Primati: 25 specie in pericolo

Venticinque specie di primati scompariranno in breve tempo se non verranno adottate tempestivamente misure valide per proteggerle dall’estinzione. Deforestazione, caccia illegale e cambiamenti climatici costituiscono le minacce principali alla biodiversità. Gli autorevoli zoologi dell’IUCN stilano una classifica dei primati maggiormente a rischio e chiedono ai governi di intervenire.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Alessandra Profilio

primati
Mentre la popolazione umana continua a crescere, quella dei nostri parenti più prossimi diminuisce drasticamente
Pollici opponibili, cinque dita su ogni zampa, dentatura non specializzata e visione a colori. I nostri “cugini” hanno tante caratteristiche in comune con noi. Tuttavia, mentre la popolazione umana continua a crescere, quella dei nostri parenti più prossimi diminuisce drasticamente.

Qualche giorno fa, infatti, gli autorevoli zoologi dell’IUCN (Union for the Conservation of Nature) hanno lanciato l’allarme sul rischio estinzione di 25 specie di primati, tra cui lemuri, gibboni e grandi scimmie.

Se il numero di esseri umani è cresciuto in maniera esponenziale negli ultimi cinque anni (passando da 6 miliardi a 6.803.362.494 di individui), molte specie di primati contano oggi non più di qualche decina di esemplari. Gli studiosi temono dunque la scomparsa di 300 specie, di cui 25 sarebbero ormai ad un passo dall’estinzione: 11 primati dell’Asia, 6 dell’Africa, 5 del Madagascar, 3 del centro e sud America.

Particolarmente critica sembra essere la situazione del presbite dalla testa bianca (Trachypithecus p. poliocephalus), specie che si trova solo nell'isola di Cat Ba nel Golfo del Tonchino, a nord-est del Vietnam, e di cui restano solo 60 - 70 individui.

Soltanto 110 sembrano essere poi i gibboni di Hainan, che vivono anch’essi nella stessa zona.

lemuri
Fra le specie a rischio anche i lemuri, "gli spiriti della notte" che il film "Madagascar" ci ha fatto conoscere
A rischio anche la sopravvivenza dei lemuri del Madagascar, le piccole proscimmie che il film d’animazione della DreamWorks ha fatto conoscere a bambini ed adulti di tutto il mondo.

Il futuro degli “spiriti della notte” (dal latino lemures), così chiamati per via dei loro grandi occhi dall’aspetto spiritato e per i versi simili a gemiti sofferenti che emettono, è gravemente minacciato dalla caccia illegale e dall’abbattimento illecito delle foreste, anche in aree protette come il Masoala, nel nord-est dell’isola.

Se la deforestazione, la caccia e l’esportazione illegale rappresentano le principali cause della scomparsa di molti primati, un’altra grave minaccia è costituita dagli effetti dei cambiamenti climatici. In ogni caso, dietro la crisi della biodiversità si cela la mano dell’uomo.

Ecco perché, come ha spiegato il responsabile del Primate Specialist Group dell'Iucn Russell Mittermeier, è stata stilata la classifica dei 25 primati maggiormente a rischio d’estinzione: l’intento è quello di “attirare l’attenzione della gente al problema e di far sì che i governi si sentano stimolati a fare qualcosa per tentare di far sopravvivere queste specie così importanti per la biodiversità del nostro pianeta”.

25 Febbraio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità