Grillo a Susa: Tav, crimine contro l’umanità di domani

“Avete contro il potere dei miliardi, eppure sono i piccoli gruppi a fare i grandi cambiamenti”. Si riaccendono i riflettori sulla protesta in Val di Susa. Proprio ieri, infatti, Beppe Grillo ha fatto incursione al presidio No-Tav per incitare i cittadini a difendersi dinanzi ad un’opera che definisce “un crimine contro l’umanità di domani”.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Giorgio Cattaneo

grillo
Beppe Grillo ha fatto incursione al presidio No-Tav per incitare i cittadini a difendersi
«Vogliono indebitare il popolo italiano per 30 miliardi, per un’opera che non vedranno neppure: è un crimine, contro l’umanità che deve ancora nascere». Un crimine che sa di truffa, basato su dati obsoleti o fasulli, «voluto da malati di mente di settant’anni». Così Beppe Grillo il 21 gennaio a Susa, davanti a un migliaio di militanti, ha dato la carica alla resistenza civile dei valsusini contro la Torino-Lione in vista della grande manifestazione popolare prevista per sabato 23 gennaio a Susa: «Vogliono prendervi per stanchezza e sono sempre più forti, ma voi avete un Dna che non si piega».

L’incursione di Grillo al presidio No-Tav, accompagnato da Davide Bono, candidato alle regionali per il “movimento 5 stelle”, interrompe l’isolamento politico della valle di Susa, costringendo i media a riaccendere i riflettori sulla protesta: la Torino-Lione è un’opera devastante, costosissima e completamente inutile? Gli italiani devono sapere che si indebiteranno per miliardi, ad unico vantaggio dei consorzi d’imprese ingaggiati per la realizzazione di una linea oblsoleta, che nasce già morta: irrilevante per l’incremento del traffico di passeggeri e del tutto inutile per il traffico delle merci visto che, una volta in Francia, non potranno correre sulla linea veloce francese.

Fermato nel 2005 a furor di popolo il primo progetto, la Torino-Lione non è mai stata messa in discussione dalle istituzioni, che peraltro non ne hanno mai dimostrato l’utilità. Attraverso l’Osservatorio-Tav presieduto da Mario Virano, le autorità hanno preso tempo aprendo un dialogo coi Comuni sull’impatto dell’arteria ma, di fronte alla campagna di trivellazioni geognostiche scattata ora per non perdere i primi 700 milioni stanziati dall’Unione Europea per i sondaggi propedeutici alla stesura del nuovo progetto, i Comuni hanno ribadito il proprio “no” e l’Osservatorio ha rifiutato la legittima rappresentanza dei valsusini, impersonata dal nuovo presidente della Comunità Montana, Sandro Plano. Come nel 2005, le trivelle sono quindi entrate in azione di notte, scortate dalla polizia, prendendo di sorpresa il presidio dei militanti.

no tav
La Torino-Lione non è mai stata messa in discussione dalle istituzioni
Rispetto al 2005, quando si riversarono sistematicamente in strada decine di migliaia di persone irritate dalle modalità autoritarie con cui si cercò di imporre i cantieri, la campagna 2009 vede la valle di Susa completamente accerchiata dai fautori della Tav: il governo Berlusconi, il sindaco di Torino Sergio Chiamparino che lancia un accordo Pd-Pdl per l’alta velocità, la presidente uscente della Regione Piemonte, Mercedes Bresso. Tutti uniti contro la valle di Susa, sostenuti da Confindustria e persino dall’arcivescovo torinese Severino Poletto, intervenuto personalmente per esortare i politici torinesi a «non avere paura» dei No-Tav.

Dopo la prima visita nei giorni scorsi del leader della sinistra, Paolo Ferrero, accorso al presidio di Susa, è l’incursione di Beppe Grillo – già presente nel 2005 con Dario Fo al fianco dei No-Tav – a ridare fiato alla resistenza della valle “ribelle”. «Siete dei disperati, avete contro il potere dei miliardi, eppure sono i piccoli gruppi a fare i grandi cambiamenti», si sgola il comico. «Pensate alla Cina. Se Mao vedesse la Cina capitalista di oggi si sparerebbe nei coglioni, ma là il cambiamento è partito da una sessantina di famiglie di agricoltori, 200 persone che un giorno decisero di non dare più i frutti del loro lavoro al governo, ma di venderseli per conto loro. C’era la pena di morte, rischiarono. E iniziarono così il processo di cambiamento di un miliardo di persone. Bene, voi siete quei cinesi».

Applausi a scena aperta, al presidio di Susa, attorno al tribuno genovese assediato da microfoni e telecamere: «I dati che presuppongono i lavori sono vecchi e si riferiscono a prima del 2000, adesso il 50% dei camion che girano in Europa sono vuoti e questi invece vogliono ampliare le infrastrutture sulla base di un flusso merci fasullo. Io devo prendere delle sostanze allucinogene per sentire i discorsi di Bresso e Chiamparino: loro dicono che, con noi, cent’anni fa non sarebbe stato costruito il tunnel del Frejus. Ma cent’anni fa non c’era una classe politica che rubava su qualsiasi cosa».

grillo
“Avete contro il potere dei miliardi, eppure sono i piccoli gruppi a fare i grandi cambiamenti”
E ancora: «Fanno carotaggi fasulli, a venti metri di profondità. E’ una truffa ai danni dell’Unione Europea. Sono andato a Bruxelles con De Magistris e ho scoperto che l’Italia ha il record delle truffe. La Marcegaglia dice che sulla Torino-Lione ci sono 30 miliardi? Perché non ce li mette Confindustria? La verità è che stanno riducendo l’Italia come l’Alitalia, le ferrovie, le telecomunicazioni: good company e bad company. Noi siamo la bad Italy, la cattiva Italia, e più ci trattano così e più diventeremo cattivi».

Grillo ripete quello che i valsusini già sanno, «e che i media troppo spesso non dicono». La novità è questa: il comico ha fatto lo show, trascinandosi dietro giornalisti e telecamere, offrendo battute e verità taglienti. «Non sono le merci a dover circolare, ma le idee. Lo dice la storia dell’umanità. Colombo non imbottì le caravelle di pomodori, ma di semi, cioè di informazioni: quelle sì che devono circolare».

Strategia vincente? Comunicare, usando la rete: «Tutto quello che non registrate e non filmate, non esiste. La nostra lotta è rendere pubblico quello che succede. Non dobbiamo aspettare i media che mediano. Noi non abbiamo bisogno di mediare nulla: la verità non si media. Solo se filmi tutto fai vedere in faccia chi dice no e chi dice sì – solo per soldi – a questa volgare presa per il culo».

Ben accolto dai No-Tav, a cui offre spazio da anni sul proprio blog indipendente, il comico genovese è sembrato pienamente consapevole dell’importanza del suo blitz a Susa, in un momento così delicato, dopo i recentissimi blocchi dimostrativi lungo autostrada e ferrovia alla vigilia della manifestazione del 23 gennaio, che servirà a quantificare la consistenza numerica del movimento, dopo anni di resistenza.

«Se arriverà la polizia dobbiamo essere dolci, buoni, dobbiamo tirargli delle caramelle al miele. Sono persone che hanno gli stessi problemi nostri. Io ci parlo, coi poliziotti antisommossa, quelli che fanno le scorte a questi malavitosi veri. Non ce la fanno più! Sono al limite! Sanno di andare contro i propri fratelli, cugini, parenti. Perciò fate omaggi, ai poliziotti. Trattateli bene».

Articolo tratto da Libre, associazione di idee

21 Gennaio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
2 lettori hanno commentato questo articolo:
22/1/10 17:56, Silvia Penzi ha scritto:
Buongiorno a tutti. non mi è chiara per niente la ragione reale e vera per cui la TAV non dovrebbe essere costruita. Solo perchè c'è il solito e prevedibile rischio di pagare dieci volte tanto ? Non è così che avviene comunque per ogni benedetta opera pubblica ? Così viene data per scontata la non possibilità di realizzare opere pubbliche senza le solite mazzette e sprechi... E' un arrendersi. a meno che davvero non si vada alla fnte e non si dica DAVVEO qual è l'ostacolo. Allora si crea un piano di discussione. Amo Grillo, ma da dall'articolo non emerge una ragione realmene valida per bloccare la costruzione del TAV. Fatemi capire, semmai ....
22/1/10 12:19, lino ha scritto:
Susa è in stato di assedio centinaia di poliziotti a difesa di una trivella, solo questa operazione ci costa un sacco di soldi.
vogliono anche mandare l'esercito.
MA VI RENDETE CONTO?!!!!!!!
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
EBooks - Il Futuro dei Trasporti

Anteprima ebook L'inevitabile esaurimento dei combustibili fossili impone una nuova pianificazione nei...
Continua...
Manuale di Sopravvivenza alla Fine del Petrolio

Un'approfondita riflessione e un manuale ricco di suggerimenti e proposte concrete per modificare il...
Continua...
What's your country?

Dalla Liguria alla Grecia, dalla Turchia all'Iran, dal Pakistan all'India, dalla Thailandia al Laos, dal...
Continua...
Economia all'Idrogeno

Nonostante molti siano convinti che esista petrolio a sufficienza per il fabbisogno dei prossimi...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità