Il disastroso stato della scuola pubblica italiana

Presa Diretta nella trasmissione di domenica scorsa ha raccontato la scuola italiana come non si faceva da tempo. Fra pubblico, privato, finanziamenti e tanta rabbia, il quadro che ne è emerso è preoccupante, con le scuole statali dai budget ridotti all'osso e i soldi che non bastano neppure per far aggiustare un impianto di riscaldamento.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Andrea Boretti

Scuola pubblica e scuola privata
Scuola pubblica e scuola privata: la differenza la fanno i soldi.
Da che riesco a ricordare si parla dello sfascio della scuola italiana, di edifici cadenti mai ristrutturati, di scuole coperte di amianto come il liceo Rebora di Rho, di tagli ai finanziamenti per l'educazione, sia essa dell'obbligo oppure universitaria; da che riesco a ricordare però si parla anche di punte di eccellenza e di una scuola elementare tra le migliori al mondo.

Domenica scorsa nella trasmissione Presa Diretta, Riccardo Jacona e i suoi collaboratori hanno cercato di raccontare quale sia l'attuale stato della scuola italiana, sia quella pubblica, o meglio, statale, sia quella privata, o meglio, paritaria.

Il quadro che ne è uscito è sconsolante. Da un lato troviamo una scuola statale nella quale oltre agli storici deficit, cominciano a farsi sentire i tagli della "riforma" Gelmini, con meno ore di lezione e meno insegnanti - sia "normali" che di sostegno - dall'altro troviamo una scuola privata che si configura come una vera propria scuola di elite in cui tutto funziona, le attrezzature a disposizione degli alunni sono d'avanguardia, le strutture in condizioni perfette e gli insegnanti messi in condizione di fare anche di più di quanto i normali programmi prevederebbero (ore di teatro, seconde lingue, danza, musica, ecc, ecc...).

Cosa crea questa differenza? Dopotutto le scuole paritarie, come recita la legge n.62 del 10 Marzo 2000, sono paritarie in quanto "svolgono servizio pubblico", ovvero niente di meno di quello che fanno o dovrebbero fare le scuole statali. La differenza la fanno i soldi.

La scuola pubblica paritaria è, infatti, una scuola a pagamento, una scuola cioè che di anno in anno può, se lo ritiene necessario, aumentare la retta dei propri iscritti. Succede così, come ci ha mostrato presa diretta che esistano scuole (e stiamo parlando di elementari e medie) che arrivano a costare sette, otto o novemila euro l'anno.

Mariastella Gelmini
Cominciano a farsi sentire i tagli della "riforma" Gelmini, che prevedono meno ore di lezione e meno insegnanti.
Questo tipo di scuole sono scuole con fatturati di milioni di euro, scuole di elite, perchè solo pochi possono permettersi il costo elevato dell'iscrizione.

Al contrario, le scuole statali di rette non ne hanno, e devono barcamenarsi con quanto ogni anno viene passato da provveditorati, province e ministero. Se però questi fondi diminuiscono di anno in anno o addirittura non arrivano - ci sono scuole che aspettano il risarcimento del pagamento anticipato delle supplenze del 2006 - la situazione si fa grave.

Jacona ci mostra così una scuola di Palermo che ormai da anni non avendo fondi a sufficienza chiede un contributo volontario ai genitori, 15 euro ad alunno, non molto ma abbastanza per pagare quanto meno le supplenze brevi, sicuramente non sufficienti però a far aggiustare anche il riscaldamento della sezione elementare, e così i bambini, d'inverno, sono costretti a stare in classe con giacca a vento e cappello di lana.

Ma questo non è tutto. Volendo si potrebbero raccontare altri stralci della puntata di Presa Diretta, si potrebbe raccontare dei precari che rimangono tali per tutta la vita lavorativa, si potrebbe parlare dei supplenti annuali che ogni anno si occupano di una classe differente alla faccia della continuità didattica e si potrebbe anche raccontare di quegli alunni costretti a stare in 20 in "aule" di 20 metri quadri ovviamente non a norma, ma l'ultima cosa che vogliamo affrontare è la questione dei finanziamenti pubblici alla scuola privata.

Il "buono scuola" lombardo, ad esempio, sarebbe un aiuto fino a 1000 euro che la regione da a chi volesse mandare i figli alle scuole paritarie, questo in nome della libertà di scelta si dice. E' chiaro però che quando una scuola costa 7000 euro l'anno quei mille euro vanno finire in tasca di chi già i soldi li ha a scapito di chi invece, oltre a non avere scelta è costretto a mandare i propri figli in una scuola letteralmente sempre più povera.

Soldi
Quando una scuola costa 7000 euro l'anno i mille euro di finanziamenti statali vanno finire in tasca di chi già i soldi li ha, a scapito degli istituti pubblici.
Entrando nei numeri, secondo l'Eurispes da quando nel 2000 le scuole private sono state parificate, queste hanno cominciato a ricevere una serie di finanziamenti che aumentati di anno in anno, ammontano nella finanziaria 2010 a 130 milioni di euro.

A questi vanno aggiunti i finanziamenti regionali, dati a vario titolo e che raggiungono il loro picco nel Nord. Alcuni esempi:
- la "dote per la libertà di scelta" (45 milioni di euro, Lombardia, 2008);
- bonus scuola per le paritarie (14 milioni, Piemonte);
- bonus scuola provinciale (1,3 milioni, Provincia di Trento).

E questi sono solo alcuni esempi. Da una parte si da e dall'altra si taglia, l'operazione è chiara e sempre a senso unico. La speranza, diciamo sempre noi, sta nelle trasmissioni come quelle di Jacona, dove le coscienze vengono informate e messe in grado di indignarsi di tanta ingiustizia; speranza però che rischia di trasformarsi in disillusione quando ci si rende conto che dopo un'ora e mezza di racconto straziante, ben poco si è mosso sui giornali, niente si è visto in televisione e non un sospiro è uscito, a commento e sostegno della scuola statale, dal "nostro" parlamento.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Oltre la Riforma Gelmini

La "riforma" firmata dal ministro dell'istruzione maria stella gelmini, riporta la scuola al centro del...
Continua...
Malascuola

Negli ultimi due decenni si sono succeduti tanti ministri dell'istruzione, determinati a cambiare la scuola...
Continua...
18 Febbraio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
5/4/10 09:12, Mia San ha scritto:
Mi dispiace dirvelo ma certe trasmissioni che dicono che la scuola pubblica è ridotta da fare schifo e quella privata è bella e ha tutto, sono fatte per invogliare a iscrivere alla privata;infatti se si volesse dire davvero cos'è la scuola privata, si direbbe che è una schifezza, che non dà vera cultura, che è pressappochista ed arretrata che favorisce chi viene da famiglie privilegiate e più in vista, che è solo dispensatrice di diplomi!!!!!!!!!!
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Adesso Basta

Un lavoro, una carriera manageriale invidiabile già a soli 30 anni, una casa di lusso, la possibilità di...
Continua...
La Rivoluzione del Filo di Paglia

Questo libro rappresenta un punto di svolta per riavvicinarsi con occhi fiduciosi e non distruttivi alla...
Continua...
Guida alla Casa Ecologica

Con guida alla casa ecologica paolo bevitori prosegue un percorso iniziato con la pubblicazione dei due...
Continua...
La Terra è Viva

Un testamento ambientale che annoda le radici dell'ecologia moderna con le lontane tradizioni rurali...
Continua...
Manuale Pratico di Ecologia Quotidiana

Vivere in maniera più ecologica in casa, in ufficio, a scuola, per strada: come riciclare, ridurre i rifiuti,...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Se avessero voluto venire sarebbero venuti...
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità