Legambiente

Asinara, vendesi faro al miglior offerente


CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

faro punta scorno asinara
Il ministero della Difesa mette in vendita l’antico faro di Punta Scorno all’Asinara, con finalità turistico alberghiere
Il ministero della Difesa mette in vendita l’antico faro di Punta Scorno all’Asinara, con finalità turistico alberghiere, nell’ambito del piano di dismissioni dei suoi immobili.

Una proposta indecente secondo Legambiente, che sottolinea l’assenza in questo dibattito della principale parte in causa: l’ente parco dell’Asinara.

“Il parco, purtroppo, passa da un commissario all’altro e sembra non dover trovare pace – dichiara Sebastiano Venneri, vice presidente dell’associazione ambientalista –. E’ il primo ente che il ministero avrebbe dovuto consultare prima di formulare il suo progetto di vendita e riconversione del faro. Si moltiplicano le proposte di questo o di quell’esponente di governo per il futuro dell’Asinara; ora è la volta del sottosegretario Crosetto, qualche mese fa è stato il ministro Alfano a lanciare l’ipotesi di riattivare il carcere di massima sicurezza sull’isola. Tutte idee per un futuro di là da venire, ma nessuno che si preoccupi del presente dell’isola, fatto di abbandono, di commissariamenti e di scarsa attività istituzionale”.

"La proposta del sottosegretario – aggiunge il presidente di Legambiente Sardegna Vincenzo Tiana - cozza con lo statuto autonomo della Regione che prevede il passaggio automatico dei beni ceduti dallo Stato alla Regione".

8 Aprile 2010 - Scrivi un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
IN VETRINA
A partire da quest'estate, molte località italiane diventano balneabili "per decreto". In altre parole interi tratti di costa vengono dichiarati balneabili, non perché meno inquinati, ma solo perché è cambiata la legge. Legambiente denuncia la questione come un passo indietro in tema di depurazione, che lascia un deficit imbarazzante ad uno dei Paesi più industrializzati al mondo.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità