L'Urlo

Favara (Agrigento): l’ordinarietà dell’emergenza

Un’altra tragedia annunciata: l’ennesimo crollo in un centro storico siciliano ha purtroppo determinato la tragica morte di due bambine. Ecco le conseguenze della mancata programmazione e gestione del territorio. Italia Nostra avvierà tutte le azioni legali per accertare eventuali responsabilità.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

favara
Favara, due bambine vittime del crollo di un edificio: l’ennesima tragedia annunciata
L’ennesimo crollo in un centro storico siciliano ha purtroppo determinato la tragica morte di due bambine. Favara è un centro interno dell’agrigentino di oltre 30mila abitanti, con il record di imprese edili rispetto al numero di abitanti. Un luogo come tanti delle nostre aree interne, cresciuto senza regole e senza limiti al di fuori dei propri confini storici.

E’ la dimostrazione di un Paese che, nonostante le ripetute tragedie (Abruzzo e Messina solo negli ultimi mesi), resta incapace di prevenzione, di rispetto delle regole, di tutela del proprio patrimonio storico e urbanistico e quindi incapace di difendere la vita dei propri cittadini. Ancora una volta è una tragedia annunciata, in un Sud che paga una inesorabile e scriteriata sopraffazione degli interessi privati sul bene pubblico.

Sono le conseguenze della mancata programmazione e gestione del territorio, che ancora vede, nel 2010, l’assenza di strumenti di pianificazione urbanistica, così come spesso manca una pur minima politica di salvaguardia del patrimonio storico e ambientale.

Restano inoltre inascoltati i ripetuti appelli del Presidente della Repubblica Napolitano sulla necessità di emergenti azioni di prevenzione per evitare tragedie come quelle che nell’ultimo anno hanno colpito il nostro Paese.

Mentre in taluni casi vengono create ad arte situazioni di emergenza fittizia finalizzate all’occupazione dei più importanti siti culturali da parte di commissari di nomina politica, laddove questa emergenza è non solo reale ma drammatica, gli organi di governo sono colpevolmente assenti.

Italia Nostra chiede la verifica immediata degli strumenti di ricognizione - cartografia del rischio in primis – della situazione idrogeologica: di quali strumenti dispongono attualmente gli organi di governo? A che livello di aggiornamento e di affidabilità? Stanziamento immediato di risorse per una mappatura del territorio con le gradazioni di rischio sismico, idrogeologico, e sullo stato dell’edificato.

Italia Nostra, infine, valuterà tutte le azioni legali possibili per eventuali omissioni da parte delle autorità competenti.

24 Gennaio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
Uno spazio conquistato a fatica. Uno spazio dove gridare sottovoce, ma senza paure, tutti i pensieri e le emozioni che la nostra quotidianità fatta di asfalto, rumore e cemento ci obbliga ad ingoiare silenziosamente.
RUBRICA A CURA DI...

Alessandro Rizzato

Vai alla pagina personale...

PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Salvare l'Ambiente Conviene

Quello di Jacopo Fo è un libro di valide e ragionevoli alternative all’insegna di un duplice...
Continua...
La decrescita felice

I segnali sulla necessità di rivedere il parametro della crescita su cui si fondano le società industriali...
Continua...
Manuale di Sopravvivenza alla Fine del Petrolio

Un'approfondita riflessione e un manuale ricco di suggerimenti e proposte concrete per modificare il...
Continua...
Trafficologia

Ci sediamo, avviamo il motore e partiamo, convinti di avere tutto sotto controllo. Ma siamo sicuri? È proprio...
Continua...
Grandi Opere

Le Grandi Opere sono il simbolo di un mondo antiquato, corrotto e cadente: sono superate e inutili per chi...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità