A Niscemi la raccolta differenziata produce... pasta!

A Niscemi, in provincia di Caltanissetta, nasce il primo ecopunto d'Italia, un punto vendita dove poter scambiare la raccolta differenziata con generi alimentari. Una nuova iniziativa e una ventata di cambiamento per responsabilizzare i cittadini e indirizzarli verso una politica del riuso e del riciclo attraverso cui ottenere un risparmio energetico e una riduzione dell'inquinamento che va a beneficio di tutta la comunità.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Salvina Elisa Cutuli

Ecopunto, il manifesto
Il manifesto dell'ecopunto di Niceri, in Sicilia, il primo attivo in Italia
Questa volta è dal profondo sud che parte una nuova iniziativa per incentivare la raccolta differenziata. Stiamo parlando di una bottega inaugurata il 30 gennaio a Niscemi, in provincia di Caltanissetta, dalla cooperativa siciliana Liberambiente, dal nome First.

Si tratta del primo ecopunto attivo in Italia, perché quello promosso dall'azienda piemontese Recoplastica a Moncalieri tempo fa, in provincia di Torino, è stato chiuso. Qui in cambio dei rifiuti si davano indietro soldi.

Nel punto vendita siciliano, invece, “i cittadini possono vendere o barattare con beni di consumo i rifiuti domestici provenienti dalla raccolta differenziata. Il metodo per la conversione dei rifiuti è fissato con una raccolta a punti."

"Cento grammi di carta o cartone o ferro valgono 1 punto, cento grammi di plastica valgono 3 punti, cento grammi di alluminio 5 punti. Ogni 70 punti, si possono ricevere mezzo chilo di pasta o 25 centesimi”.

I rifiuti raccolti dall’ecopunto saranno poi rivenduti alla filiera del Conai, il consorzio nazionale dei produttori e utilizzatori di imballaggi. Per Mario Meli e Salvatore Vasques, due dei quattordici membri della cooperativa Liberambiente “un centro come l´ecopunto rappresenta (…) una forma di controllo democratico della gestione dei rifiuti. In pratica, se il rifiuto viene inteso come un valore da scambiare con generi di prima necessità o con denaro è più facile fare responsabilizzare i cittadini”.

Gli animi di Liberambiente sembrano avere intenzioni serie tanto da aprire un ecopunto in ogni provincia della Sicilia. “Stiamo lavorando a un consorzio di cooperative - dice Silvia Coscienza, presidente della cooperativa - Siamo già in contatto con il centro commerciale Forum Palermo e nei prossimi giorni vedremo se anche questa operazione andrà in porto. Del resto, il capoluogo ne avrebbe veramente bisogno”.

Non molti mesi fa, lo ricordiamo tutti, Palermo era stata sommersa dai rifiuti per logiche politiche ed economiche che, come spesso accade, incoraggiano e stimolano scempi come quello accaduto nel capoluogo siciliano o a Napoli dove, la decadenza e il malaffare di pochi potenti sovrasta, purtroppo, il buon senso di altre persone.

Ecopunto
I cittadini possono vendere o barattare con beni di consumo i rifiuti domestici provenienti dalla raccolta differenziata
Con la nascita di questo nuovo ecopunto si vuole contribuire ad una ventata di cambiamento, ad una nuova mentalità in cui il rifiuto viene inteso come un valore da scambiare con generi di prima necessità o con denaro, responsabilizzando i cittadini e indirizzandoli verso una politica del riuso e del riciclo attraverso cui ottenere un risparmio energetico e una riduzione dell'inquinamento che va a beneficio di tutta la comunità. Così facendo si contribuirà a ridurre le montagne di rifiuti conferite in discarica, che sono il problema ingente di numerose amministrazioni pubbliche.

L'idea è stata bene accolta dal comune di Niscemi, che è stato il primo a capire l'importanza di un centro di questo tipo, tanto sotto il profilo economico, quanto da un punto di vista culturale”, afferma Silvia Coscienza. Solo attraverso un negozio si poteva instaurare un filo diretto con i cittadini.

Un modo dunque di fare soldi con l'immondizia, ma non come fanno alcuni. Qui i soldi non si sperperano, anzi vengono investiti per migliorare e radicare nelle coscienze dei cittadini un pizzico di consapevolezza in più.

In un primo momento magari indirettamente, perché sono mossi dal richiamo di un genere alimentare o di una tessere telefonica come avviene a Napoli dove le macchine compattatrici in cui si depositano i rifiuti rilasciano uno scontrino con un punteggio convertibili in ricariche telefoniche. In seguito, un senso di responsabilità diverso, si spera, intaccherà l'animo della gente.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Rifiuto Riduco e Riciclo per Vivere Meglio

dall'emergenza rifiuti in campania alla verità sugli impianti di incenerimento. dalla raccolta...
Continua...
 
14 Febbraio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
7/3/10 01:45, di venti alessandro ha scritto:
un idea moderna e efficace .mandate questo articolo a tutti i signori sindici della sicilia solo cosi ci posiamo salvare in questa bella isola
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Rifiuto Riduco e Riciclo per Vivere Meglio

Dall'emergenza rifiuti in Campania alla verità sugli impianti di incenerimento. Dalla raccolta...
Continua...
Il Girone delle Polveri Sottili

Frammenti di un filtro chirurgico comunemente installato nella vena cava dei malati di tromboembolia...
Continua...
Smaltire e Riciclare i Rifiuti

Ti sei mai chiesto che cosa succede a quello che buttiamo nella spazzatura e nei cassonetti della raccolta...
Continua...
Ecoballe

Napoli, quattordici anni di emergenza. Rifiuti a ogni angolo di strada. Politici nel mirino. Costi alle...
Continua...
Dove lo Butto?

Un libro divertente e ricco di illustrazioni che spiega ai più piccoli come contribuire al benessere...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Rifiuti: adesso sono risorse
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità