Supermercati e buste di plastica, un'alleanza pronta a morire

Da poco, in Italia, alcuni supermercati hanno iniziato a porre i primi erogatori di prodotti sfusi, le buste di plastica non si regalano più al supermercato, e si cerca di diminuire, per quanto sia possibile, la produzione di rifiuti. A Trento, ad esempio, è stato siglato un accordo tra comune e gdo (grande distribuzione organizzata) per ridurre i rifiuti mentre i punti vendita che aderiscono all'iniziativa devono sottostare a determinate “regole”.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Laura Vella

rifiuti riduzione supermercato
A Trento è stato siglato un accordo tra il comune e gdo per la riduzione dei rifiuti
In un tempo neanche tanto remoto neppure ci si faceva caso. Si usciva di casa, si andava al supermercato e alla cassa si attendeva la busta di plastica. Era tutto normale. I primi segni di stupore davanti a qualcosa che stava cambiando è stato l'acquisto del sacchetto. Non era più “dovuto”, chi lo voleva lo doveva pagare. Costavano di più quello biodegradabile, che sembrava un oggetto radical chic, e le buste di carta, quelle che si vedono uscire piene di cibi preconfezionati dal baule dell'auto, nel banale immaginario cinematografico.

Allo stesso tempo apparivano le prime casalinghe, o anziane, o semplicemente astute, o entrambe le cose, che portavano le borse di plastica da casa. Borse piegate perfettamente in un triangolo quasi stirato, oppure meno precise, arrotolate e annodate su loro stesse. Alla cassa, alla consueta domanda “vuole la borsa?”, tiravano fuori buste già usate. Che non si dica che l'economia domestica ha da imparare!

Il tempo passa incessante e senza tregua. Le borse si pagano e non si smaltiscono. Armadietti pieni di borse senza senso. Addirittura alcune con manici tanto impropri da non poter neppure essere riutilizzate per l'immondizia. Lo spreco, il disordine.

Il design, che dove può si insinua, trova spazio nella creazione di simpatici oggetti sempre più piccoli, colorati e spiritosi, che si aprono e diventano comodissime borse da spesa in tessuti super resistenti. Un po' come le borse che in tempi non sospetti alcuni grandi supermercati regalavano agli habitué, di tessuto con il marchio stampato mille volte.

Ora il collasso. Bandita la plastica, acquistato il carrellino che fa un po' nonna (anche se di design), comprata la borsa di tessuto grande, ma anche piccola, ancora troppo. Troppa plastica.

Plastica ovunque, plastica a contenere due mele cotte, plastica per tre grapoli di pomodori, plastica per la monoporzione, la biporzione, plastica per tappare, plastica per plastica. In una busta di plastica. Plastica per un etto di prosciutto, plastica per ogni contenitore.

Da poco, ma evidentemente in Italia è un processo non breve, alcuni supermercati hanno iniziato a porre i primi erogatori di prodotti sfusi. Il barattolo, sia del detersivo, come dei cereali o dei succhi o dell'acqua, si compra una sola volta. Poi si riusa. La parola che segna il cambiamento è proprio riuso, non reciclo.

A Trento è stato siglato un accordo tra il comune e gdo (grande distribuzione organizzata) per la riduzione dei rifiuti. I punti obbligatori sono shoppers in tela o materiale riutilizzabile o compostabile; vendita di salumi e formaggi in carta a veli separabili o separati; presenza e promozione di prodotti con ricariche; vendita vino, acqua e succhi con vuoto a rendere; presenza di contenitori per raccolta pile usate e vendita di pile ricaricabili; cessione di alimenti prossimi alla scadenza ad associazioni benefiche o ai clienti con sconti.

Poi ci sono altre azioni facoltative come presenza di prodotti con ridotto peso di imballaggio o con imballaggio in materiale riciclato; vendita detersivi sfusi; vendita prodotti alimentari sfusi; vendita di frutta e verdura in sacchetti compostabili; vendita di prodotti della gastronomia in contenitori compostabili; vendita di vino sfuso; vendita di pannolini lavabili; tra queste due o tre devono essere scelte dai supermercati in base alla metratura del punto vendita (due per i punti vendita inferiori ai 400 mq, tre per quelli superiori ai 400mq).

All'iniziativa hanno aderito 7 gruppi e 18 punti vendita. La situazione sull'eventuale mutamento delle scelte dei consumatori è monitorata da alcuni gruppi. Il comune, monitorati i risultati e i gruppi partecipanti, elargirà incentivi verso i più virtuosi.

Onestamente, oltre ogni incentivo o promozione, ritengo che sia più comodo. Meno scatole da smaltire, sempre ingombranti e fastidiose. Inutili, soprattutto.

Purtroppo il consumatore è l'ultimo anello nella catena della produzione. Solo non acquistando può scegliere, non acquistanto, ad esempio, quei prodotti grandi come una nocciolina ma imballati in volumi inspiegabili. Imballaggi da Mc Giver, difficili persino da aprire. Assurdo.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Un Programma Politico per la Decrescita

Il movimento per la decrescita felice si propone di mettere in rete le esperienze di persone e gruppi che...
Continua...
L'anticasta + DVD

La denuncia coraggiosa della casta, che inizialmente aveva suscitato in molte persone grandi speranze di...
Continua...
10 Marzo 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
11/3/10 16:38, angelo motta ha scritto:
nel supermercato conad che abitualmente frequento da poco sono apparsi detersivi alla spina,si distinguono dagli altri ,marchio conad,solo dalla scritta ECO (e dal fatto che anche se una sola volta si deve pagare il flacone) per quanto riguarda la composizione chimica mi sembra identica,la cosa sgradevole sta nel fatto che spesso i detersivi non alla spina vengono venduti con prezzi promozionali nettamente inferiori rendendo i prodotti ECO poco appetibili,una distribuzione consapevole dovrebbe agire in modo esattamente contrario altrementi è solo scena
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Rifiuto Riduco e Riciclo per Vivere Meglio

Dall'emergenza rifiuti in Campania alla verità sugli impianti di incenerimento. Dalla raccolta...
Continua...
Il Girone delle Polveri Sottili

Frammenti di un filtro chirurgico comunemente installato nella vena cava dei malati di tromboembolia...
Continua...
Smaltire e Riciclare i Rifiuti

Ti sei mai chiesto che cosa succede a quello che buttiamo nella spazzatura e nei cassonetti della raccolta...
Continua...
Ecoballe

Napoli, quattordici anni di emergenza. Rifiuti a ogni angolo di strada. Politici nel mirino. Costi alle...
Continua...
Dove lo Butto?

Un libro divertente e ricco di illustrazioni che spiega ai più piccoli come contribuire al benessere...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Rifiuti: adesso sono risorse
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità