Gli italiani e la casa ecologica: una dolce sorpresa

Una ricerca del portale Casa.it scompiglia le carte e ci racconta gli italiani come non li avevamo mai visti: alla ricerca di una casa bio, attenti ai consumi e alla ricerca di tutto ciò e che sia ecologico. Ma la lentezza burocratica ed un'industria immobiliare poco reattiva, impediscono a questa volontà di trasformarsi in cambiamento.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Andrea Boretti

Casa bio
Il 63% dei cittadini intervistati vorrebbero una casa bio.
Capita molto spesso parlando di ecologia, natura, sostenibilità e conseguentemente di responsabilità individuale in tutti questi argomenti, di criticare i cittadini italiani. Li critichiamo per la loro bassa cultura media in materia, li critichiamo per il loro scarso impegno civile e per tante altre cose.

Ora però, una ricerca del portale Casa.it ci rivela un aspetto degli italiani che non avremmo sospettato mai: agli italiani la casa piace ecologica!

I risultati della ricerca parlano chiaro, il 63% dei cittadini intervistati vorrebbero una casa bio, il 56,8% vorrebbe ristrutturare la propria casa secondo principi di eco-sostenibilità e bassi consumi e il 17,5% ha già completato questa ristrutturazione energetica.

Anche il mercato pare se ne stia accorgendo. Il MADE, il salone per il progetto, l'architettura e l'edilizia, tenutosi a Milano la settimana scorsa ha infatti affrontato argomenti quali la riqualificazione energetica, la sostenibilità e l'innovazione.

Nonostante i cittadini sembrino quindi pronti e nonostante l'industria immobiliare si stia lentamente attrezzando, pare comunque che si faccia ancora fatica a far incontrare le due realtà. Certo la burocrazia non aiuta, fatto sta che solo il 19,4% degli immobili hanno una certificazione energetica – tra l’altro ormai obbligatoria dal luglio scorso – e bene poche case sembrano avere le caratteristiche per godere del conto energia che permetterebbe loro di dotarsi di un impianto ad energia rinnovabile e di rivendere l'energia prodotta in eccesso al gestore della rete.

Cassonetti per la raccolta differenziata
L'italiano medio, impossibilitato ad avere una casa ecologica, mette in atto tutta una serie di comportamenti ecologicamente virtuosi: il 67,3% pratica la raccolta differenziata.
Ad oggi la ricerca di Casa.it racconta che solo il 6,6% ha un impianto fotovoltaico, solo il 5,9% ha dei pannelli solari vetro-vetro e solo lo 0,8% è dotato infine di micro-eolico.

Insomma, si predica bene nelle risposte all'inchiesta e si razzola male a causa di burocrazia e poca volontà? La verità forse, come spesso succede, sta nel mezzo.

Altri dati, infatti, concorrerebbero nuovamente a rivalutare l'italiano medio il quale impossibilitato ad avere una casa ecologica metterebbe in atto - quasi in un'ottica compensatoria - tutta una serie di comportamenti ecologicamente virtuosi: il 56,3% acquista elettrodomestici a basso consumo, il 67,3% praticherebbe la raccolta differenziata e ben il 15,6% comprerebbe elementi di arredo realizzati con materiale riciclabile.

Se vogliamo dare retta alla ricerca di Casa.it, quindi, possiamo dire che in quest'Italia che va a rotoli politicamente ed economicamente, pare che ci sia un motivo per sorridere. Gli italiani, o almeno una parte di essi, sembrano aver imparato la lezione, e se governatori, presidenti e capitani d'industria, non sembrano, come dimostra Copenhagen, essere in grado di imboccare la via giusta, gli italiani lo hanno già fatto e speriamo la percorrano fino in fondo.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Guida alla Bioedilizia e all'Arredamento Ecologico

Una guida completa con tutti gli indirizzi e le indicazioni pratiche sull'ecologia dell'abitare. uno...
Continua...
Ecologia della Casa

questo libro spiega come rendere la casa un ambiente salubre, sicuro e naturale. usa pitture e vernici...
Continua...
11 Febbraio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
24/2/10 04:48, giuseppe de nardi ha scritto:
purtroppo abbiamo una classe polica che non ci rappresenta nella sua totalità, non lavora per un interesse comune ma solo per interessi propri, penso che i nostri politici se avessero un minimo di senso civico vivremmo tutti meglio
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Guida alla Bioedilizia e all'Arredamento Ecologico

Una guida completa con tutti gli indirizzi e le indicazioni pratiche sull'ecologia dell'abitare. Uno...
Continua...
Manuale di Bioedilizia

Perche´ fare una costruzione in Bioedilizia? Come fare una costruzione in Bioedilizia? A queste...
Continua...
Il Libro Completo della bioedilizia

La bioedilizia risponde all'esigenza sempre più diffusa del "costruire sano", a basso impatto ambientale e...
Continua...
Bioedilizia

Questo libro-manuale sulla bioedilizia presenta una serie di problematiche interdisciplinari che riguardano...
Continua...
La casa ecologica

Trattazione di tutti i temi principali dell'abitare sano. Utile per chi voglia trasformare la propria casa in...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Introduzione alla Bioarchitettura e al Feng Shui
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità