L’Italia che frana

Negli stessi giorni in cui un emendamento presentato dal Pdl al decreto Milleproroghe chiede un nuovo condono edilizio, il “Rapporto Italia 2010” sottolinea la gravità del rischio frane nel nostro Paese. Eppure, al di là dei movimenti franosi, quella descritta dall’Eurispes è un’Italia immobile e priva di progettualità futura.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Alessandra Profilio

italia
Il “Rapporto Italia 2010” sottolinea la gravità del rischio frane nel nostro Paese
In Italia il rischio frane è decisamente sottostimato. È quanto emerge dal “Rapporto Italia 2010” dell’Eurispes, presentato a Roma qualche giorno fa.

5.581 comuni (68,9% del totale) indiziati di problemi geologici ed idraulici, dei quali 1.700 a rischio frana, 1.285 a rischio di alluvione e 2.596 a rischio sia di frana che di alluvione: ecco quanto si rileva dal report e dai Piani per l'assetto idrogeologico (Pai) redatti.

In Campania i comuni a rischio idrogeologico sono 210 su 552, di cui 120 a rischio di colate rapide di fango. Calabria, Umbria Valle d'Aosta sono le regioni con la più alta percentuale di comuni classificati a rischio (il 100% del totale), seguite da Marche (99%) e Toscana (98%). La Sicilia è undicesima (70%), con 200 comuni a rischio frana, 23 a rischio alluvione e 49 a rischio frana e alluvione.

L'Inventario dei fenomeni franosi in Italia (Iffi), sviluppato dall'Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), e attivo a partire dal 1996, sino ad oggi ha registrato 485 mila fenomeni franosi che interessano un'area di 20.721 chilometri quadrati, corrispondente al 6,9% del territorio nazionale. Tuttavia, come sottolinea il rapporto Eurispes, il numero dei fenomeni censito da Iffi, è “largamente sottostimato": i ricercatori sostengono che "una stima attendibile sia costituita da circa 2 milioni di fenomeni e di conseguenza la percentuale del territorio italiano soggetta a fenomeni in atto superi il 20%”.

Il quadro delineato dall’Eurispes appare particolarmente drammatico se si pensa che proprio in questi giorni un emendamento presentato dal Pdl al decreto Milleproroghe, in discussione in commissione Affari Costituzionali alla Camera, chiede un nuovo condono per alcuni abusi edilizi, compresi quelli commessi prima del 2003.

giampilieri
A seguito dell'alluvione del messinese del 1° ottobre scorso, "si sono sviluppati numerosi eventi franosi classificabili per la maggior parte come colate di fango e detrito a rapida evoluzione"
“All'Italia per uscire dalla crisi serve ben altro, è necessario un piano per rilanciare l'edilizia di qualità legata al risparmio energetico e alla bellezza, serve un piano di riqualificazione dell'edilizia pubblica e opere di manutenzione urbana. L'Italia ha gia' pagato un prezzo molto alto ai condoni edilizi di Berlusconi”, afferma Ermete Realacci (PD) l'emendamento.

“Mentre il nostro Paese necessita di essere messo in sicurezza dai tanti dissesti idrogeologici e dal permanente rischio sismico; mentre il parco edilizio ha bisogno di verifiche profonde e di interventi di messa in sicurezza; mentre bambini, donne e uomini muoiono sotto le macerie di edifici fatiscenti o mal costruiti; mentre troppe famiglie subiscono sfratto o pignoramento perché la crisi non permette loro di pagare l'affitto o la rata di mutuo; mentre il vero Piano per l'edilizia sociale è praticamente fermo e il Fondo sociale per l'Affitto viene decurtato ogni anno, in Parlamento qualcuno della maggioranza propone un altro, l'ennesimo, condono edilizio”, questo il commento della Cgil che ha lanciato un appello al Parlamento affinché respinga la proposta.

Inoltre – come se tragedie, frane ed alluvioni non bastassero a scalfire il volto dell’Italia – quello ritratto dall’Eurispes è un Paese dissestato non solo dal punto di vista del territorio.

“Non abbiamo timore di essere accusati di eccessivo allarmismo, ma dal nostro osservatorio” – afferma il presidente Gianmaria Fara - cogliamo segnali preoccupanti di disagio, di distacco, quando non di ostilità nei confronti delle Istituzioni che aspiranti capipopolo vorrebbero cavalcare. E mentre tutto ciò accade, la nostra classe dirigente appare interessata solo agli equilibri di potere, a costruire e smontare alleanze, ad operare per il proprio esclusivo tornaconto, ad imbastire lucrosi affari, a difendere privilegi e vantaggi senza rendersi conto che l'intero sistema si sta progressivamente sfaldando”.

tasche vuote
L'Italia è il paese con gli stipendi più bassi e le tasse più alte
L’istituto di ricerca ha rilevato, infatti, che l’Italia è il Paese con gli stipendi più bassi (17% in meno della media dei Paesi Ocse, 19% in meno della media europea contata su 19 Paesi) e le tasse più alte: il 50% della popolazione, ovvero un italiano su due, arriva con difficoltà a fine mese, tagliando in modo drastico tutte le spese per beni secondari o superflui (purtroppo, in molti casi, anche i beni primari).

Un italiano su quattro, un campione di intervistati pari al 24,8%, si dichiara convinto che “gli immigrati rubano il lavoro agli italiani”. Riguardo agli immigrati, poi, dal rapporto Eurispes 2010 emerge che secondo il 31,7% degli italiani i mezzi di informazione sono responsabili dell'ondata di xenofobia che ha attraversato il nostro Paese negli ultimi mesi.

In generale, dunque, l’Eurispes restituisce l’immagine di un Paese immobile, privo di progettualità futura e sommerso dai problemi, oltre che da macerie e detriti.

Tuttavia, dal rapporto emerge anche una significativa crescita della green economy che – tra consumo di energia rinnovabile, prodotti di agricoltura biologica, commercio equo e solidale e finanza etica – si attesta nel nostro Paese su un mercato da 10 miliardi di euro.

L'economia ecosostenibile, etica, solidale e responsabile si è trasformata da una realtà marginale e trascurabile ad un fenomeno sempre più globale, in grado di contribuire in maniera significativa allo sviluppo economico mondiale.

Infatti, come conclude il rapporto, per evitare una nuova recessione globale, è necessario considerare le gravi ripercussioni del modello di sviluppo economico degli ultimi decenni e, di conseguenza, favorire la diffusione di pratiche economiche ispirate a principi come “la responsabilità sociale e ambientale, l'etica, la solidarietà, la trasparenza, l'ecosostenibilità e l'efficienza”.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Il Partito del Cemento

Una nuova colata di cemento si abbatte sull'italia, a partire dalla liguria. la febbre del mattone non...
Continua...
Energia Verde in Italia

Oggi il mercato elettrico è completamente liberalizzato e non esiste più un monopolista di stato. le aziende...
Continua...
2 Febbraio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
3/2/10 09:42, marco ha scritto:
è ora che il governo prenda seri provvedimenti per mettere in sicurezza il territorio (vedi frane) e che l'ANAS (di governo) inizi a pagare a 60 giorni le opere e non a 12 mesi.

Le frane sono causa di quasi 2 anni di mancata messa in sicurezza del territorio, perchè il governo se ne frega !!!!!!
Il governo tiene di più alle grandi opere (ponte sicilia) che non serve a un beato.... , ma il ponte resta in memoria...., quindi un domani si dirà... il ponte di B. Ai siciliani non gliene frega del ponte lo avete capitooo, mentre le frane mettono a rischio la vita dei cittadini !!! E' ora che questa cosa si dica in TV: che l'ANAS paga a un anno e che in Italia la messa in sicurezza del territorio manca da 2 anniiiii.... Dobbiamo forse aspettare che muoiano i cittadini per prendere provvedimenti sulle frane ??? Vergognatevi, 2 anni che non vengono fatti i lavori a salvaguardia del territorio e delle persone, vergogna, altro che case a Venezia !!!
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità