H&M, Wal-Mart e lo scandalo dei vestiti nuovi fatti a pezzi

Abiti nuovi, invenduti, ancora con il cartellino attaccato ma rigorosamente e volontariamente sfregiati prima di essere gettati nella spazzatura. Questa la sconcertante realtà che, raccontata in un articolo del New York Times, ha indignato cittadini di ogni parte del mondo.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Alessandra Profilio

vestiti
“È inverno. Un terzo della città è povero e di notte vestiti mai indossati vengono distrutti”
In una fredda mattina d’inverno, precisamente il 5 gennaio, una notizia apparsa sul celebre quotidiano The New York Times ha suscitato l’indignazione dei newyorkesi e, nel giro di poche ore, del mondo intero.

Nel bel mezzo di una notte, si legge nell’articolo, un uomo ed una donna sono stati visti rovistare tra una piramide di sacchetti della spazzatura: gli scarti del negozio H&M che regna sulla 34esima strada, appena ad est di Sixth Avenue a Manhattan. Le buste contenevano indumenti mai indossati e che, per evitare che venissero rivenduti o utilizzati, qualcuno aveva tagliato prima di gettarli via. L’uomo e la donna erano lì per recuperare ciò che era sfuggito a rasoi e taglierini. La donna, dopo aver preso alcuni indumenti intatti, ha riposto il resto nella piramide di spazzatura.

“È inverno. Un terzo della città è povero e di notte vestiti mai indossati vengono distrutti”, sottolinea Jim Dwyer, autore dell’articolo.

Poco più avanti, sulla 35esima strada, centinaia di capi di abbigliamento Wal-Mart (gigante della grande distribuzione negli Stati Uniti) sono stati scoperti in sacchi della spazzatura la settimana prima di Natale. Ogni capo era stato bucato.

Un portavoce di Wal-Mart ha fatto sapere che solitamente la società dona i suoi capi non usati ad enti di beneficienza e che, quindi, avrebbe indagato sull’accaduto.

h&m
Cynthia ha raccontato che, durante le sue passeggiate sulla 35esima strada, ha spesso trovato indumenti H&M distrutti nella spazzatura
La sconcertante scoperta è stata fatta da Cynthia Magnus, studentessa alla City University of New York, che, sbalordita alla vista di quei “rifiuti”, ha deciso di portarli nella sua casa di Brooklyn sperando di poter poi trovare qualcuno disposto a sistemarli per renderli indossabili.

Cynthia ha raccontato che, durante le sue passeggiate sulla 35esima strada, ha spesso trovato indumenti H&M distrutti nella spazzatura: il 7 dicembre si è imbattuta in circa 20 sacchi di vestiti H&M che erano stati tagliati.

Giacche con lunghi squarci, guanti senza dita, calze tagliate, scarpe con le suole distrutte: la studentessa ha fatto l’inventario dei capi trovati.

Abiti nuovi, invenduti, ancora con il cartellino attaccato ma, rigorosamente e volontariamente, sfregiati. “La povera gente ha bisogno di coprirsi e sta morendo di freddo in tutta la città, ma invece di donare i capi invenduti questi magazzini li distruggono e li trattano come immondizia, si legge in un’altra rubrica del New York Times.

La grandissima compagnia svedese, molto conosciuta anche in Italia, ha fatto sapere che il caso di New York non rispecchia la politica dell’azienda che dichiara di “donare abitualmente vestiti ad associazioni di beneficenza”. La portavoce della H&M ha anche assicurato: “quello che è avvenuto non accadrà più. Non è la nostra pratica standard, e di sicuro faremo in modo che nessun altro negozio attui strategie simili”.

Peraltro, poco tempo fa la multinazionale di abbigliamento low cost aveva suscitato l’ammirazione dei consumatori più attenti con il lancio di una nuova linea di abbigliamento sostenibile e con la dichiarazione di voler limitare fortemente lo spreco di carta. Alla faccia della coerenza…

14 Gennaio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
15/1/10 07:28, Mimmo ha scritto:
Ero piccolino quando vedevo, sulla strada che ci portava al mare, code interminabili di trattori che portavano pesche o pomodori in un campo, dove una ruspa li schiacciava.
E non capivo...
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
L'Insostenibile Leggerezza dell'Avere

In un passato anche recente molti preannunciarono che il sistema economico e il modello di sviluppo del mondo...
Continua...
Bebè a Costo Zero

Questa guida al consumo critico si addentra nell'affollato mondo dei prodotti per l'infanzia, per scoprire...
Continua...
Il consumo critico

La strategia vincente per una spesa "giusta" e lo stile di vita del consumatore consapevole, selettivo,...
Continua...
Il Voto nel Portafoglio

C'è un voto che si esercita collettivamente, e fa vivere la democrazia. C'è un voto, però, che può...
Continua...
Manuale di Autoproduzione delle Sementi

Il manuale è il risultato di un lavoro di 15 anni finalizzato alla ricerca e al recupero di vecchie varietà...
Continua...
La Fatica e l'Ingegno

Le tecniche per la costruzione di buone ruote per i carri si tramandavano di padre in figlio ed erano...
Continua...
Ecologia al gabinetto

Dopo il fallimento dei depuratori per riconsiderare radicalmente il nostro atteggiamento verso lo smaltimento...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
The story of Stuff - La storia delle cose
Altri video su TERRANAUTA TV...
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità