Influenza suina: la fine di una pandemia mediatica

I contratti tra governo e Novartis, finalmente pubblici, segnano la fine della pandemia mediatica. Mentre il ministro Fazio continua a tacere sull’argomento, in parlamento già si parla di commissione d’inchiesta e anche in Europa si discute sulla “più grande truffa sanitaria del secolo”.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Andrea Boretti

influenza suina
In Europa si discute sulla “più grande truffa sanitaria del secolo”
L'avevamo detto qualche tempo su Terranauta: il contratto tra lo Stato e la Novartis per la fornitura di vaccino antinfluenzale AH1N1 ha qualcosa che non quadra. Tanto per cominciare è segreto, cosa che non si è mai vista in un contratto pubblico che tale deve essere per definizione.

Come è possibile? È presto detto. Il testo è stato sottoscritto in base all'ordinanza n.3275 della Presidenza del Consiglio del 2003 (di Berlusconi insomma), ordinanza che è stata emanata per fronteggiare rischi di natura terroristica legati alla crisi internazionale di quegli anni. Insomma, un'"emergenza" sanitaria viene considerata e trattata come fosse un'emergenza terroristica.

Ma perché è stato scelto un livello di riservatezza così alto per questo contratto? Quali sono le motivazioni di scelte di questo genere? Anche qui la risposta è semplice e per trovarla basta guardare, ora che finalmente è possibile, tra gli articoli del contratto stesso.

Articolo 1. Novartis è obbligata a produrre il vaccino e rispettare il contratto solo finché questo si rivelasse ragionevole da un punto di vista commerciale. Se per qualche motivo "ragionevole" non addebitabile alla multinazionale, la Novartis non potesse continuare la produzione, lo Stato è comunque tenuto a pagare.

Articolo 3. La multinazionale si impegna a consegnare il vaccino entro una certa data ma qualora non ce la facesse è sufficiente avvisare il ministero 7 giorni prima. E se il ministero non potesse più ritirare il prodotto, la Novartis potrà rivenderlo ad altri e comunque fatturare al ministero quanto non ritirato.

Articolo 4. se il vaccino dovesse risultare dannoso per la salute "Il Ministero è tenuto a indennizzare, manlevare e tenere indenne la Novartis da qualsiasi perdita che l'azienda sia tenuta a risarcire in conseguenza di danni a persone e cose causati dal prodotto". Insomma, se il vaccino crea un danno al vaccinato non paga la Novartis ma lo Stato, cioè noi.

Articolo 5. Ogni fiala di vaccino costa 7 euro più IVA per un totale di 184 milioni di euro.

Articolo 9. Nel caso il vaccino non avesse ottenuto l'autorizzazione alla messa in commercio, il ministero avrebbe comunque dovuto corrispondere alla multinazionale un forfait di 24 milioni di euro netti. Per fortuna, o purtroppo – a seconda di come la si voglia vedere – l'autorizzazione è stata data e ora sono 184 i milioni che lo stato deve a Novartis.

novartis
I contratti tra governo e Novartis, finalmente pubblici, segnano la fine della pandemia mediatica
Ce n'è abbastanza per capire per quale motivo il contratto è rimasto riservato così a lungo.

I dettagli del contratto con la multinazionale svizzera arrivano in questi giorni sull'onda degli ultimi dati relativi all'influenza e alle vaccinazioni e per questo fanno ancora più scalpore. Dei 24 milioni di dosi ordinate, solo 10 sono stati consegnati e distribuiti alle ASL che ne hanno usate 865000, appena il 4%. È vero che la stagione influenzare non è ancora finita, è vero che una nuova "ondata" (come la chiamano gli esperti) è sempre dietro l'angolo, ma è vero anche che l'estensione della possibilità di vaccinarsi agli over 65 con patologie croniche sa molto di saldi di fine stagione. Se poi qualche dubbio restasse sulla natura mediatica della pandemia, con questi ultimi dati direi che il velo di maya è stato finalmente squarciato.

A seguito dello scarso successo del vaccino e dei rilievi della corte dei conti che ha già dichiarato anomale le condizioni contrattuali di acquisto dello stesso (tutte a sfavore dello Stato come abbiamo visto), anche il Codacons ha aperto una class action perché venga bloccato il pagamento delle dosi di vaccino non utilizzate. Insomma, i cittadini italiani non solo non hanno voluto fare il vaccino, storditi dalla confusione mediatica e dai messaggi contraddittori, ma non ci stanno a pagare un vaccino che a questo punto è facile classificare come inutile. In sintesi: hanno tentato di fregarci, non ci siamo cascati e non vogliamo pagare!

Dopo giorni di silenzio finalmente Fazio, che ha annullato l'ordinativo di metà delle dosi di vaccino previste, ha fatto sapere che il 10% delle dosi acquistate dallo stato italiano verranno donate all'OMS perché le distribuisca nei paesi poveri. Aggiunge poi che i vaccini acquisiti non verranno sprecati (anche se scadono entro 12 mesi dalla data di produzione) e che "Abbiamo agito secondo il principio di precauzione". Se così fosse chi ha fatto le stime sui contagi e sulle necessità andrebbe, a nostro giudizio, quanto meno messo in discussione, e se anche ciò accadesse non credo che l'argomento possa essere chiuso in questo modo.

Nonostante il ministro continui, infatti, a non rispondere alle domande sul contratto Novartis, il problema rimane e dall'opposizione cominciano finalmente ad alzarsi voci per una commissione parlamento d'inchiesta.

vaccino
Hanno tentato di fregarci, non ci siamo cascati (cioè non abbiamo fatto il vaccino) e non vogliamo pagare
Se le commissioni parlamentari italiane non spaventano veramente le multinazionali, tira comunque una brutta aria per Novartis e sorelle. La discussione sul vaccino e sulla "pandemia", si sta infatti spostando anche in Europa. Nei giorni scorsi Wolfgang Wodart, presidente della commissione sanità del consiglio d'Europa ha definito l'influenza AH1N1 "Uno dei più grandi scandali sanitari del secolo".

Ma non è tutto, le accuse di Wodart si sono infatti spinte oltre, molto oltre. Secondo il parlamentare europeo le multinazionali avrebbero infiltrato i loro uomini all'interno dell'OMS al fine di ammorbidire la definizione stessa di pandemia e spingere l'organo internazionale a dichiarare così l'emergenza. Wodart non ha fatto alcun nome, ma pare chiaro il riferimento almeno a Roy Anderson contemporaneamente membro del consiglio di amministrazione della Glaxo Smith Kline e consulente del governo britannico proprio per l'influenza AH1N1.

A seguito dell'intervento del parlamentare tedesco, nei prossimi giorni in Europa si discuterà quindi dell'opportunità di aprire un'indagine a riguardo.

Dopo l'aviaria, dopo il tamiflu e dopo tante altre "suine" che negli ultimi anni ci hanno propinato, sembra finalmente giunto il momento della verità. Noi lo sapevamo da tempo e i segnali che la presunta mortalità dell'influenza A fosse solo mediatica c'erano tutti, ora però ci sono documenti e ci sono parlamentari, italiani ed europei, che chiedono conto di quanto avvenuto negli ultimi mesi. Di sicuro la credibilità dell'OMS ne uscirà danneggiata, e di molto. Di sicuro i cittadini italiani ne sono usciti bene, solo in pochi - comunque troppi - sono caduti nella trappola del vaccino, dubito che ripeteranno l'errore.

La speranza è che tutto questo allarmismo inutile, al solo scopo di ottenere introiti più elevati, abbia insegnato ai cittadini che bisogna informarsi da fonti diverse - non bastano i TG - confrontarsi e decidere con coscienza, la corsa al vaccino del momento potrebbe avere conseguenze più negative che positive.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
L'Influenza Suina A/h1n1 e i Pericoli della Vaccinazione Antinfluenzale

Tutto quello che devi sapere per tutelare davvero la tua salute e quella dei tuoi cari: ? l'influenza a/h1n1...
Continua...
Sistema immunitario e vaccinazioni - Libro

Relazione del dott. heinrich kremer tenuta il 18 febbraio 2001 a povo di trento. a cura di giuseppe froner....
Continua...
La Prova Evidente del Danno

Negli anni '90 i casi di autismo registrati tra i bambini americani hanno avuto un'impennata, passando da 1...
Continua...
Ebooks - L'influenza Suina A/h1n1 E I Pericoli Della Vaccinazione Antinfluenzale

L'influenza a/h1n1 è molto contagiosa ma poco pericolosa. e' su questo concetto semplice ma fondamentale che...
Continua...
19 Gennaio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
20/1/10 15:41, Kaarot ha scritto:
Io lo sempre saputo
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
La Malattia non Esiste - Una sfida quantistica per la guarigione

Dopo anni di ricerche e pratica clinica l'autrice ha elaborato un metodo terapeutico che integra l'approccio...
Continua...
L'Influenza Suina A/h1n1 e i Pericoli della Vaccinazione Antinfluenzale

Tutto quello che devi sapere per tutelare davvero la tua salute e quella dei tuoi cari: ? l'influenza a/h1n1...
Continua...
Il Mondo Secondo Monsanto

Monsanto è leader mondiale nella produzione degli organismi geneticamete modificati (ogm) ed è una delle...
Continua...
Alimentazione Vegetariana - Teoria e Pratica

Tutto sulla teoria e sulla praticadell'alimentazione vegetariana racchiusoin un volume tra i più aggiornatie...
Continua...
Farmacrazia

"nell'arco di qualche secolo, le società occidentali si sono trasformate da teocrazie in democrazie e da...
Continua...
Cancro: puoi guarire

Esistono davvero tanti malati di cancro guariti con medicine alternative. decine e decine di testimonianze...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Influenza suina: si chiude la nostra campagna
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità