Tutti per la terra

Marianne Lambrechts ed Eric Luckx sono gli autori di un saggio illuminante, indirizzato ai ragazzi ma utilissimo anche per gli adulti, che senza ipocrisie tocca temi scottanti come la globalizzazione, il pensiero unico, la conoscenza negata o distorta. Sperando che la nuova generazione apprenda il messaggio e riesca a fare meglio di quella appena trascorsa.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

Tutti per la terra
Tutti per la terra, il nuovo libro di Marianne Lambrechts ed Eric Luckx
Mano a mano che giravo le pagine di Tutti per la Terra sentivo un senso di colpa montante.

La mia generazione - quella del Sessantotto, quella di chi oggi sta intorno alla sessantina - ha combinato più guai di tutte le generazioni che l’hanno preceduta, e nel conto si deve andare indietro di un paio di milioni di anni, al tempo in cui si possono far risalire primati riconducibili in qualche modo all’Homo sapiens sapiens, cioè a noi.

Sapiens due volte ci siamo etichettati, dove l’aggettivo latino sapiens ha come primo significato quello di saggio. Evidentemente chi ci ha classificati così non aveva senso dell’umorismo o forse ce ne aveva fin troppo.

Di fatto, la mia generazione non è stata protagonista di devastanti guerre planetarie ma, almeno dal mio punto di vista, ha fatto di peggio. Avvelenare il pianeta in cui si è costretti a vivere senza possibilità di evasione è quanto di più criminale e folle insieme si possa fare. E noi l’abbiamo fatto. E l’abbiamo fatto in un battibaleno. E l’abbiamo fatto in più circostanze in modo irreversibile.

Nella nostra improbabile saggezza ci siamo addirittura illusi di poter abrogare le leggi della Natura, leggi che, ironicamente, stampiamo sui libri scolastici come colonne portanti della scienza. E, in questa illusione, abbiamo costruito impianti assurdi come le centrali nucleari o come gli inceneritori di rifiuti perfino mimetizzati all’interno dei cementifici o delle cosiddette centrali a biomasse.

Ci siamo illusi di poter cavare energia da un sistema chiuso, ché tale è la Terra, ben sapendo che la cosa è destinata a non avere futuro perché così scriviamo noi stessi sui sacri testi della scienza elementare.

Passaggio del testimone
Alla vecchia generazione non resta che passare il testimone ai ragazzi di oggi e incrociare le dita.
In questa nostra corsa sconsiderata lungo un vicolo cieco ci siamo spinti ad affamare senza remore morali né basi scientifiche una fetta considerevole di chi viaggia con noi su questo minuscolo pianeta blu per spremere da casa loro risorse energetiche e, affamandoli e desertificando i loro territori, stiamo inevitabilmente tagliando il ramo sul quale stiamo appollaiati, e lo facciamo dalla parte del tronco.

Lo si voglia o no, la Terra è diventata un pianeta striminzito, troppo sotto misura rispetto alle nostre esigenze o, meglio, ai nostri capricci, e così siamo arrivati al punto di sacrificare altri esemplari della nostra stessa specie in modo ben più diffuso e ben più crudele di quanto non lo si facesse nel corso dei millenni in cui imperava lo schiavismo.

Non saprei dire se siamo arrivati ad un punto di non ritorno, ma, anche se fosse, non ci resta che passare il testimone alla generazione dei ragazzi di oggi e incrociare le dita, sperando di non aver loro trasmesso nulla.

“Tutti per la Terra” rappresenta perfettamente questo tentativo di transizione e lo fa in modo snello ed esauriente (almeno per quanto riguarda la scelta degli argomenti) senza ipocrisie, ma toccando temi scottanti come la globalizzazione, il pensiero unico, la conoscenza negata o distorta.

Se è vero che il libro è destinato come prima intenzione ai ragazzi, sono del tutto convinto che la sua lettura e, soprattutto, le meditazioni che una lettura non superficiale innescherà saranno di grande beneficio per gli adulti e, in particolare, per chi ha responsabilità di decisore essendo chiamato, magari per dovere istituzionale, ad operare scelte che rischiano d’impattare ancor più pesantemente su un ambiente ormai allo stremo.

Di Redazione Macro Edizioni

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Tutti per La Terra

la terra su cui viviamo ci offre tutto quello di cui abbiamo bisogno. ma sappiamo davvero come funziona?...
Continua...
 
23 Febbraio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
25/2/10 10:46, valeria (sessantottina) ha scritto:
è giusto passaiamo il testimone ai ragazzi di oggi e speriamo siano più saggi di noi
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
O la Banca o la Vita

Qual è la vera natura del sistema bancario e finanziario mondiale?Cosa sono e come agiscono su scala globale...
Continua...
Il Girone delle Polveri Sottili

Frammenti di un filtro chirurgico comunemente installato nella vena cava dei malati di tromboembolia...
Continua...
Un Programma Politico per la Decrescita

Il movimento per la decrescita felice si propone di mettere in rete le esperienze di persone e gruppi che...
Continua...
Euflazione

Inflazione e deflazione sono situazioni economiche di cui tutti parlano ? quasi sempre in modo negativo ?...
Continua...
T.A.V. in Val di Susa

Prefazione di Massimo Fini I progetti, i costi e i benefici della costruzione delle linee ferroviarie per...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità