Legambiente

Acqua del rubinetto: sicura, economica e rispettosa dell'ambiente

Il 20 e 21 marzo Legambiente e Federutility insieme in 60 piazze italiane per promuoverne l'uso e sfatare i luoghi comuni sull'acqua del rubinetto. Sicura, controllata con migliaia di analisi all'anno, economica e rispettosa dell'ambiente.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

acqua rubinetto pubblica
L'acqua del rubinetto è sicura e controllata, oltre che economica e rispettosa dell'ambiente. A garantirne la qualità sono infatti migliaia di controlli che vengono eseguiti ogni anno
L'acqua del rubinetto è sicura e controllata, oltre che economica e rispettosa dell'ambiente. A garantirne la qualità sono infatti migliaia di controlli che vengono eseguiti ogni anno su campioni di acqua per fare analisi su decine di parametri previsti dalla normativa. È quanto emerge dai dati appena diffusi da Legambiente e Federutility - la federazione delle aziende di servizi pubblici locali che operano nel settore idrico - secondo cui sono addirittura 250mila le analisi effettuate in un anno nella città di Roma, altrettante in Puglia e 350mil in Provincia di Milano, Pavia e Lodi.

Il numero di analisi dipende dal volume di acqua distribuito, dalla lunghezza e dalla complessità dell'acquedotto, ma sono sempre molto più numerose dei 4 controlli di routine e del controllo annuale di verifica previsti ogni anno dalla normativa (decreti legislativi n. 31/2001 e n. 27/2002, in attuazione della direttiva europea 98/83/CE). Sono, solo per fare altri esempi, quasi 30mila in Emilia Romagna, 9.500 in Sardegna, 8.500 in Basilicata.

Sono numeri che dimostrano quanto l'acqua di rubinetto delle nostre case sia molto più controllata di quelle in bottiglia. Per queste ultime, infatti, le prescrizioni normative prevedono la realizzazione di una sola analisi all'anno (Decreto 29 dicembre 2003 Art. 3) da parte dei soggetti titolari della concessione, che viene inviata al Ministero della Salute insieme a una autocertificazione relativa al mantenimento delle caratteristiche delle acque. Naturalmente, come per ogni settore anche per quello idrico capitano temporanei disservizi, sospensioni del servizio o uscita temporanea dai parametri qualitativi. Negli anni, però, è cambiata l'importanza dei controlli e la costanza, che insieme alla ripetizione delle analisi da parte di più soggetti - dall'azienda alla Asl -, consentono ormai di individuare i problemi in tempi brevi e di intervenire con provvedimenti d'urgenza, come le ordinanze del Sindaco in caso di parametri qualitativi fuori norma.

Le analisi vengono eseguite in parallelo dagli enti di controllo (Asl e Agenzie regionali protezione ambiente) e dal gestore del servizio idrico, utilizzando anche sofisticate tecnologie di telecontrollo che permettono il monitoraggio in tempo reale di alcuni parametri fondamentali per la potabilità dell'acqua. È sempre più diffusa poi la pubblicazione dei risultati delle analisi sui siti internet delle aziende locali, mentre in alcuni casi si utilizzano le bollette dell'acqua, la pubblicazione sui giornali locali, o materiali divulgativi realizzati appositamente per informare i cittadini.

"I controlli sono fondamentali - ha dichiarato Mauro D'Ascenzi, vice presidente di Federutility - e possono essere garantiti soltanto con una gestione professionale ed industriale del ciclo idrico integrato. Le piccole gestioni dirette comunali spesso non hanno laboratori, tecnologie e personale per effettuare migliaia di controlli come fanno le aziende. Il livello qualitativo dell'acqua italiana è tra i più alti d'Europa nonostante le tariffe più basse e non è questione di fortuna, ma di lavoro e di investimenti".

bottiglie plastica
Solo un terzo delle bottiglie di plastica utilizzate per l'acqua minerale viene raccolto in modo differenziato e destinato al riciclaggio, mentre i restanti due terzi finiscono in discarica o in un inceneritore
Bere l'acqua del rubinetto poi, non è solo sicuro ma anche economico e molto meno inquinante. "Non bere l'acqua di casa - ha aggiunto Sebastiano Venneri, vice presidente nazionale di Legambiente - significa rinunciare ad una risorsa sana, perché controllata con rigorose norme sanitarie, e molto economica, visto che un litro di acqua "del Sindaco" può costare fino a mille volte meno di quella in bottiglia. E poi l'acqua di rubinetto rispetta l'ambiente, non produce rifiuti plastici ed è a 'chilometri zero', non viaggia per centinaia di chilometri su inquinanti TIR, evita il consumo di combustibili fossili, l'emissione di CO2 e di polveri sottili".

Infatti solo un terzo delle bottiglie di plastica utilizzate per l'acqua minerale viene raccolto in modo differenziato e destinato al riciclaggio, mentre i restanti due terzi finiscono in discarica o in un inceneritore. Inoltre il consumo annuo di 12 miliardi di litri di acqua imbottigliata comporta, per la sola produzione delle bottiglie, l'utilizzo di 350mila tonnellate di polietilene tereftalato (PET), con un consumo di 665 mila tonnellate di petrolio e l'emissione di gas serra di circa 910 mila tonnellate di CO2 equivalente. La fase del trasporto dell'acqua minerale infine influisce non poco sulla qualità dell'aria: solo il 18% del totale di bottiglie in commercio viaggia sui treni, tutto il resto viene movimentato su strada.

Per sensibilizzare tutti all'uso di questa preziosa risorsa, che nel nostro Paese è anche di ottima qualità, da oggi, in occasione della Giornata mondiale dell'Acqua del 22 marzo, parte una collaborazione Legambiente - Federutility, che durerà tutto l'anno, per informare e dare consigli per il risparmio idrico e sulla tutela dell'acqua. Con "Acqua di rubinetto? Sì grazie!" la nuova campagna nazionale di promozione dell'acqua di casa, le due associazioni scenderanno in piazza durante il fine settimana del 20 e 21 marzo con oltre 60 iniziative per fornire informazioni pratiche ai cittadini, sfatare luoghi comuni sull'acqua del rubinetto e togliere qualsiasi dubbio riguardo alla sicurezza e al gusto dell'acqua "del Sindaco". Ad animare tutte le iniziative sarà, infatti, anche la particolare degustazione "al buio": una prova che metterà a confronto l'acqua di rubinetto e quella minerale in due brocche identiche e "anonime" per dimostrare che non c'è alcuna differenza di gusto.

A Roma il 20 marzo verrà allestito in piazza Buenos Aires lo stand informativo che distribuirà la mappa delle fontanelle di Roma mentre chi vorrà potrà sottoporsi alla prova di degustazione "al buio". All'iniziativa è legato anche il concorso fotografico "Nasoni de Roma", aperto a tutti per fotografare i nasoni della capitale. Sempre il 20 marzo stand informativi con distribuzione di materiale, bottiglie e caraffe di vetro per conservare l'acqua anche a Parma al mercato degli agricoltori, ad Ancona in Piazza Roma e poi a Rimini, Bologna, Sondrio, Tortona e Novi Ligure (Al), Cuneo, Cosenza, Cagliari, Pisa, Bassano del Grappa (Vi), Brescia, Lovere (Bg) e Arezzo.

Il 21 marzo invece sarà una giornata per conoscere meglio l'acqua a bordo del Treno Verde di Legambiente alla stazione di Vicenza, a Milano presso i Giardini Indro Montanelli in Corso Venezia, a Chiavari (Ge) in Piazza Roma, a Venezia e Cremona.

acqua giovani basilicata
Dedicata ai più giovani l'iniziativa organizzata in Basilicata che si svolgerà il 19 marzo
Il 22 sarà la volta di Palermo, Genova, Forlì e Bari, mentre sia il 20 che il 21 tante informazioni e degustazioni a Torino. Più articolate le iniziative a Reggio Emilia dove dal 19 al 21 marzo uno stand informativo sarà allestito al Parco delle Caprette e saranno distribuiti anche riduttori di flusso e bottiglie riutilizzabili.

Dedicata ai più giovani l'iniziativa organizzata in Basilicata dove il 19 marzo alcune classi dell'ITIS di Potenza visiteranno dei laboratori dove i tecnici faranno vedere loro quali analisi si effettuano quotidianamente sull'acqua di rubinetto. Il 20 marzo, invece, i tecnici porteranno il loro laboratorio mobile presso il liceo Scientifico "G.Galilei" di Potenza ed effettueranno con i ragazzi di alcune classi le analisi chimiche su campioni di acqua prelevata nell'istituto.

Il dossier completo.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Acqua S.p.a.

Un'inchiesta a tutto tondo sull'acqua e sui mille scandali che le ruotano attorno, in italia e non solo:...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Acqua con Giustizia e Sobrietà

In acqua con giustizia e sobrietà, l'autore affronta in otto capitoli il problema dello spreco,...
Continua...
Un Pianeta Senz'Acqua

«il nilo in egitto, il fiume giallo in cina, l'indo in pakistan, il colorado e il rio grande negli stati...
Continua...
19 Marzo 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
A partire da quest'estate, molte località italiane diventano balneabili "per decreto". In altre parole interi tratti di costa vengono dichiarati balneabili, non perché meno inquinati, ma solo perché è cambiata la legge. Legambiente denuncia la questione come un passo indietro in tema di depurazione, che lascia un deficit imbarazzante ad uno dei Paesi più industrializzati al mondo.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità