Riscaldamento, centralizzare per condividere

È tempo di spegnere i riscaldamenti e metterli a riposo fino al prossimo autunno. Una buona occasione per riflettere sulla scelta tra sistemi centralizzati e sistemi autonomi, soprattutto per quanti si apprestano a cambiare casa o a sostituire un vecchio impianto. E allora, prima di scegliere conviene valutare alcuni fattori di natura non solo economica e funzionale, ma anche etica.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Virginia Greco

riscaldamento centralizzato autonomo
L'agenzia ANEA ha invitato i cittadini a preferire gli impianti centralizzati rispetto a quelli autonomi
Dopo un inverno particolarmente rigido, anche quest’anno è finalmente arrivata la primavera e con essa la fase della riduzione del riscaldamento negli edifici fino al completo spegnimento degli impianti. Tale processo è regolato da un calendario nazionale differenziato a seconda delle condizioni climatiche regionali.

Il 31 marzo è stata la data fissata per la chiusura dei riscaldamenti nel capoluogo campano e, in occasione di tale evento, la ANEA, agenzia che si occupa per conto del Comune di Napoli del controllo e della manutenzione degli impianti, ha invitato i cittadini a preferire gli impianti centralizzati (meglio se ad alta efficienza) rispetto a quelli autonomi, molto spesso ritenuti più convenienti.

L’ANEA (Agenzia Napoletana Energia Ambiente) è un consorzio indipendente e senza fini di lucro che promuove l’uso razionale dell’energia, la diffusione delle fonti rinnovabili, la tutela dell’ambiente e la mobilità sostenibile. Esso si occupa di fare informazione e formazione a vari livelli e di fornire assistenza tecnica agli enti locali e alle imprese.

Nel comunicato stampa rilasciato lo scorso 31 marzo il direttore del suddetto consorzio, Michele Macaluso, ha ricordato ai cittadini come gli impianti centralizzati siano da preferire a quelli indipendenti: essi – infatti – “sono più sicuri perché installati in un locale caldaia ad hoc e non in casa come gli autonomi, consumano molto meno di questi ultimi e la loro manutenzione è affidata all’intero condominio”.

I rendimenti di una sola caldaia di grandi dimensioni e potenza elevata sono in effetti di gran lunga maggiori di quelli del corrispettivo gruppo di caldaie di piccola taglia. La cosa è comprensibile intuitivamente (già solo il “mettere in moto” un unico grande sistema piuttosto che tanti piccoli rappresenta una riduzione di sprechi fisiologici non indifferente), ma è senza dubbio largamente confermata da dati statistici raccolti negli anni.

Quanto alla manutenzione, gli interventi (abbastanza regolari) si richiedono tanto sui piccoli quanto sui grandi impianti e la spesa pro-capite relativa ai due casi è equivalente, con il vantaggio che se l’impianto è centralizzato sarà il condominio (nella persona dell’amministratore) ad assicurarsi che essa venga svolta quando necessario. In più essa avrà luogo anche nel caso in cui il singolo inquilino sia assente per lungo periodo, così che al suo ritorno non dovrà preoccuparsi di scoprire se il proprio impianto funzioni ancora e sia in regola.

impianto riscaldamento
Un impianto centralizzato ha una struttura più semplice
Un impianto centralizzato ha inoltre, in generale, una struttura più semplice, in quanto la sua architettura di tubature e connessioni è concepita in maniera da essere articolata a partire da una struttura centrale, una sorta di spina dorsale dotata di tubature di diametro maggiore, verso i vari appartamenti, che rappresenteranno gli arti di dimensioni minori. Un impianto più semplice ed ottimizzato consente a sua volta una riduzione degli sprechi e, quindi, un risparmio in termini di energia impiegata.

Di fatto gli utenti, al giorno d’oggi, prediligono spesso l’impianto autonomo perché ritengono in tal modo di poter avere in casa la temperatura che preferiscono e di poter risparmiare tenendo il riscaldamento spento durante il giorno, quando sono fuori per lavoro, o durante gli interi periodi di assenza (per esempio per vacanza).

In realtà queste convinzioni sono piuttosto illusorie. In primo luogo, in generale le temperature sono stabilite secondo delle opportune normative, tenendo in considerazione ovviamente il clima del luogo, la collocazione dell’edificio, nonché la sua conformazione. Il risparmio è fittizio perché, se è vero che quando non si è in casa non si ha bisogno del riscaldamento, è altrettanto vero che se si lasciano raffreddare troppo le pareti, occorre poi un tempo maggiore e un consumo superiore per riportarle ad una temperatura confortevole, di conseguenza quel che si è risparmiato durante l’assenza lo si ripaga al ritorno (in termini economici e di minor confort).

Nel caso – invece – in cui, in virtù dell’autonomia dell’impianto, qualcuno “ecceda” nel tenere il proprio riscaldamento troppo spesso spento o addirittura sempre inattivo a causa di assenze molto prolungate, di fatto lede gli altri condomini.

Ciò perché il mantenimento di temperature per tutti confortevoli, all’interno di un edificio unico, deriva dal funzionamento combinato di tutti gli impianti. I muri, i pavimenti, le strutture comuni vengono riscaldate dagli appartamenti che li condividono. Se uno di essi non partecipa a questo compito, fa sì che l’altro debba svolgere molto più lavoro, quindi consumare e spendere di più, per supplire alla mancanza. Si può arrivare all’assurdo che un appartamento sia mantenuto ad una temperatura di 18-19°C solo in virtù del riscaldamento dato dagli altri. Ciò è evidentemente non equo.

riscaldamento termometro
Nelle località particolarmente fredde può essere necessario tenere gli impianti accesi anche se non si è sul luogo
A tal proposito si consideri anche che, nelle località particolarmente fredde, in alcuni periodi dell’anno può essere necessario tenere gli impianti accesi anche se non si è sul luogo al fine di evitare il congelamento dell’acqua nei tubi o la degradazione delle strutture. Nel caso di un condominio termoautonomo qualcuno potrebbe venir meno a questo obbligo lasciando che siano gli appartamenti vicini a mantenere il proprio ad una temperatura superiore al livello di guardia.

In scenari di tal tipo occorre riflettere dunque su quella che può essere considerata una sorta di etica del condominio. Sebbene l’accorpamento di case in un unico edificio sia spesso dettata da esigenze di spazio, in realtà il condominio nasce proprio con l’intento di condividere strutture e servizi, al fine di garantire un confort comune a fronte di un certo risparmio. Nel momento in cui un cittadino acquista o affitta un appartamento in condominio, sottoscrive tacitamente questo codice di condivisione. Le singole abitazioni non possono dunque considerarsi entità a sé.

L’impianto centralizzato dovrà essere strutturato in modo da garantire il mantenimento della medesima temperatura in ogni appartamento. Ciò può significare una diversa articolazione delle condutture e – nelle soluzioni più moderne – la predisposizione di sensori che determinino la temperatura nelle varie regioni dell’edificio e regolino il funzionamento delle parti dell’impianto eventualmente in modo indipendente.

Questo si rifletterà anche nella suddivisione delle spese. Ovviamente ognuno pagherà in funzione del volume d’aria riscaldato (quindi in generale un appartamento più grande coincide con una spesa maggiore), ma a questo schema occorre aggiungere dei correttivi (cosa che purtroppo non sempre avviene). Ad esempio, una casa dotata di balconi non deve pagare per l’area da essi occupata, in quanto si tratta di strutture non riscaldate.

consumi costi riscaldamento
Con l'impianto centralizzato ognuno pagherà in funzione del volume d’aria riscaldato
Ma ben più delicata è la questione del posizionamento del singolo appartamento all’interno dell’edificio: se esso è esposto a nord o sull’eventuale lato ventoso, avrà esigenze di riscaldamento maggiori, ma ciò non deve ricadere sulla bolletta del singolo proprietario. Prima di tutto esso si troverà con tale posizionamento evidentemente in maniera “casuale”, in quanto in generale non è qualcosa che è esplicitamente richiesta dal condomino, ma soprattutto gli appartamenti posti sul lato svantaggiato proteggono gli altri e quindi garantiscono loro una temperatura più elevata. Oneri e onori devono dunque essere equamente ripartiti.

Allo stesso modo le bollette inerenti il consumo di acqua calda (da impianto centralizzato) deriveranno da una suddivisione ragionata: ognuno pagherà un importo di base determinato dal semplice fatto di avere un impianto a disposizione, l’altra parte sarà invece direttamente proporzionale al consumo.

Oltre ad un notevole risparmio sui consumi, la scelta di installare un impianto centralizzato ad alta efficienza (quindi del tipo a condensazione) consente l’accesso alle detrazioni Irpef del 55%, aumentandone dunque la convenienza.

Al giorno d’oggi esistono di fatto anche impianti centralizzati che consentono una certa autonomia in termini di temperatura ed ore di funzionamento per il singolo appartamento. Questo senza dubbio farà accrescere la preferenza per il centralizzato ma, come abbiamo fatto notare in precedenza, potrebbe rinnovare il problema del venir meno all’etica di condominio e al suo buon funzionamento in quanto entità unica (quale è).

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
La casa ecologica

Trattazione di tutti i temi principali dell'abitare sano. utile per chi voglia trasformare la propria casa in...
Continua...
Guida alla Bioedilizia e all'Arredamento Ecologico

Una guida completa con tutti gli indirizzi e le indicazioni pratiche sull'ecologia dell'abitare. uno...
Continua...
Manuale di Bioedilizia

perche´ fare una costruzione in bioedilizia? come fare una costruzione in bioedilizia? a queste...
Continua...
Il Libro Completo della bioedilizia

La bioedilizia risponde all'esigenza sempre più diffusa del "costruire sano", a basso impatto ambientale e...
Continua...
13 Aprile 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
2 lettori hanno commentato questo articolo:
15/4/10 08:03, Mimmo ha scritto:
Concordo pienamente con Barbara: anch'io vivo in un condominio con riscaldamento centralizzato dove lo spreco di energia fossile è enorme. Tenengo chiusi tutti i termosifoni e non si scende sotto i 20 °C, anche in pieno inverno nella campagna milanese. Almeno così ho la speranza che il consumo diminuisca dell'1%. Possono esserci anche leggi che obbligano a tenere la temperatura domestica a 20°C ma, in casa mia, con tutti i termosifoni aperti si superano i 26 gradi.
E il condominio preferisce investire in citofoni di ultima generazione (touch-screen) invece che in pannelli solari...
13/4/10 07:54, Barbara ha scritto:
Nel 2007 ho lasciato la mia vecchia casa di 48 mq con riscaldamento centralizzato per passare a una casa leggermente più grande ma meglio organizzata di 60, con riscaldamento autonomo.
Nella vecchia casa spendevo 600 euro a inverno solo di riscaldamento, e va detto che avevo solo due termosifoni funzionanti, nella nuova quest'inverno ho speso circa 300 euro tra riscaldamento, acqua calda e gas per cucina.
Manutenzione caldaia: 50 euro.
Capisco gli studi che sicuramente sono molto accurati, ma forse chi li ha condotti non ha tenuto conto di fattori quali i vicini che aggiungono abusivamente termosifoni, i vicini che li vogliono per 10 ore al giorno quando fa comodo a loro (io esco alle 7 di mattina e rientro alle 8 di sera), i vicini che hanno i termosifoni a palla e le finestre spalancate per ore... eccetera eccetera
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
L'Insostenibile Leggerezza dell'Avere

In un passato anche recente molti preannunciarono che il sistema economico e il modello di sviluppo del mondo...
Continua...
Bebè a Costo Zero

Questa guida al consumo critico si addentra nell'affollato mondo dei prodotti per l'infanzia, per scoprire...
Continua...
Il consumo critico

La strategia vincente per una spesa "giusta" e lo stile di vita del consumatore consapevole, selettivo,...
Continua...
Il Voto nel Portafoglio

C'è un voto che si esercita collettivamente, e fa vivere la democrazia. C'è un voto, però, che può...
Continua...
Manuale di Autoproduzione delle Sementi

Il manuale è il risultato di un lavoro di 15 anni finalizzato alla ricerca e al recupero di vecchie varietà...
Continua...
La Fatica e l'Ingegno

Le tecniche per la costruzione di buone ruote per i carri si tramandavano di padre in figlio ed erano...
Continua...
Ecologia al gabinetto

Dopo il fallimento dei depuratori per riconsiderare radicalmente il nostro atteggiamento verso lo smaltimento...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
The story of Stuff - La storia delle cose
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità