – lo si dice puntualmente in questi casi, poi altrettanto puntualmente non si fa niente per evitarle – dovute al mancato rispetto delle norme di sicurezza sul lavoro.

Che la centrale non fosse sicura lo si sapeva già da tempo. Lo aveva denunciato un anno fa l'eurodeputato Roberto Musacchio di fronte al parlamento europeo. Ma molto prima di lui, prima ancora dei tre incidenti mortali, lo aveva detto la madre di un ragazzo infortunatosi gravemente sul lavoro.

L'incidente era avvenuto sei anni fa: un martello di circa due chili di peso scivolato di mano ad un operaio era finito addosso al ragazzo che si trovava 14 metri più in basso; niente lacci di sicurezza, nessuna rete di protezione. Il ragazzo se l'era “cavata” con una frattura, per quanto grave. Adesso la madre si sfoga sul blog di Beppe Grillo. “Quando mio figlio si fece male io denunciai la situazione di scarsa sicurezza sul lavoro ai partiti e al sindacato, ma non venni ascoltata”.

Centrale Enel di Civitavecchia
La scarsa sicurezza della centrale era stata denunciata ben sei anni fa dalla madre di un operaio.
I fatti sembrano aver dato tristemente ragione alla signora, che continua: “già quando si iniziò a costruire la centrale, avevano stimato che ci sarebbero stati quattro morti. Siamo arrivati a tre, spero che non si arrivi al quarto”. Dunque tutto secondo programmi. “Lo stesso sindaco ha dichiarato in una recente intervista radiofonica che la centrale Enel è statisticamente in regola”.

A rincarare la dose ci pensano gli operai, durante lo sciopero seguito alla tragedia. “L'Enel – spiegano due di loro, che preferiscono restare anonimi per non rischiare il posto di lavoro – ha mandato i colleghi allo sbaraglio come del resto avviene troppo spesso. Quando accadono questi incidenti è dimostrato che noi le attrezzature di protezione le indossiamo sempre, ma l'Enel ci costringe ad interventi pretendendo rapidità senza saper garantire che a monte vi sia la messa in sicurezza necessaria ad evitare gli incidenti”.

Questo ennesimo fatto di cronaca nera, può essere spunto per alcune considerazione su ambiti diversi. Innanzitutto emerge in maniera sempre più evidente il quadro drammatico della sicurezza sul lavoro in Italia e l'incapacità di instaurare un dibattito pubblico sull'argomento. Il nostro paese è stato maglia nera d'Europa per un lungo periodo e la situazione non pare molto migliorata – si veda a tal proposito il documentario “Gli ultimi del paradiso” che smentisce le statistiche Inail.

La sicurezza degli operai, che dovrebbe essere una conditio sine qua non del lavoro in fabbrica, è troppo spesso considerata alla stregua di una voce di bilancio, pronta a subire in periodi di crisi economica. Un atteggiamento del genere mette in mostra le contraddizioni di un sistema lavorativo, e di una società in genere, che solo apparentemente mettono l'individuo al centro delle proprie priorità, ponendovi in realtà solo la sua proiezione economica e tralasciando la tutela di tutti gli altri aspetti, salute in primis.

Inquinamento
La fabbrica Enel di Civitavecchia, convertita a carbone, emette ogni giorno polveri e sostanze nocive nell'aria, che si depositano sulle case e nei terreni agricoli.
Un secondo genere di considerazioni riguarda la definizione stessa di “morti dovute al lavoro”. La fabbrica Enel di Civitavecchia infatti, convertita a carbone, emette ogni giorno polveri e sostanze nocive nell'aria, che si depositano sulle case e nei terreni agricoli. Con effetti che non hanno tardato a farsi sentire. “Le morti per tumore ai polmoni, per leucemia, sono aumentate – continua nell'intervista la madre del ragazzo incidentato – i bambini nascono quasi tutti con l’asma, soffrono di problemi respiratori, anche se ci assicurano che tutto quanto è in regola, che la centrale a carbone non inquina.

Insomma si muore nelle fabbriche e si muore anche fuori. E al dramma degli incidenti si aggiunge l'altro dramma, che sta in mezzo fra una morte e l'altra: il silenzio assordante che sopraggiunge non appena si spengono le telecamere e finisce il clamore per un fatto di cronaca. Un silenzio interrotto solo da qualche dichiarazione rassicurante: “va tutto bene, le emissioni sono nella norma, non esiste un problema sicurezza”. In attesa di un altro decesso.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Lavorare Uccide

Le morti che avvengono per incidenti sul lavoro si chiamano, in italia, morti bianche. bianche come il...
Continua...
Voglia di Cambiare

Le morti sul lavoro, il precariato, le case sempre più costose, i trasporti, l'energia, la sicurezza...
Continua...
22 Aprile 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
2 lettori hanno commentato questo articolo:
23/4/10 10:22, luisa ha scritto:
non è giusto che il profitto vada a scapito della salute e della sicurezza sul lavoro.
23/4/10 08:52, Anna ha scritto:
Sono convinta che tutto questo avviene per profitti e intrallazzi vari, logicamente è più conveniente tacere sempre anche di fronte all'evidenza, ognuno di noi è solo una pedina, non abbiamo nessuna voce, non ci danno mai retta e pare chiaro, come per tutte le leggi, che pur noi contrari vengono applicate, che contiamo...nulla, siamo voti solo al momento di mettere uno a capo...
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
Uno spazio conquistato a fatica. Uno spazio dove gridare sottovoce, ma senza paure, tutti i pensieri e le emozioni che la nostra quotidianità fatta di asfalto, rumore e cemento ci obbliga ad ingoiare silenziosamente.
RUBRICA A CURA DI...

Alessandro Rizzato

Vai alla pagina personale...

PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Salvare l'Ambiente Conviene

Quello di Jacopo Fo è un libro di valide e ragionevoli alternative all’insegna di un duplice...
Continua...
La decrescita felice

I segnali sulla necessità di rivedere il parametro della crescita su cui si fondano le società industriali...
Continua...
Manuale di Sopravvivenza alla Fine del Petrolio

Un'approfondita riflessione e un manuale ricco di suggerimenti e proposte concrete per modificare il...
Continua...
Trafficologia

Ci sediamo, avviamo il motore e partiamo, convinti di avere tutto sotto controllo. Ma siamo sicuri? È proprio...
Continua...
Grandi Opere

Le Grandi Opere sono il simbolo di un mondo antiquato, corrotto e cadente: sono superate e inutili per chi...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità