L'Urlo

Rosarno e gli immigrati: italiani brava gente?

In un Paese civile, un Paese europeo, anzi, della civilissima Unione Europea, un Paese che si può (stranamente) ancora vantare, se può essere considerato un vanto, di appartenere al glorioso G8, il gruppo dei più “Grandi” della Terra, si consuma ogni tipo di nefandezza, comprese quelle che credevamo riservate ai Paesi che invece “grandi” e “ricchi” non sono. A partire da uno sfruttamento dei lavoratori che non ha niente da invidiare allo schiavismo delle ere passate.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Andrea Bertaglio

discriminazione
Gli immigrati di Rosarno subiscono, oltre allo sfruttamento, anche il razzismo degli indigeni che li accusano di rubare un lavoro che nessuno farebbe più.
Si è parlato molto di Rosarno, in questi giorni, cittadina di circa quindici mila abitanti in provincia di Reggio Calabria, ma si è parlato ancora più dei cinquemila immigrati africani che vi lavorano, o, meglio, che vi vengono sfruttati. Persone che, disposte a lavorare dall’alba al tramonto per venti euro (al giorno!) nei migliori dei casi, devono anche subire il razzismo degli indigeni che li accusano di rubare un lavoro che nessuno farebbe più.

Senza intraprendere la manfrina di stampo cattolico né balbettare le frasi tanto vacue quanto inutili di una sinistra che non esiste o di una destra che con le sue altisonanti e preconfezionate uscite continua a raccontare di risolvere tutto col fucile, sarebbe bene fermarsi, una volta ogni tanto, e riflettere su cosa è diventato questo Paese di (ex?) emigranti.

Dimenticate le valigie di cartone dei propri padri e dei propri nonni, desiderosi di essere “padroni a casa propria”, i giovani italiani di oggi, oltre ad un’ignoranza disarmante su ciò che succede nel mondo, non permettono a molta altra gente su questo pianeta di essere padroni a casa propria. Tanto da essere poi costretti a trasferirsi in zone ridenti come quelle della piana di Gioia Tauro e della pianura padana a spaccarsi la schiena e a vivere alla diaccio in inverno o nel caldo torrido in estate in cisterne metalliche ed accampamenti di fortuna nei quali devono tirare a campare.

immigrati rosarno
Non ci si può stupire se si reagisce violentemente alle azioni di chi gioca a fare il gangster con delle armi ad aria compressa
Quale può essere la principale causa di una tale ingiustizia? Ci si potrebbe scagliare contro la ‘ndrangheta, la camorra, la mafia, l’assenza dello Stato, oppure contro l’ignoranza, l’egoismo, l’indifferenza, l’ottusità ed il provincialissimo razzismo degli italiani, ma da dove si può iniziare? Ci si potrebbe (e dovrebbe) chiedere dove stanno i sindacati, o la Chiesa. Ci si può stupire delle proposte di alcuni ministri in Parlamento, gente che di lavoro organizza sagre del suino in fianco alle Moschee e di stipendio prende venticinque mila euro al mese. Una proposta anche sensata come quella del ministro per l’agricoltura Zaia (di avviare un’etichettatura etica dei prodotti) non può cancellare né gli anni di assenza dello Stato (anche nell’agricoltura) né tanto meno quelli di astio instillato nella popolazione.

Vale la pena, quindi, stare a cercare soluzioni dell’ultima ora quando al nord (in provincia di Brescia) non danno il permesso di professare la propria religione agli immigrati arabi e al sud sparano addosso agli africani, come se le condizioni in cui si trovano non gli permettessero di essere almeno lasciati in pace, di essere almeno ignorati?

Per ogni azione c’è una reazione. Non ci si può stupire se, nel momento in cui ci si trova in condizioni di disagio e sfruttamento che noi “civili” italiani non potremmo nemmeno immaginare, si reagisce violentemente alle azioni di chi gioca a fare il gangster con delle armi ad aria compressa (che usino delle pistole ad acqua, la prossima volta, almeno non rischiano di fare e di farsi male). Non si può pensare di continuare ad organizzare ronde o sparare alla gente senza che queste azioni, appunto, provochino una reazione. Purtroppo lo Stato non esiste, lo abbiamo capito.

Sono quindi comprensibili le reazioni di chi, abbandonato dalle proprie Istituzioni (ovviamente non quando si tratta di dover pagare delle tasse), si organizza per rimettere ordine da sé nel proprio territorio. Ma in un Paese in cui la polizia non ha nemmeno più la benzina per le sue auto, in cui l’attenzione è sui lodi salva-premier da una parte o sugli indulti dall’altra, che almeno queste assurdità abbiano un senso.

La rabbia di chi si vede svaligiata la propria casa per l’ennesima volta è sacrosanta, ma quella di chi non ha nulla da perdere perché nulla gli è mai stato concesso lo è ancora di più. E fa ancora più paura. Perché a Rosarno possono arrivare la polizia in tenuta anti-sommossa o i capetti di turno a fare da “castiga matti”, ma come abbiamo visto, sotto la cenere c’è una rabbia che può manifestarsi in moltissimi modi, anche meno eclatanti di quelli degli immigrati africani di Rosarno. Ma non per questo meno pericolosi.

immigrazione
I giovani italiani di oggi sembrano aver dimenticato le valigie di cartone dei propri padri e dei propri nonni
I quattro milioni di immigrati sciopereranno in Italia, come succederà in Francia, il prossimo primo marzo. Uno sciopero al quale si affiancherà quello dei consumi, e che vuole dimostrare quanto, ormai, gli immigrati siano indispensabili a tenere in piedi l’enorme macchina dei consumi, appunto, che inganna sia loro che chi migrante non è o non è più. Uno sciopero contro il fatto che se noi “utilizzatori finali” troviamo i pomodori a pochi centesimi al barattolo, o le arance ad un euro al chilo, un motivo c’è: è lo sfruttamento di milioni di persone che, in Italia e nel mondo, pagano letteralmente per noi.

Uno sciopero che dimostrerà, seppur solo per un giorno, che le coltivazioni di arance e pomodori, così come le instancabili aziende del nord e del nord-est, non potrebbero più andare avanti senza di loro. E gli imprenditori settentrionali, magari leghisti, che impiegano manodopera a basso costo, dovrebbero ringraziare doppiamente, perché l’impiego di queste persone è ormai e spesso l’unica alternativa alla chiusura o, nel migliore dei casi, al trasferimento in quei Paesi da cui provengono tutte queste persone.

L’Italia, che lo si voglia o no, è ormai meta (seppure spesso temporanea) di un numero sempre più elevato di migranti. Facciamocene una ragione. E le grandi metropoli europee si fermerebbero all’istante, senza la massa di autisti, camerieri, badanti, netturbini ecc. ecc. che le tengono letteralmente in piedi. Chissà se, il primo marzo, ce ne potremo rendere minimamente conto (almeno per un giorno) noi persone civili.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Negri, Froci, Giudei & Co.

"l'unica cosa di cui dobbiamo aver paura è la paura." franklin d. roosvelt   l'inondazione di odio in...
Continua...
Ordine Nuovo

Gli italiani chiedono ordine perché nulla cambi e perché la barca continui ad anda­re. extracomunitari,...
Continua...
Cittadina di Seconda Classe

Spinta dal desiderio di una vita migliore, adah, una giovane nera nigeriana, combatte contro il razzismo e la...
Continua...
Il Razzismo

Con il libro "il razzismo e l'orchestra universale ", pubblicato in francia nel 1934, george lakhovsky che,...
Continua...
17 Gennaio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
Uno spazio conquistato a fatica. Uno spazio dove gridare sottovoce, ma senza paure, tutti i pensieri e le emozioni che la nostra quotidianità fatta di asfalto, rumore e cemento ci obbliga ad ingoiare silenziosamente.
RUBRICA A CURA DI...

Alessandro Rizzato

Vai alla pagina personale...

PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Salvare l'Ambiente Conviene

Quello di Jacopo Fo è un libro di valide e ragionevoli alternative all’insegna di un duplice...
Continua...
La decrescita felice

I segnali sulla necessità di rivedere il parametro della crescita su cui si fondano le società industriali...
Continua...
Manuale di Sopravvivenza alla Fine del Petrolio

Un'approfondita riflessione e un manuale ricco di suggerimenti e proposte concrete per modificare il...
Continua...
Trafficologia

Ci sediamo, avviamo il motore e partiamo, convinti di avere tutto sotto controllo. Ma siamo sicuri? È proprio...
Continua...
Grandi Opere

Le Grandi Opere sono il simbolo di un mondo antiquato, corrotto e cadente: sono superate e inutili per chi...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità