Bertolaso e quel problema "risolto" dei rifiuti in Campania

Lo scandalo sessuale che ha coinvolto il capo della Protezione civile Guido Bertolaso rischia di di offuscarne uno ben più grande, che riguarda i traffici illeciti di rifiuti durante la gestione del problema dei rifiuti in Campania. Fra testimonianze e intercettazioni, ecco il quadro di una emergenza solo apparentemente risolta.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

Emergenza rifiuti
L'emergenza rifiuti che paralizzò molte zone di Napoli e dintorni. La sua soluzione fu affidata al Commissario speciale Guido Bertolaso.
Il capo della Protezione civile nonché pluri Commissario straordinario Guido Bertolaso è in questi giorni nell'occhio del ciclone per via dell'ennesimo scandalo sessuale, l'unico argomento che pare in grado di suscitare scalpore ed attirare l'attenzione dei gionali.

A sua difesa Bertolaso ha dichiarato: "sono stato sottosegretario per l'emergenza rifiuti in Campania dove ho anche operato come responsabile della Protezione Civile con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti." Allora, se sono sotto gli occhi di tutti, guardiamoli questi risultati, e guardiamoli bene.

"Montagne di rifiuti, ammassati a cielo aperto, senza alcun trattamento, se non quello, penso, di neutralizzare con sostanze chimiche gli odori. Centinaia, migliaia di tonnellate di rifiuti “tal quale”, in un sito confiscato alla camorra, che avrebbe dovuto essere stato utilizzato per ben altri scopi (agricoltura di qualità, turismo sostenibile…), recintato e protetto come sito di “interesse strategico nazionale”. A scriverlo è Gianluca Fioretti, Sindaco di Monsano e Presidente dell'Associazione nazionale Comuni Virtuosi, in visita a Camigliano (CE), per il Premio “Comuni a 5 stelle”.

Che continua: "a poca distanza,decine di migliaia di 'eco balle', ormai degradate, neanche più utili per essere utilizzate negli inceneritori. Con i soldi spesi e buttati via in questo delirio si sarebbe potuta avviare una gestione completa e virtuosa del ciclo rifiuti, con il 'porta a porta', la dovuta comunicazione e la necessaria impiantistica, in tutta la Campania, con le risorse sufficienti anche per gestire la dismissione degli impianti obsoleti e la bonifica dei siti inquinati."

E conclude che "L’emergenza rifiuti non è per niente stata risolta, anzi.". Miliardi spesi inutilmente, dunque, ma non per qualcuno. Una intercettazione passata quasi inosservata alla stampa testimonia la presenza di forti interessi economici attorno all'emergenza rifiuti in Campania.

È il 7 marzo 2005, e alle 18.59 l’ex commissario Corrado Catenacci telefona al capo della protezione civile Guido Bertolaso. La conversazione, secondo quanto viene riportato da Roberto Pirani, viene intercettata e riproposta dal giornalista Gianclua Abate. Eccola.

Guido Bertolaso
Guido Bertolaso. Il capo della protezione civile nonché pluri Commissario straordinario è in questi giorni nell'occhio del ciclone per via dell'ennesimo scandalo sessuale.
Catenacci: "Ci sono almeno due milioni e mezzo di balle in tutta la Campania… Per quanto riguarda gli importi, secondo me sono circa 400 miliardi di lire".
Bertolaso: "Perché loro bruciandoli ricavano energia elettrica, no?".
Catenacci: "Gliela pagano a tariffa agevolata, tutto uno strano movimento che hanno fatto loro".

Diciotto minuti dopo, alle 19.17, il prefetto richiama.
Catenacci: "Ho fatto i conti con Turiello, viene una cifra mostruosa, 1.325 miliardi di lire".
Bertolaso: "Mortacci ragazzi…".

Cosa vogliano dire le due intercettazioni è cosa che il giudice spiega chiaramente. La prima conversazione è relativa al numero di ecoballe (o rifiuti, stando all’accusa) accatastate a quella data, numero che di lì in poi crescerà fino a tre milioni.

La seconda, continua Pirani, fa invece riferimento ai previsti introiti derivanti dalla vendita di energia elettrica prodotta bruciando milioni di balle che la Procura ritiene per nulla eco. E che non fossero eco (a dar credito al giudice) se n’erano accorti i cittadini che accanto a quei siti ci vivevano, tanto che "le prime proteste delle popolazioni per i miasmi concorrevano a determinare la presentazione di interrogazioni parlamentari degli onorevoli Emiddio Novi e Alfonso Pecoraro Scanio".

Il 27 febbraio 2002, il ministero dell’Ambiente segnala l’opportunità di accertamenti. Gli rispondono che va tutto bene, grazie anche alla "prassi di addomesticare i risultati" che "deve ritenersi provata".

Così come "provata" è anche la circostanza che sin dall’inizio appariva chiara la difficoltà di smaltire le ecoballe. Sergio Pomodoro, dirigente della Impregilo, ai pm la spiega così: "verificai che, ove si fossero utilizzati tutti i cementifici italiani e si fosse ricorsi anche a forme di combustione nei gruppi alimentati a carbone, la produzione di cdr avrebbe saturato tutti quegli impianti".

Manifestazione
Una manifestazione contro la discarica di Chiaiano. Con essa Bertolaso si vanta di aver risolto definitivamente l'emergenza rifiuti, con risultati che sono "sotto gli occhi di tutti".
Il 5 marzo 2003, invece, viene intercettata una conversazione dell’allora amministratore delegato di Fibe Armando Cattaneo. Angelo Pelliccia, il suo interlocutore, dice che è meglio "lasciare il giocattolo in mano alla Regione". Il manager risponde così: "saremo l’unico termovalorizzatore che dà 10 euro a tonnellata per il fos, cdr… Ci bruciamo tutto quello che non ci crea problemi, ci piace così ed è finito".

Il 2 aprile 2005, lo stesso Armando Cattaneo parla con un avvocato della conversione del decreto legge sull’additivazione dei rifiuti: "Siniscalchi dice che al Senato la Lega è stata tranquilla perché aveva la devolution e s’è guardata bene dal rompere le scatole, ma alla Camera si aspettano maggiore battaglia… Si teme frange di An e Lega contro… Vabbuò ci siete voi Ds".

Il 7 marzo 2005, invece, le microspie registrano la conversazione di un funzionario del commissariato per i rifiuti. Sono le 13.16. E la telefonata per il gip non ha bisogno di commenti: "Non è più il combustibile che deve essere stoccato… Questa è monnezza vera e propria".

Si ringraziano Roberto Pirani e Gianluca Abate per i materiali su cui è basato questo articolo.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Biutiful Cauntri - Libro + DVD

Una camorra dai colletti bianchi, imprenditoria deviata e istituzioni colluse. 1.200 discariche abusive, un...
Continua...
Ecoballe

Napoli, quattordici anni di emergenza. rifiuti a ogni angolo di strada. politici nel mirino. costi alle...
Continua...
Rifiuto Riduco e Riciclo per Vivere Meglio

dall'emergenza rifiuti in campania alla verità sugli impianti di incenerimento. dalla raccolta...
Continua...
 
16 Febbraio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
18/4/10 18:27, Aldo Cannavò ha scritto:
Osservando la sequenza dei fatti,capiamo che alle autorità competenti non interessa risolvere il dramma dei rifiuti campani nel rispetto dell'ambiente e dei cittadini.Ho informato molti addetti ai lavori di Napoli e provincia di un sistema brevettato che incorpora i r.s.u.in blocchi di cemento che si possono poi utilizzare in molte soluzioni.
Il sistema in argomento costa meno delle discariche e degli inceneritori e non inquina assolutamente.Se non è stato preso in considerazione si capisce che le lobbies che hanno interessi nelle discariche e negli inceneritori condizionano gli amministratori locali e non intendono rinunciare ai loro interessi.Resta così una situazione vergognosa che offende la dignità,la salute e le tasche dei campani,che non meritano di essere trattati come animali da sfruttare ed essere derisi in tutta italia e nel mondo.
Posso dare chiarimenti sul brevetto in argomento a chi ne sia interessato.

Genova - aldocannavo@fastwebmail.it
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Rifiuto Riduco e Riciclo per Vivere Meglio

Dall'emergenza rifiuti in Campania alla verità sugli impianti di incenerimento. Dalla raccolta...
Continua...
Il Girone delle Polveri Sottili

Frammenti di un filtro chirurgico comunemente installato nella vena cava dei malati di tromboembolia...
Continua...
Smaltire e Riciclare i Rifiuti

Ti sei mai chiesto che cosa succede a quello che buttiamo nella spazzatura e nei cassonetti della raccolta...
Continua...
Ecoballe

Napoli, quattordici anni di emergenza. Rifiuti a ogni angolo di strada. Politici nel mirino. Costi alle...
Continua...
Dove lo Butto?

Un libro divertente e ricco di illustrazioni che spiega ai più piccoli come contribuire al benessere...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Rifiuti: adesso sono risorse
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità