Bolivia, La Paz: un futuro senz’acqua?

I ghiacciai della Cordillera Real boliviana, che costituiscono la riserva idrica di 1.600.000 abitanti, si stanno sciogliendo più rapidamente del previsto, tanto che il governo sta valutando la possibilità di spostare una parte della popolazione da La Paz ad altre zone del Paese.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Laura Pavesi

la paz ghiacciai
I dati relativi al monitoraggio dei piccoli ghiacciai a nord di La Paz evidenziano che il ghiacciaio Zongo si è ritirato di circa 10 metri in 10 anni
L’area urbana di La Paz, con i suoi 1.600.000 abitanti totali, è delimitata a nord ovest dalla Cordillera Real, fonte di approvvigionamento idrico sia per la capitale (circa 800.000 abitanti) sia per El Alto (che conta oltre 800.000 abitanti) - nata come quartiere di La Paz e dichiarata città nel 1986. Un recente studio scientifico pubblicato dalla BBC mostra come negli ultimi 10-15 anni i ghiacciai boliviani si siano sciolti ad una velocità dieci volte superiore a quella dei decenni precedenti, mettendo in serio pericolo le riserve idriche di una delle aree più popolate dell’America latina.

I ghiacciai, lo sappiamo, si stanno sciogliendo a livello planetario, ma quelli definiti “tropicali” - la maggior parte dei quali si trova proprio sulle Ande - si stanno ritirando ancor più velocemente. Questi ghiacciai sono situati a grandi altezze, ma a latitudini basse e sono, quindi, particolarmente esposti e sensibili ai cambiamenti climatici.

In Europa e negli altri continenti i ghiacciai accumulano riserve di ghiaccio durante la stagione fredda, mentre i ghiacciai andini immagazzinano neve durante l’estate, quando le radiazioni solari sono al massimo. E a causa dei cambiamenti climatici e del conseguente innalzamento delle temperature del pianeta, i ghiacciai tropicali andini non riescono più ad immagazzinare sufficienti riserve di neve ed il processo di liquefazione dura tutto l’anno.

Il processo di scioglimento dei ghiacciai boliviani sta procedendo più rapidamente del previsto e sta condannando i ghiacciai più piccoli all’estinzione in tempi brevi. I dati relativi al monitoraggio dei piccoli ghiacciai a nord di La Paz evidenziano che il ghiacciaio Zongo si è ritirato di circa 10 metri in 10 anni, perdendo un metro all’anno di spessore, mentre il vicino Chacaltaya (conosciuto per le piste di sci più alte del mondo) ha perso il 40% sia di spessore che di superficie.

Il Chacaltaya, inoltre, è giunto al punto di non ritorno: il ghiacciaio non riesce più ad accumulare sufficienti riserve di ghiaccio, soprattutto nelle parti a contatto con la roccia. Esposte a temperature più elevate della media, le rocce si surriscaldano e agiscono come un “forno” che dissolve la neve, accelerando così il processo di scioglimento. Nemmeno l’inverno 2000-2001, che era stato eccezionalmente nevoso in tutta la regione, è riuscito a contenere la progressiva perdita di massa e di spessore.

A questa velocità, secondo gli scienziati, se le temperature continueranno ad innalzarsi e le precipitazioni a scarseggiare, tutti i piccoli ghiacciai intorno all’area urbana di La Paz scompariranno entro il 2020, generando un’allarmante scarsità d’acqua. L’approvvigionamento idrico di El Alto e di La Paz viene per la maggior parte dai ghiacciai, ma se lo scioglimento della neve è maggiore dell’accumulo, questi perdono massa e non riescono a produrre corsi d’acqua significativi.

el alto popolazione ghiacchiai
Al ritiro dei ghiacciai e alla riduzione delle precipitazioni si aggiunge un'altra fonte di preoccupazione per il governo boliviano: la crescita incontrollata della popolazione di El Alto
Al ritiro dei ghiacciai e alla riduzione delle precipitazioni, però, si aggiunge un'altra fonte di preoccupazione per il governo boliviano: la crescita incontrollata della popolazione di El Alto, alla quale fa seguito una richiesta sempre maggiore di acqua corrente e l’incapacità del servizio idrico di coprire tutte le richieste di collegamento alla rete. Nella città di El Alto interi quartieri sono ancora privi di condutture idriche e possono contare solo su fontanelle pubbliche che, per diversi giorni la settimana restano a secco.

Si calcola che un quarto della popolazione dell’area urbana di La Paz non abbia accesso all’acqua. E l’esasperazione porta i residenti ad installare rubinetti abusivi, con il risultato che spesso scoppiano liti per l’accesso all’acqua corrente e, in alcuni casi, anche scontri violenti. La mancanza di acqua è sempre fonte di contrasti, ma per la comunità scientifica internazionale la situazione boliviana è molto preoccupante.

Poiché le cime innevate della Cordillera Real, e in particolare quelle dello Hayuna Potosí, non solo forniscono acqua ad oltre 1 milione mezzo di persone, ma alimentano anche una serie di centrali idroelettriche necessarie a soddisfare i fabbisogni energetici delle due città, il loro rapido scioglimento è direttamente proporzionale all’inasprirsi delle tensioni sociali.

Il governo boliviano sta valutando diverse soluzioni al problema. Una soluzione a breve termine è quella di captare nuove falde sotterranee, ma a lungo termine servirebbero soluzioni più drastiche. Per questo motivo sta prendendo in seria considerazione la possibilità di trasferire una parte della popolazione di La Paz e di El Alto in altre zone del paese.

evo morales
Evo Morales Ayma chiederà ai paesi industrializzati di modificare l’attuale sistema economico
Si tratterebbe di un piano di migrazione programmata verso il nord della regione, in un’area ricca di sorgenti e di foreste tropicali sulla quale dovrebbero sorgere nuovi insediamenti. Secondo le autorità locali, nei prossimi anni la migrazione di persone da La Paz verso nord ci sarà in ogni caso, programmata o meno: se le previsioni sono corrette, la mancanza di acqua sarà così drammatica che la capitale sarà destinata a spopolarsi comunque.

Ma il governo boliviano non si ferma qui. Come molti paesi in via di sviluppo, la Bolivia paga le conseguenze dell'inquinamento causato dai paesi industrializzati ed è per questo che il presidente Evo Morales Ayma, nel corso della Conferenza Mondiale dei Popoli sul Cambiamento Climatico ed i Diritti della Madre Terra - da lui fortemente voluta e prevista a Cochabamba dal 20 al 22 aprile 2010 - chiederà ai paesi industrializzati di modificare l’attuale sistema economico, che causa danni ambientali e sociali a livello planetario.

All’evento, che nasce come reazione dei paesi in via sviluppo alla Conferenza Mondiale del 2009 a Copenhagen, parteciperanno popoli indigeni e originari, scienziati, governi, attivisti, istituzioni e tutti coloro che si impegnano nella difesa della madre Terra.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Acqua Fonte di Democrazia

L'uso delle nuove tecnologie dell'informazione per poter lavorare insieme ridiscutendo il tema ""acqua""....
Continua...
Acqua con Giustizia e Sobrietà

In acqua con giustizia e sobrietà, l'autore affronta in otto capitoli il problema dello spreco,...
Continua...
Acqua S.p.a.

Un'inchiesta a tutto tondo sull'acqua e sui mille scandali che le ruotano attorno, in italia e non solo:...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
1 Aprile 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità