Problemi energetici: come risolverli senza mega-impianti

Dal circolo locale per la decrescita felice di Urbania, che si è opposto vittoriosamente alla costruzione del mega impianto eolico sul Monte dei Torrini e Monte Picchio, alcuni preziosi consigli su come risolvere i problemi energetici senza intervenire ulteriormente sul territorio.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

Pale eoliche
Energia eolica: la costruzione di mega-impianti che consumano ulteriormente il territorio non è una soluzione alla crisi energetica
La prima cosa da fare è accrescere l'efficienza e ridurre gli sprechi delle centrali esistenti: il rendimento medio delle centrali termoelettriche (a idrocarburi) attuali si attesta intorno al 38%, delle centrali di nuova generazione è del 55/60%.

La co-generazione diffusa di energia elettrica e calore, con utilizzo nel posto di calore e trasporto a distanza dell'energia elettrica (il famoso “totem” brevettato 20 anni fa dalla FIAT col motore di una 127) consente di utilizzare il potenziale del combustibile fino al 97%.

Le inefficienze e gli sprechi attuali nella produzione termoelettrica non sono accettabili né tecnologicamente, né economicamente, né moralmente, sia per gli effetti devastanti sugli ambienti, sia perché accelerano l'esaurimento delle fonti fossili, sia perché comportano una sperequazione dei paesi ricchi nei confronti dei paesi poveri.

Contemporaneamente è necessario accrescere l'efficienza con cui l'energia prodotta viene utilizzata dalle utenze, a cominciare dal riscaldamento degli edifici: adeguandoci alle già note politiche tedesche e della provincia di Bolzano, per passare alla illuminazione (per esempio le lampade a led), agli elettrodomestici (ci vorrebbero tutti in classe A++), condizionatori (un ventilatore consuma molto meno e fa meno male), macchinari industriali (la maggior parte sono obsoleti), ecc.

Solo dopo, se l'offerta di energia sarà ancora carente, si potrà decidere di costruire nuovi impianti di generazione elettrica. Ma che tipo d'impianti? Certamente impianti di energia alternativa, piccoli impianti che puntano a rendere autosufficienti i luoghi di consumo energetico (abitazioni, fabbriche, mezzi di trasporto, ecc.) e riversano le eccedenze in rete, piccoli impianti che utilizzano localmente la fonte energetica di maggior presenza territoriale: solare termico e fotovoltaico dove c'è sole, mini idrico dove i fiumi e torrenti lo permettono, eolico dove tira veramente vento, biomasse dove sono reperibili combustibili vegetali vergini nel raggio di pochissimi chilometri, geotermia, biogas ecc., piccoli impianti integrati tra di loro, che siano compatibili con l'ambiente, il territorio e il paesaggio.

Per il futuro bisognerà per forza pensare di accumulare l'energia prodotta o con gli impianti termodinamici di Rubbia o con accumulatori (che già esistono ma vanno migliorati ma non esiste ricerca pubblica in tal senso). Anche questo sarà possibile solo con piccoli impianti diffusi nel territorio. Sistema diverso dall'attuale che permette l'utilizzo massimo di un 15% di energie alternative .

Solo così si potrà ridurre e sostituire l'utilizzo delle fonti fossili per la produzione di energia. Il problema energetico e della CO2 deve passare anche per un'altra politica dei trasporti, della produzione degli imballaggi e quindi dei rifiuti, del nostro modo di alimentarci (visto che l'attuale consumo di carne produce un enorme quantità di CO2), dell'attuale politica dei consumi, drastica riduzione del taglio delle foreste e di una seria politica di piantumazione.

Energie Rinnovabili
Utilizzare energia pulite prodotte da piccoli impianti risolve non solo i problemi energetici ma anche quelli ambientali
Per risolvere i nostri problemi è necessario quindi: utilizzare al meglio le tecnologie che già ci sono e investire sulla ricerca; fare scelte politiche che passano per una reale volontà di risolvere i problemi; cambiare i nostri stili di vita che sono alla base di numerosi problemi attuali.

In questo modo non si farebbe fronte solo alla crisi energetica (prossimo esaurimento delle fonti fossili e nucleari) ma anche all'attuale crisi ambientale (rientrando alla grande nelle diminuzione in percentuale della CO2 previste dal protocollo di Kyoto), economica (distribuendo ricchezze tra i lavoratori di numerosi settori, rilanciando l'economia) e occupazionale (aumentando notevolmente i posti di lavoro in numerose piccole imprese).

La proposta di costruire il mega impianto eolico nel Monte dei Torrini e Monte Picchio è in netto contrasto con una seria politica per risolvere gli attuali problemi e salvare il nostro pianeta. Risponde solo alle attuali logiche politiche e di business che bisogna assolutamente sradicare se vogliamo veramente risolvere la nostra crisi totale.

Principali punti da applicare subito per accrescere l'efficienza, ridurre gli sprechi, risparmiare e infine produrre vera energia alternativa:

- eliminazione degli incentivi a tutte le energie che non provengono veramente da fonti rinnovabili (CIP 6).

- incentivazione della produzione distribuita di energia elettrica con tecnologie da fonti fossili più efficienti, come la co-generazione diffusa di energia elettrica e calore che rende fino al 97%, al posto delle centrali esistenti che rendono il 38% e quelle di nuova generazione che rendono il 55/60%.

- dare la possibilità di riversare in rete e di vendere l'energia elettrica anche ai piccoli impianti di co-generazione sotto ai 20 KW.

- Applicazione immediata della normativa, già prevista dalla legge 10/91 e prescritta dalla direttiva Europea 76/93, sulle certificazioni energetiche di tutti gli edifici.

- Definizione della classe C della provincia di Bolzano come livello massimo di consumo per la concessione di licenze edilizie per nuove costruzioni e ristrutturazioni di edifici esistenti.

- Drastica riduzione dei consumi energetici di tutti gli edifici pubblici.

- Incentivazioni alla costruzione e ristrutturazione di case cosi dette “clima”.

- Agevolazioni sulle anticipazioni bancarie e semplificazioni normative per le costruzioni e ristrutturazioni energetiche, in particolare per i contratti col metodo esco, ovvero effettuate a spese di chi le realizza e ripagate dal risparmio economico che se ne ricava.

- Elaborazione di una normativa sul pagamento a consumo dell'energia termica nei condomini, come previsto dalla direttiva Europea 76/93, già applicata da altri paesi Europei.

Elettrodomestici
Gli elettrodomestici obsoleti andrebbero sostituiti con altri di classe A+++
- Incentivazioni alla sostituzione di apparecchi, elettrodomestici, illuminazione, macchinari obsoleti e troppo energivori con nuove tecnologie.

- Eliminazione di tutti gli usi energetici che non abbiano un reale significato soprattutto nelle ore di punta (lucette per lo stand by, scale mobili e ascensori inutili, lampadine accese quando si può usare la luce del sole, raffrescamenti troppo bassi, riscaldamenti troppo alti, ecc.).

- Incentivazione della produzione distribuita di energia elettrica di tutte le fonti rinnovabili solo per i kw prodotti nelle ore di punta e non nelle ore vuote.

- Incentivazione della produzione distribuita di energia termica da fonti rinnovabili, anche a piccoli impianti a biomasse vergini per riscaldamento e produzione di biogas dalla fermentazione di rifiuti organici e scarti dell'agricoltura.

- Finanziare la ricerca e la sperimentazioni di tecnologie che permettano, oltre che di produrre, anche di accumulare energia prodotta con piccoli impianti a intermittenza (solare, eolico, ecc.).

- Realizzare un Piano Energetico Nazionale che tenga conto di tutte le componenti e fattori che intervengono in una seria politica energetica e ambientale.

- Realizzare seri Piani Energetici Regionali che mirino all'autosufficienza locale nel pieno rispetto dell'ambiente, del paesaggio e delle vocazioni e potenzialità territoriali.

Lo stato, invece di continuare a finanziare impianti e un sistema energetico (centrali nucleari, megaeolico, centrali a carbone, inceneritori, gasdotti, turbogas, ecc.) che serve solo a rinviare di qualche anno la crisi energetica e i disastri ambientali, ma ad arricchire le solite lobby economiche e politiche, dovrebbe intervenire direttamente a finanziare l'efficienza, ridurre gli sprechi, risparmiare, costruire impianti per energia alternativa diffusa, finanziare la ricerca.

Così facendo spenderebbe la vera sorte e distribuirebbe gli indotti per rilanciare l'economia, aumentare l'occupazione, e fare spendere qualche soldo di meno in bolletta a tutti i cittadini.

Il mega impianto eolico che si vuole realizzare nel Monte dei Torrini e Monte Picchio risponde ancora una volta solo a vecchie logiche che arricchiscono pochi (guarda caso collegati alla politia nazionale e regionale), a discapito della nostra vocazione territoriale, senza tra l'altro risolvere i problemi energetici e ambientali attuali.

(CIRCOLO LOCALE PER IL MOVIMENTO DELLA DECRESCITA FELICE)

Articolo scritto da Ettore Sacchi

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Manuale Pratico della Transizione

"se la vostra città non è ancora in transizione, ecco una guida che ci può aiutare. abbiamo poco tempo e...
Continua...
Energie Alternative

per scoprire le fonti di energia rinnovabili, il loro funzionamento e le possibili applicazioni nella vita...
Continua...
10 Febbraio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
11/2/10 17:51, Vittorio Cataneo ha scritto:
Bella Decrescita!
Nlon riesco a credere che un articolo redatto da un circolo per la decrescita felice proponga di abbandonare l'eolico (zero emissioni, zero consumo risorse naturali, ridottissimo impatto sull'avifauna, impatto estetico), per mettere centrali a ciclo combinato!!!!
Emissioni, consumo risorse ecc ecc, ovviamente sono anche si mega centrali!!!!
Ma siamo Pazzi?
Probabilmente ci sarà qualche altro delinquente che scriverà gli elogi sul nucleare tra un po'.
A ovviamente il totem produceva un 20% di energia elettrica e un 80% di calore che risulta spesso inutilizzabile, anche li bisogna stare attenti...
oi strenuamente lavoiramo per realizzare impianti da energia rinnovabile e speriamo che almeno su questo sito siano bandite sciocchezze simili.
vittorio cattaneo
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Un Futuro Senza Luce?

Il nostro sistema energetico spreca e disperde nell'atmosfera più energia di quanta ne utilizzi....
Continua...
Salvare l'Ambiente Conviene

Quello di Jacopo Fo è un libro di valide e ragionevoli alternative all’insegna di un duplice...
Continua...
EBooks - Come Evitare la Trappola Nucleare

Anteprima ebook 1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità