Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no

Sono in molti ad essere spaventati dal ritorno del nucleare in Italia. Le ragioni sono le più diverse, ambientali, economiche, etiche, sociali. Meno indagate, ma altrettanto allarmanti, sono invece gli aspetti legati alla salute: sono ormai numerosi gli studi che mettono in relazione l'esposizione anche minima alle radiazioni con lo sviluppo di gravi malattie e mutazioni.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Andrea Degl'Innocenti

Scorie radioattive
Lo stoccaggio delle sostanze radioattive è uno dei processi più dispendiosi
Nell'acceso dibattito di questi giorni, chi abbia avuto la pazienza di oltrepassare la cortina di fumo dell'informazione tradizionale, svolgendo una rapida ricerca su internet o attingendo da fonti dirette, avrà sicuramente trovato una serie di buone ragioni per schierarsi fra i contrari al ritorno del nucleare in Italia.

Le perplessità sono innanzitutto ambientali, dovute oltre all'enorme impatto sul territorio, al fatto che una centrale nucleare necessita, per funzionare, di elevatissime quantità di acqua per il raffreddamento (la Francia vi impiega il 40% delle sue risorse idriche) e spesso di una centrale a carbone ausiliaria che fornisca l'energia necessaria ad estrarre il plutonio dall'uranio.

E di natura economica, dati gli elevati costi di costruzione – Edison ha stimato in 40 miliardi di euro il prezzo di 10 centrali – e di stoccaggio delle sostanze radioattive, a fronte di un prezzo al kilowatt che – si legge sul blog di Jacopo Fo - risulterà sconveniente rispetto al solare e all'eolico nel giro di 3-4 anni (dunque 15 anni prima che le centrali entrino in funzione); senza contare che l'uranio va scomparendo ed il suo prezzo è destinato a crescere esponenzialmente.

E poi etiche, visto che l'energia nucleare era stata abolita in Italia per volontà popolare da un referendum nell'87, mentre nessun referendum è stato richiesto per reintrodurla, e sociali, perché le centrali creeranno prevedibili contrasti e frizioni nelle comunità dove saranno costruite.

Centrale nucleare
Sono numerosi ormai gli studi che attestano la nocività dell'esposizione alle radiazioni nucleari, anche in quantità minime.
Mille buone ragioni si possono trovare, e già di per sé sufficienti. Ce n'è un'altra però, che forse fino ad ora non è stata presa nella dovuta considerazione: quella salutare. Sono numerosi ormai gli studi che attestano la nocività dell'esposizione alle radiazioni nucleari, anche in quantità minime.

In un'intervista su Qualenergia.it Gianni Mattioli, deputato dei verdi, ebbe a dichiarare che il danno sanitario da radiazioni è un “danno senza soglia”, visto che un'esposizione anche minima può innescare processi di tumori, leucemie o effetti sulle generazioni successive.

La stessa Commissione internazionale per la radioprotezione definisce “dose massima ammissibile […] quella dose cui sono associati effetti somatici, tumori e leucemie, che si considerano accettabili a fronte dei benefici economici associati a siffatte attività o radiazioni” piuttosto che, come sarebbe logico supporre, quella che non comporta rischi per la salute umana.

Uno studio finanziato dal governo tedesco e condotto da un gruppo epidemiologico dell’Università di Mainz ha portato ulteriori conferme. Su un campione significativo di persone esposte a quantità minime di radiazioni nucleari – i residenti in un raggio di 5 chilometri da ciascuna delle 16 centrali tedesche, in un arco di tempo di 13 anni, dal 1980 al 2003 – si è riscontrato un aumento di incidenze allarmante, soprattutto per quanto riguarda i bambini al di sotto dei 5 anni (+ 220% i casi di leucemia, + 160% quelli di cancro).

Le regioni e il nucleare
Persino la volontà delle regioni viene calpestata dal governo
Infine un articolo del quotidiano britannico The Guardian illustra come esistano altri tipi di effetti, ancora più a lungo termine, dell'esposizione alle radiazioni. Effetti che possono “causare cambiamenti in cellule lontane nello spazio e nel tempo da quelle colpite dalle radiazioni. Che sfidano l'attuale spiegazione sugli effetti delle radiazioni ma sono sconosciuti all'opinione pubblica. Che sono discussi dai biologi di tutto il mondo e sono soggetto di migliaia di articoli scientifici.

Un quadro agghiacciante, reso ancor più inquietante dalle ultime notizie di attualità che vedono, in data di ieri 10 febbraio, l'approvazione da parte del Consiglio dei Ministri del decreto legislativo sulla disciplina della localizzazione, della realizzazione e dell'esercizio di impianti di produzione di energia elettrica nucleare.

Il nucleare sembra alle porte, insomma. Certo non ci è dato sapere dove saranno costruite le centrali, non in campagna elettorale. Né possiamo esprimere il nostro parere in proposito (un referendum darebbe come esito probabile la vittoria del no, almeno stando ad un recente sondaggio condotto da Ipr Marketing che vede i contrari attestarsi al 56%).

Persino la volontà delle regioni, alla faccia dell'osannato federalismo, viene calpestata dal governo, che si è affrettato ad impugnare le leggi approvate da Puglia, Campania e Basilicata che impedivano la costruzione di centrali sul proprio territorio.

Ma non c'è di che preoccuparsi. Probabilmente il nucleare in Italia non tornerà mai. Secondo Jacopo Fo infatti, ben prima del 2019, anno in cui le stime più rosee dei tecnici Edison attestano l'inizio attività della prima centrale, la crisi energetica affosserà l'economia italiana al punto da rendere ridicolo il solo pensare di poter costruire una centrale. Siamo proprio fortunati.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono no al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
EBooks - Come Evitare la Trappola Nucleare

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono no al nucleare. 2007: nonostante la decisione del...
Continua...
10 Febbraio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
5 lettori hanno commentato questo articolo:
3/8/10 18:15, gian_paolo ha scritto:
Provo a rispondere anche se ho timore che possa essere un dialogo fra sordi.
L’acqua nelle centrali nucleari non viene inquinata né trasformata; è acqua di raffreddamento del condensatore cioè che trasforma il ,vapore uscente dalla turbina in acqua (di un altro circuito chiuso anch’esso non radioattivo) per andare alle pompe. Viene semplicemente scaldata; passa ben lontana dal nucleo o zone radioattive; volendo potrebbe essere inviata nelle case come teleriscaldamento.

Economico: non si può paragonare i costi di una centrale nucleare da 1000 MW con quelli di un eolico da 10 MW o un fotovoltaico da 200 KW. Si deve fare il costo della centrale diviso la potenza installata: questo valore nel nucleare è di 2000 €/KW; per l’eolico 4000 (di cui 1500-2000 la parte meccanica) variabili a seconda del terreno e della struttura portante (se zona sismica ecc.) e i 6000 del fotovoltaico; questi valori vanno poi aumentati dividendo il nucleare per 0.92 (% ore funzionamento); l’eolico diviso per 0.17 (cioè moltiplicando i 4000 € per 6) ed il voltaico diviso 0.14 (in base alle ore d’insolazione; cioè moltiplicando i 6000 €/KW per poco più di sette). In questo modo si passa dal costo d’impianto del KW istallato, a quello del KW prodotto. [Tutto ciò senza tenere conto della vita dell’impianto Nucleare/ alternativo circa 3/4 volte; quindi il costo nucleare dovrebbe essere diviso per 3 o 4 nella comparazione].
- L’Uranio arricchito sul mercato europeo costa 2000 €/Kg e produce 750.000 KWh/Kg. Dividendo i due valori, viene un costo (per il combustibile) di 0.00266 €/KWh (2.66 millesimi €). Dovesse anche raddoppiare o triplicare l’incidenza è esigua. Non è vero che c’è stata una crescita esponenziale; un picco nel 2007 poi una discesa http://www.uranium.info/index.cfm?go=c.page&id=29
- Il costo di smaltimento delle scorie in Europa è poco più di 1000 €/Kg di scoria del 3° (meno altrove) se lo dividiamo per il solito 750.000 (è un approssimazione, comunque molto vicina) otteniamo pochi millesimi di €.
- L’Uranio sparisce? I calcoli dei 40 anni sono sbagliati anche matematicamente (5.5 Mln ton/… danno un’ottantina d’anni a 130€/Kg (senza contare le bombe atomiche dismesse); comunque se accettiamo il raddoppio o più del prezzo, come abbiamo visto la sua incidenza è marginale, avremo il quadruplo della disponibilità.

Sono un tecnico, l’etico e il sociale lo lascio a voi. A me dà fastidio sentire avvocati sociologi o attori disquisire sulle tecnologie del’eolico, del termico o del nucleare, con parole che non sono chiaramente le loro. Ad ognuno le sue competenze.

Danno radiazioni? Se Mattioli ha detto questo, mi sembra una scempiaggine; poiché dei 340 isotopi naturali, 70 sono radioattivi; alcuni nati con la Terra come l’Uranio o il Potassio 40 che mangiamo e beviamo nell’acqua tutti i giorni; altri in formazione come il nostro Carbonio 14; o il Radon; o il Cobalto 58 che si forma dal Rame se questo viene esposto ai raggi cosmici. Il suolo terrestre emette radiazioni in quantità abbastanza variabile per esempio nei Campi Flegrei c’è n’è 3-4 volte che da noi; il selciato di P.zza S. Pietro emette 10 volte quella media; eppure non risulta che le guardie Svizzere soffrono di tumori. Poi c’è le radiazioni che respiriamo legate prevalentemente al Radon (che si scinde in pochi giorni emettendo altri isotopi radioattivi, e quelle che beviamo e mangiamo. Quelle (e sono tante) che ci arrivano dal Sole che è una enorme centrale nucleare. I raggi cosmici. Qualcosa arriva, tramite il magma, anche dal centro della Terra (anch’essa sede di reazioni nucleari che la tiene calda). Insomma dal primo organismo nato sulla Terra ad oggi abbiamo assorbito quantità abnormi di radioattività che hanno favorito l’evoluzione ed è stata smaltita tranquillamente dagli organismi viventi. Viviamo in un mare di emissioni nucleari. Noi stessi emettiamo radioattività e non solo per il C 14 che è solo il più noto degli isotopi radioattivi presenti nel nostro corpo.

Lo studio tedesco dei 5 Km; non ricordo come si chiama chi l’ha compiuto [KK…] è stato smentito da almeno un'altra ventina di studi analoghi ed è stato considerato ascientifico; in quanto, secondo normative, l’emissione di radioattività di una centrale è circa 1/1000 di quella considerata soglia pericolosa e molto inferiore di quella naturale proveniente dal suolo.

Sono d’accordo, anche se non è espressamente il mio campo, che se non arriva un ricambio delle centrali a combustibile, l’economia italiana crollerà. Ma 9 anni di vita mi sembrano un po’ troppo pessimisti (almeno il triplo) certo l’industria italiana, grazie agli alti costi energetici, concorre in salita con gli altri paesi e sarà sempre peggio, se non si interviene.

Il numero delle centrali va diminuendo? Le 34 in costruzione; la novantina pianificata e in prossimo inizio lavori, hanno potenze generalmente dai 750-1630 MW; quelle dismesse molto di meno; in genere 300-450 MW e anche meno. Quindi, foss’anche diminuissero in numero, non diminuirebbe certo la potenza installata.

Il 16.8 (non 16)% è la media mondiale, non quella europea che è del 34%. (la potenza elettrica nucleare è passata da 24% al 34% non al 16%)

La Russia, nonostante il dolore di qualcuno, non è più URSS; non ha economia pianificata. Forse la Cina con le sue 5 centrali, sulle 34 mondiali in costruzione. Non so se le centrali cinesi vengano finanziate dai gradi consumatori energetici privati o dallo stato e non credo che lo sappia nessuno.

Scusatemi ma io chiudo qui.
18/2/10 17:19, Airone Rosso Caorso ha scritto:
Leggete e diffondete il nostro movimento
http://aironerosso.blogspot.com/
12/2/10 08:17, Mimmo ha scritto:
Io non sono spaventato, sono terrorizzato!.
Se le centrali le costruiscono le imprese che sono le stesse responsabili della costruzione della casa dello studente di L'Aquila la possono costruire anche ad Arcore.
Se poi vengono gestite dalle stesse maestranze che sanno gestire le impreviste e abbondantissime nevicate come ha fatto trenitalia, allora possono costruirla pure sul Monte Bianco.
Se poi le scorie devono essere affondate nei nostri mari, suggerisco tra Pantelleria e Libia, così prendiamo due piccioni con una fava e ci risparmiamo i sommergibili per affondare questi extracomunitari che vengono in Italia solo per delinquere, soprattutto le donne col pancione.
La tragedia di Cernobyl ha dimostrato quanto sia facile distruggere una terra e compromettere la salute dei suoi abitanti per decenni e quanto sia facile mettere cose pericolose nelle mani di incompetenti.
Non abbiamo uranio e non risolviamo la dipendenza energetica.
Poi c’è un aspetto tecnico che si chiama EROEI : l’energia recuperata per energia spesa per ottenere energia.
Se costruire la centrale, estrarre ed arricchire l’uranio, gestire la centrale e smaltire le scorie, richiede tanta energia quanta se ne produrrà in tutta la vita della centrale, allora il gioco non vale la candela. Per una centrale nucleare questo valore può andare da sotto l’unità (senza senso) a 100, per il fotovoltaico da 1 (senza senso) a 10, per l’eolico da 5 a 80.
Naturalmente normative più propense a tutelare la salute e maggiore vigilanza sulle procedure di stoccaggio e smaltimento delle scorie e minore disponibilità di materiale fissile sposteranno l’EROEI verso valori sempre più bassi.
E’ quello che si è verificato per Petrolio, Carbone e gas naturale e, probabilmente, accade a tutte le risorse non rinnovabili.
Esistono alternative meno costose, rinnovabili e senza possibilità di creare danni.

Lasciamo che le centrali nucleari continuino a darci la loro energia a buon prezzo, non per fissione ma per fusione, non sulla Terra ma sul Sole.


11/2/10 10:57, licia ha scritto:
nucleare no grazie, per difendere l'ambiente e la nostra salute
11/2/10 09:47, Massimiliano ha scritto:
FIRMA L'APPELLO CONTRO IL NUCLEARE!

Partecipa anche tu e firma l’appello su www.nuclearlifestyle.it per chiedere ai candidati alle elezioni regionali del 28 e 29 marzo di dire No al Nucleare.

QUI: http://www.greenpeace.it/nuclearlifestyle/homepage.html#conteggio

QUI:www.nuclearlifestyle.it

Ciao mp
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
La Malattia non Esiste - Una sfida quantistica per la guarigione

Dopo anni di ricerche e pratica clinica l'autrice ha elaborato un metodo terapeutico che integra l'approccio...
Continua...
L'Influenza Suina A/h1n1 e i Pericoli della Vaccinazione Antinfluenzale

Tutto quello che devi sapere per tutelare davvero la tua salute e quella dei tuoi cari: ? l'influenza a/h1n1...
Continua...
Il Mondo Secondo Monsanto

Monsanto è leader mondiale nella produzione degli organismi geneticamete modificati (ogm) ed è una delle...
Continua...
Alimentazione Vegetariana - Teoria e Pratica

Tutto sulla teoria e sulla praticadell'alimentazione vegetariana racchiusoin un volume tra i più aggiornatie...
Continua...
Farmacrazia

"nell'arco di qualche secolo, le società occidentali si sono trasformate da teocrazie in democrazie e da...
Continua...
Cancro: puoi guarire

Esistono davvero tanti malati di cancro guariti con medicine alternative. decine e decine di testimonianze...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Influenza suina: si chiude la nostra campagna
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità