Eolico, il parco di Obama bocciato dalle tribù

Le tribù indiane Wampanoag residenti in Massachusetts protestano contro il parco eolico offshore voluto da Obama. Il motivo della loro opposizione è che le pale necessarie alla produzione di energia sorgerebbero proprio sui luoghi da loro deputati alle pratiche spirituali ed alla tumulazione dei defunti.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Romina Arena

impianto off shore indiani
Gli indiani Wampanoag che abitano le zone nel sud-est del Massachusetts dimostrano una certa insofferenza verso le pale eoliche che dovrebbero sorgere sui loro territori
La costruzione di impianti eolici suscita sempre ampie discussioni. Energia pulita sì, ma ad un prezzo enorme in termini di paesaggio e residenzialità territoriale. Dove sorgeranno le pale, quale impatto avranno sul paesaggio e sull’ambiente, sono tra le questioni più frequenti intorno alle quali si accendono serrati confronti tra i sostenitori ed i detrattori di questa particolare fonte di energia. Già da tempo gli indiani Wampanoag che abitano le zone nel sud-est del Massachusetts dimostrano una certa insofferenza verso le pale eoliche che dovrebbero sorgere sui loro territori e violerebbero quei costumi ancestrali e quelle pratiche religiose di cui essi sono custodi.

La protesta per ora ha bloccato la realizzazione del primo parco eolico off shore degli Usa e gli sforzi dell'amministrazione Obama per promuovere le fonti rinnovabili di energia. Il progetto è stato appaltato alla ditta privata Cape Wind Associates, la quale dovrebbe costruire 130 pale eoliche su un banco di sabbia nel bel mezzo del Nantucket Sound, un canale tra Cape Cod e le isole di Martha's Vineyard e Nantucket.

Il progetto era pronto per essere realizzato, avendo ottenuto nel 2009 l’approvazione da parte del governo federale Usa, ma il 4 gennaio 2010 il National Park Service ha accolto le richieste delle tribù indiane dei Wampanoag Mashpee di Cape Cod e dei Wampanoag Aquinnah di Martha's Vineyard decidendo che il Nantucket Sound poteva essere incluso nel National Register of Historic Places e che quindi si tratta di una cosiddetta "traditional cultural property" da sottoporre alla tutela del patrimonio paesaggistico.

Le motivazioni addotte dal National Park Service sostengono che le pale eoliche potrebbero disturbare il regolare svolgimento degli esercizi spirituali delle tribù. Inoltre, le fondamenta delle torri potrebbero distruggere un eventuale sito di sepolture indiane che potrebbe essere scomparso 6.000 anni fa sotto il mare e che ora sarebbe a 10 metri circa di profondità.

wampanoag impianto eolico
Le fondamenta delle torri potrebbero distruggere un eventuale sito di sepolture indiane che potrebbe essere scomparso 6.000 anni fa sotto il mare
La Cape Wind, tuttavia, ha avanzato le proprie ragioni sostenendo che dai sondaggi fatti nell'area e da altre ricerche subacquee siano stati rilevati banchi di alghe e sabbia, ma nessuna evidenza di artefatti umani.

Mettere una parola definitiva sulla diatriba, ad ogni modo, spetterà al segretario americano agli interni Ken Salazar, il quale si riserva di decidere entro la fine di aprile se consentire alla Cape wind di procedere.

La stranezza della faccenda sta in alcune affermazioni che vorrebbero inesistenti, sui luoghi destinati al parco, i riti che i Wampanoag paventano. A sostenerlo è Jeffrey Madison, ex esponente del Wampanoag tribal council di Aquinnah nonché uno degli avvocati di punta della Cape Wind. Di più, il progetto è addirittura sostenuto dalle due più importanti organizzazioni ambientaliste del Paese, mentre gli oppositori avanzano motivazioni altre rispetto alle pure ragioni religiose, affermando che le pale eoliche, che sorgerebbero a cinque miglia marine dalla costa, danneggeranno la pesca, creeranno difficoltà alla viabilità aerea oltre a disturbare il turismo balneare.

Una storia intricata, insomma, che va ad aggiungersi alle tante esperienze di cittadini comuni che lottano contro la depredazione del territorio in cui vivono. La decisione di Salazar a favore della Cape Wind sembra quasi scontata, ma i Wampanoag hanno deciso di lottare lo stesso con i mezzi che hanno a disposizione e con la forza delle loro tradizioni.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Eolico: Paesaggio e Ambiente

L'energia eolica rappresenta il comparto energetico caratterizzato dal più rapido tasso di crescita assieme...
Continua...
Energie Rinnovabili

Il tema delle energie rinnovabili è di fortissima attualità, non solo (e non tanto) per le sue implicazioni...
Continua...
13 Aprile 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Un Futuro Senza Luce?

Il nostro sistema energetico spreca e disperde nell'atmosfera più energia di quanta ne utilizzi....
Continua...
Salvare l'Ambiente Conviene

Quello di Jacopo Fo è un libro di valide e ragionevoli alternative all’insegna di un duplice...
Continua...
EBooks - Come Evitare la Trappola Nucleare

Anteprima ebook 1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità