Il primo impianto eolico offshore dell’Asia al largo di Shanghai


CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

donghai bridge eolico impianto offshore
Al largo di Shanghai, la Cina sta realizzando il primo impianto eolico offshore dell'Asia, il Donghai Bridge Offshore
Al largo di Shanghai, la Cina sta realizzando il primo impianto eolico offshore dell'Asia, il Donghai Bridge Offshore, composto di 34 pale eoliche. L'impianto nasce in un'area marina tra 1 e 4 km ad est del ponte di Donghai, a Shanghai, e tra gli 8 e i 13 chilometri di distanza dalla nuova zona economica di Pudong, in un fondale molto adatto, profondo solo 10 metri . La centrale off-shore cinese produrrà fino a 102.000 kW e il costo finale sarà di 2,365 miliardi di yuan (346,47 milioni di dollari). Lu Zhongmin, l'ingegnere capo dello Shanghai Investigation Design & Research Institute, che ha progettato la centrale eolica off-shore, assicura che “tutte le pale eoliche dovrebbero essere integrate nella rete entro la metà dell'anno. Questa centrale eolica può resistere a venti violenti che soffiano alla velocità di 50 metri al secondo”. Le tre torri eoliche realizzate sono state collegate alla rete elettrica e hanno prodotto 7,35 milioni di kW.

La Donghai Bridge Offshore Wind Farm è un progetto pilota per l'eolico offshore in tutta la Cina. L'appalto è stato bandito dalla Shanghai Municipal Development & Reform Commission ed alla fine se lo sono aggiudicato la China Datang Corporation, Shanghai Green Environmental Protection Energy Engineering Co., Ltd., CGN Energy Development Co., Ltd. and China Power International Renewable Energy (Shanghai) Holding Ltd.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Eolico: Paesaggio e Ambiente

L'energia eolica rappresenta il comparto energetico caratterizzato dal più rapido tasso di crescita assieme...
Continua...
Energie Rinnovabili

Il tema delle energie rinnovabili è di fortissima attualità, non solo (e non tanto) per le sue implicazioni...
Continua...
7 Marzo 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail