Biohazard

"Ci hanno convinti a non votare"

Al termine di una ennesima campagna elettorale violenta e sincopata, il vincitore indiscusso sembra essere il disincanto. Vola l'astensione, crollano Pd e Pdl e emerge dal silenzio mediatico la lista dei "grillini", da molti indicata come l'espressione di un voto di protesta (ma sarà vero?). Facciamo il punto con Marco Cedolin.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Marco Cedolin

astensione
Un invito all'astensione elettorale e al non voto
Non possono esistere dubbi sul fatto che il dato più emblematico uscito (o sarebbe meglio dire mai entrato) dalle urne di queste elezioni regionali di marzo 2010 sia costituito dai quasi 3 milioni e mezzo in più di cittadini che non si sono recati a votare, portando il “partito” dell’astensione a sfiorare il 37%, diventando di fatto il maggiore partito del Paese. Un incremento nell’ordine dell’8%, con punte fra il 14%, il 12% e il 10% in Puglia, Lazio e Toscana, che qualifica il partito del non voto come l’unico reale vincitore di questa tornata elettorale.

Una vittoria, quella del non voto, determinata da una campagna elettorale sincopata, nevrotica al limite del parossismo, giocata esclusivamente intorno allo screditamento dell’avversario, totalmente priva di qualsiasi abbozzo di programma credibile.

Una campagna elettorale nel corso della quale i problemi reali del paese, che si chiamano crisi occupazionale, disastro economico, crollo del potere di acquisto delle famiglie, inquinamento del territorio, sono stati lasciati a margine da parte delle due coalizioni impegnate a contendersi il governo delle regioni.

Una campagna elettorale imperniata sulla violenza verbale dispensata a piene mani, vissuta fra litigi ed animosità al limite dello scontro fisico, sempre incentrati su differenze artificiali e prive di fondamento, utilizzati per nascondere l’assoluta mancanza di differenze reali fra i due poli che si contendono il governo regionale.

Un italiano su tre ha dunque preferito non recarsi a votare nonostante (o forse anche a causa) la quantità industriale di materiale pubblicitario che ha riempito le buche delle lettere, l’ossessiva tempesta delle telefonate a domicilio, la massa dei manifesti ad abbruttire i muri delle città, la marea di “santini” con faccioni sorridenti e cravatte multicolori. Tutto materiale che a dispetto degli sforzi esperiti dagli esperti del marketing è apparso intriso di un vuoto cosmico, tanto era infarcito di slogan demagogici che sarebbero parsi artificiosi anche agli occhi di un bambino di 5 anni e miravano unicamente a fare leva sulla tanto stantia quanto ormai sempre più improponibile scelta di campo fra destra e sinistra.

Anche in Italia, come nella maggior parte dei paesi occidentali, la distanza fra i partiti politici ed i cittadini continua perciò a farsi sempre più siderale, dimostrando in maniera inequivocabile l’inadeguatezza di un sistema come quello della democrazia rappresentativa, soprattutto qualora gestito in termini di bipolarismo. Anche il clima da “guerra civile” creato nell’occasione e gli “epici” inviti a scelte di campo presentate come decisive, non sembrano avere sortito l’effetto voluto.

I cittadini stanno continuando ad allontanarsi ed i partiti politici parlano ogni giorno di più un linguaggio alieno a chi vive e soffre nel paese reale, un linguaggio autoreferenziale che ben presto rischierà di trasformarsi in una lingua morta.

Per quanto riguarda i risultati elettorali non sono mancate le sorprese e neppure gli elementi che meritano di diventare oggetto di riflessione.

Il centrosinistra, nonostante l’operato del governo Berlusconi non sia stato fin qui entusiasmante, ha nuovamente subito una sconfitta cocente. Se la perdita di regioni come la Calabria, la Campania ed il Lazio può trovare la spiegazione all’interno degli scandali di varia natura che hanno caratterizzato le amministrazioni esistenti, ben più grave appare la debacle in Piemonte. Dove Mercedes Bresso si è vista costretta a cedere il passo a Cota, nonostante fosse riuscita ad incamerare nella propria coalizione tanto l’UDC di Casini quanto la Federazione della sinistra radicale. E’ indicativo il fatto che l’unica regione “a rischio” nella quale il centrosinistra ottiene un risultato positivo sia proprio quella Puglia dove Nichi Vendola ha difeso con i denti la propria candidatura, imponendo una lista più “di sinistra” rispetto al listone in alleanza con l’UDC che era stato imposto da D’Alema

Le liste 5 stelle di Beppe Grillo hanno ottenuto nel complesso risultati di tutto rilievo, fra i quali spiccano Giovanni Favia in Emilia Romagna che ha ottenuto il 7% e Davide Bono in Piemonte arrivato a superare il 4%, a dimostrazione del fatto che esiste senza dubbio ampio spazio di manovra per chi intenda costruire delle alternative ai partiti politici tradizionali.

L’inesorabile continua discesa del centrosinistra, laddove questo non riesce a proporsi come concreto elemento di alternativa, ma semplicemente come una fotocopia sbiadita di Berlusconi, unitamente al buon risultato delle liste che fanno riferimento a Beppe Grillo e al grande incremento dell’astensione, stanno a dimostrare in maniera inequivocabile tanto il “bisogno” di alternative concrete da parte dell’elettorato, quanto la palese incapacità di esprimere le stesse espresse dal sistema dei partiti.

Proprio questo bisogno di alternative concrete, pensiamo possa considerarsi la vera novità di questa tornata elettorale. Una novità destinata naturalmente ad essere sottaciuta, tanto dal sistema dei partiti ormai incancrenito nella spartizione del potere, quanto dai media mainstream che di quel potere rappresentano uno degli elementi cardine.

Articolo tratto da Il Corrosivo

30 Marzo 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
30/3/10 16:52, Piero Tucceri ha scritto:
Io e la mia famiglia non votiamo per questi motivi. Perché ci vergogniamo di essere cittadini di una siffatta parvenza di stato. Recentemente, neppure l'attuale Presidente Napolitano ha voluto commentare questa vergognosa vicenda.

Le istituzioni e il vilipendio dei defunti


“Viviamo un tempo triste. Negli anni finali della mia vita, non immaginavo davvero di dover assistere ad un simile imbarbarimento dell'azione politica, ad una aggressione così brutale e sistematica delle istituzioni e dei valori nei quali ho creduto...”.


Queste parole non provengono dal solito dozzinale politicante, ma dal Presidente Emerito della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi, come riporta il quotidiano “la Repubblica” del 22-11-09.

Nella medesima circostanza, lo stesso si é sciolto in altre simili amenità, aggiungendo, fra l'altro, che l'attuale governo starebbe abbattendo “a colpi di piccone” i principii sui quali si reggerebbe la Costituzione italiana.
Normalmente, quelle affermazioni non avrebbero superato il proprio alveo; mentre invece, una volta sottoposte all'impietoso riscontro dell'esperienza, si autorelegano nel più esecrabile recesso retorico.
Personalmente, tendo a diffidare di certe metamorfosi: perciò non mi fido neppure di quella ostentata dall'ex Presidente Ciampi.
La quale, si amalgama inequivocabilmente con il concetto di ipocrisia. Intendendo per ipocrita colui che si studia di comparire decoroso e religioso; e, quindi, colui che simula virtù onde irretire.
Non a caso, presso gli antichi greci, ipocrita si appellava un attore che con la voce e con il gesto imitava e rappresentava qualche estraneo personaggio.
Confidando pertanto nell'esperienza, mi riesce arduo definire il contesto antropoculturale rimpianto dall'ex Presidente Ciampi: non é infatti agevole discernere perché l'odierno proscenio sociopolitico scandirebbe un “tempo triste”, così come non convince la sua delusione di dover trascorrere gli “anni finali” della propria vita in un degradato contesto istituzionale, quando, nel rispetto di uno sgomentante “continuum”, adesso come ai suoi tempi, una ignorante e corrotta casta di politicanti, di destra e di sinistra, saccheggiava e seguita imperterrita a saccheggiare quel non soltanto ormai inutile, ma talvolta addirittura pericoloso, pezzo di carta da egli enfatizzato come “la nostra Bibbia civile”.
Bisogna contestualmente ricordare che ciò ricorre dal momento che il Presidente Emerito Ciampi ignorava e ignora ancora come siano trascorsi, durante il paradosso istituzionale espresso dal suo settennato, gli “anni finali” della vita di mio padre.
Le vicende in questione risalgono alla fine di ottobre dell'anno 2.000, quando a mio padre toccò la dolorosa incombenza di accertare il saccheggio, con relativa sottrazione dei cadaveri, subìto dalla tomba destinata ad accogliere i resti di suo padre, di sua nipote deceduta in tenera età e della nonna della bambina.
La responsabilità di quel vilipendio non tardò a manifestarsi. Anche perchè il 23-01-01, prot. N°316, l'Ufficio Tecnico del Comune di Cerchio ingiunse a mio padre il versamento, chissà perché poi mai più preteso!, di L. 325.500, quale spesa sostenuta per la consumazione di quell'oltraggio.
Si rendeva così evidente la responsabilità del comune, e quindi di una diretta promanazione istituzionale, nel riferito vandalismo.
Vorrei di conseguenza osservare all'ex Presidente Ciampi, se non fosse un suo preciso dovere quello di dimostrare, al momento opportuno e in concreto, la reale portata di quelle sue altrimenti vacue affermazioni e di quei “valori”, trasponendoli dall'aleatorietà speculativa alla pratica quotidiana.
Allora, non lo fece.
Allora, si dimostrò inesistente!
Bisogna ricordare infatti che all'epoca era proprio lui, quale Presidente in carica della Repubblica Italiana, il destinatario della lettera inviatagli da mio padre il 02-12-04, con la quale lo esortava a intervenir e istituzionalmente nei confronti della barbarie perpetrata contro i suoi defunti! In quegli anni, mio padre invocò inutilmente l'intervento di qualcuno: denunciò il sopruso subìto alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avezzano (04-11-00, 05-02-01 e 21-04-01), al Prefetto di L'Aquila (05-02-01 e 21-04-01) e, naturalmente, all'allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi (02-12-04).
Ebbene, nessuna delle interpellate espressioni istituzionali sentì il dovere di intervenire!
Fu talmente esemplare il loro senso civico, da non indurli neppure a rispondere alla più che legittima istanza avanzata da un uomo ormai anziano che chiedeva soltanto la restituzione dei resti dei suoi defunti.
Riguardo la Magistratura, merita ricordare il suo a dir poco esemplare comportamento, dal momento che al danno aggiunse la beffa! Ecco infatti cosa essa ebbe il coraggio di comunicare a mio padre: “Procura della Repubblica di Avezzan o. Proc. Pen. nr. 4256/00 n.r.u.
Avviso alla persona offesa della richiesta di archiviazione artt. 408, comma 2, 549 c. p.p., 126 D.Lv. Il Pubblico Ministero Dr.ssa Anna Maria Tracanna, visti gli atti del procedimento nr. 4256/00 nei confronti di: DA IDENTIFICARE ( ma non bastava la richiesta comunale di L. 325.500 per risalire al responsabile di quel sopruso?), indagato per il reato p.p. Dell'art. 407 c.p., visto l'art. 408, comma 2 c.p.p., avvisa...che in data 03-05-01 ha presentato al giudice per le indagini preliminari presso il tribunale, la richiesta di archiviazione, con avvertenza che nel termine di giorni 10 dalla notifica del presente avviso ha la facoltà di prendere visione degli atti e presentare opposizione con richiesta motivata di prosecuzione delle indagini preliminari”.
A quel punto, avrei voluto domandare al Pubblico Ministero Dr.ssa Anna Maria Tracanna, che nel frattempo non volle mai incontrare mio padre!, se lei portava, e porta tuttora, un fiore sulla tomba di suo nonno e dei suoi parenti.
Perché lei può farlo e io no?
Perché, con mio padre, sono istituzionalmente condannato a ignorare la sorte toccata ai miei defunti?
Ma c'è di più!
Quale ulteriore “richiesta motivata”(sic!) doveva e poteva inoltrarle mio padre al di là di non conoscere la fine riservata ai resti di quei suoi cari?
Aveva certamente ragione Wittgenstein nel sostenere che “attraverso i paradossi gli dei ci hanno insegnato che spesso la logica é del tutto superflua”. O é forse questa una ulteriore perla della pretesa “scientificità” del diritto? In conseguenza di quel macroscopico paradosso istituzionale, mio padre, sfiduciato ormai verso tutto e tutti, si isolò in un sempre più preoccupante sconforto che lo congedò da questo mondo nel mese di febbraio del 2.007.
Quindi, dopo ben sette anni di travaglio istituzionale!
Lo fece r impiangendo fino all'ultimo di non aver più potuto deporre un fiore sui resti di suo padre e degli altri suoi due familiari. Mi corre a questo punto l'obbligo precisare all'ex Presidente Ciampi, che colui da egli additato come l'imbarbaritore e il brutale aggressore di non so bene quali istituzioni e “valori”, non é poi peggiore di lui. Tanto da accomunarsi nel vezzo di declinare di rispondere alle domande rivoltegli. “Ab uno disce omnes”, sentenziava a ragione Virgilio nell'Eneide.
Sicuramente, all'ex Presidente Ciampi sfugge quanto sia stato dirimente il suo contributo nel plasmare una società, appunto quella odierna, che non concede spazio al lutto.
Una società vuota! La morte, infatti, dovrebbe indurre tutti a fermarsi e a riflettere.
Perché non si può dare un senso alla vita quando non si considera la morte. Egli probabilmente ignora che ogni assetto sociale si strutturi sempre attorno all'idea della mort e. Perché con essa deve e dovrà comunque misurarsi. Anzi, proprio dalle sue risposte alla morte, si capisce quanto in un determinato contesto storico sia stato presente il senso dell'uomo. Cioè, l'umanesimo. La società rimpianta dal Presidente Emerito Ciampi, non era certamente migliore di quella attuale.
Entrambe uccidono i loro morti; anzi, li uccidono una seconda volta, offendendone la dignità e la fisicità, proprio perché non hanno memoria. La lettera indirizzatagli da mio padre il 02-12-04, si concludeva con una domanda: con la stessa domanda che vorrei riproporgli ora.
Nella speranza che egli non preferisca autoassimilarsi con chi starebbe “imbarbarendo l'azione politica”, oltre che aggredendo le “istituzioni” e i “valori” nei quali avrebbe creduto e crederebbe tuttora.
Da una emittente locale, mio padre aveva ascoltato un messaggio promozionale, o culturale?, di questo tenore: “ Una casa senza libri, é una stalla; una Nazione senza diritti civili, non é una Nazione: é un lager!”.
Al che, mio padre precisò: “E una Nazione che vilipende così affettatamente non soltanto la fisicità, ma ancor più la dignità e la memoria di tre defunti, cosa é?”.
Il Presidente Ciampi, non rispose.
Probabilmente perché preso dai tanti impegni istituzionali. Ma ora potrebbe farlo. Ora che non sarà più oberato da quegli oneri. Magari rivisitando tutto alla luce dell'intervista concessa al quotidiano “la Repubblica” e al fatto che da allora io mi vergogni di essere italiano.


Piero Tucceri
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
Biohazard significa pericolo di contaminazione biologica. Questa rubrica vuole difendere l'informazione dai virus che la contaminano e allo stesso tempo vuole contaminare come un virus positivo l'informazione dominante. Un luogo-non luogo, quindi, dove decontaminarsi dalle tossine del progresso. Dove l'uomo non lotti contro la natura, ma aspiri a costruire un rapporto simbiotico con l'ambiente, perchè quella è la sua casa ed il suo futuro.
RUBRICA A CURA DI...
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Grandi Opere

Le Grandi Opere sono il simbolo di un mondo antiquato, corrotto e cadente: sono superate e inutili per chi...
Continua...
T.A.V. in Val di Susa

Prefazione di Massimo Fini I progetti, i costi e i benefici della costruzione delle linee ferroviarie per...
Continua...
Un Programma Politico per la Decrescita

Il movimento per la decrescita felice si propone di mettere in rete le esperienze di persone e gruppi che...
Continua...
Il Ponte Insostenibile

Lo Stretto di Messina è uno dei luoghi più suggestivi, "una delle più importanti opere d'arte naturali" del...
Continua...
EBooks - Lo Stivale di Barabba

Anteprima ebook L'inevitabile esaurimento dei combustibili fossili impone una nuova pianificazione nei...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità