Il 2010 sarà l'anno della tigre?

Non si tratta solo del tradizionale oroscopo cinese: il maestoso felino potrebbe estinguersi in trent'anni, se non ci saranno azioni drastiche. Nel 2010 WWF e Global Tiger Iniziative lanciano campagne mondiali, mentre qualche governo pensa alla tigre come ad un animale da compagnia.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Miriam Giudici

tigre
Il maestoso felino potrebbe estinguersi in trent'anni, se non ci saranno azioni drastiche
Mentre in Cina si preparano grandi festeggiamenti per l’inizio, il 14 febbraio, dell'anno della tigre, il WWF cinese lancia l'allarme: quella vera, di tigre, potrebbe estinguersi molto presto. Con i trend attuali, infatti, il 2040 sarà l'anno della definitiva scomparsa della tigre allo stato selvaggio.

E sempre il WWF, nell'Anno Internazionale della Biodiversità, lancia una campagna mondiale perché ai più alti livelli vengano presi impegni immediati per la difesa del grande felino che più di ogni altro rappresenta in Asia la regalità, l'eleganza e la forza.

Due i fronti su cui combattere: la deforestazione, causa della progressiva distruzione dell'habitat naturale della tigre, e il commercio (che in Oriente è in crescita) di alcune parti dell'animale a scopo decorativo o come parte della medicina tradizionale asiatica.

I rapporti sono chiari: l'esiguità dei numeri rappresenta tutta la gravità della situazione. Solo cinquanta esemplari di tigre vivrebbero in Cina allo stato selvaggio: tigri siberiane, del bengala o indocinesi che sopravvivono isolate e assediate dalla deforestazione. Un'ecatombe, se si pensa che negli anni Sessanta si era nell'ordine delle migliaia di capi presenti sul territorio cinese.

La specie è a rischio anche in India, Bangladesh e Nepal – dove le tigri indiane in tutto sarebbero meno di 1.800 – e in Siberia, dove si contano circa 450 esemplari. In Indonesia, poi, sarebbero non più di 400 le tigri di Sumatrache vivono in libertà.

Il WWF denuncia che si è giunti a un triste paradosso: ci sono ormai più tigri d'allevamento che tigri in libertà. In Cina se ne contano più o meno 5.000 capi, sfruttati nella farmacia tradizionale appunto per sopperire alla scomparsa delle tigri falciate dal bracconaggio.

Il problema è che le tigri nate in cattività non possono più essere reinserite nel loro ambiente naturale. Pertanto, gli ecosistemi risultano danneggiati nel loro equilibrio dalla mancanza del predatore più importante, perdendo enormemente in biodiversità.

tigre
Nel 2010 WWF e Global Tiger Iniziative lanciano campagne mondiali per la tutela della tigre
È dunque necessario intervenire subito. Il 2010 sarà proprio l'Anno della Tigre e prevede una fitta serie di incontri e tavole rotonde in cui i governi dei paesi asiatici saranno spinti a prendere decisioni drastiche sulla protezione delle aree minacciate dove vivono le poche tigri rimaste. Molte di queste azioni vanno sotto l'ombrello della Global Tiger Initiative, un'alleanza che vede impegnata anche la Banca Mondiale ed ha l'obiettivo di eliminare il rischio di estinzione per la tigre entro il 2020.

Si spera che iniziative di tale calibro possano convincere i governi a fare quel minimo indispensabile che ancora oggi sembra mancare nel tutelare la tigre.

Proprio di questi giorni una notizia shock secondo cui il governo indonesiano vorrebbe promuovere la “adozione”, vera e propria, di esemplari di tigri di Sumatra da parte di quei privati che desiderano un esotico animale da compagnia.

Il modo più deleterio per occuparsi dello splendido felino asiatico, che sta pericolosamente avvicinandosi al punto in cui non ci saranno più abbastanza esemplari liberi per la riproduzione.


Il governo indonesiano ha deciso di concedere l'adozione di tigri di Sumatra
Una Tigre in giardino

Il governo indonesiano ha deciso di concedere l'adozione di tigri di Sumatra, una scelta spinta da motivazioni controverse e che sta suscitando diverse polemiche.

di Andrea Boretti

Hai presente quando con tuo figlio sei andato al canile e hai scelto un bel cucciolo da crescere e con il quale vivere insieme? Ora, in Indonesia, la stessa cosa può praticamente essere fatta con le tigri!

E' di questi giorni, infatti, l'idea del governo indonesiano di permettere l'adozione della famosa e tristemente in via d'estinzione tigre di Sumatra. Nell' isola a Nord di Java risiede una delle più grosse colonie di tigri del mondo, circa 400 esemplari secondo le stime del WWF, ma il felino contava circa 1000 esemplari negli anni ottanta ed era molto diffuso a inizio secolo. "Per le adozioni - dicono da Jakarta - bisogna disporre di uno spazio minimo di 60 metri quadrati. “Anche se è preferibile offrire loro un terreno di grandi dimensioni”, ha precisato un responsabile del ministero delle Foreste.

Magari una foresta?

Ovviamente la polemica è immediatamente montata tra gli ambientalisti che chiedono al governo di impegnarsi per la salvaguardia delle foreste piuttosto che avventurarsi in iniziative folkloristiche e dal dubbio gusto etico. "Quella del ministero non è certo una soluzione per salvare questi animali ", commenta Bustar Matair, portavoce di Greenpeace nell'sudest asiatico.

Dal canto suo il governo indonesiano ribadisce che non si tratta di noleggiare una tigre, ma di ottenere l'autorizzazione ad occuparsene, un po' come fosse un cavallo di razza. Per questo motivo chi “adotta” una tigre deve ovviamente essere disposto ad accettare alcune condizioni. Didi Wiryanto, un consulente del ministero, insiste sull'argomento affermando che l'idea è venuta dopo che alcuni uomini d'affari si sono detti disposti ad occuparsi delle tigri. Il ministero ha visto questa come una grande occasione per salvare i felini: "non sono i soldi quello che ci interessa, ma la preservazione degli animali". Sarà, ma tra le condizioni per accedere all'adozione c'è comunque quella di pagare centomila dollari.

La verità potrebbe essere legata invece - volendo fare un po' di dietrologia - al prossimo calendario cinese (al via il 14 Febbraio) che sarebbe l'anno della tigre. Questa ricorrenza ed il prestigio che una tigre (almeno in Asia) porta a chi la possiede, sarebbero le vere ragioni della scelta del governo Indonesiano.

Soldi, prestigio, superstizione, salvaguardia. Quale che sia la verità, non c'è niente ma veramente niente che spieghi perché chiudere una tigre in un grande giardino sarebbe meglio che lottare per permetterle di vivere nel suo habitat. Forse così avremo un enorme micione ammaestrato, forse il suo padrone (più povero di centomila dollari ma ricco di prestigio) avrà anche il favore degli dei e farà grandi affari quest'anno, ma di sicuro tutta questa fortuna sarà solo temporanea perché 400 esemplari non sono molti - già 30 pare siano disponibili per l'adozione - e se ora tocca alle tigri abbandonare il proprio habitat in nome di chissà quale motivazione, domani toccherà ad un'altra specie e poi ad un'altra e un'altra ancora. Alla fine rimarremo solo noi, "esseri ben poco umani", e l'Arca di Noè, questa volta, sarà tutta per noi.

27 Gennaio 2010 - Scrivi un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità