Il lago di Penne: vantaggi di una crescita sostenibile

La riserva naturale del lago di Penne in Abruzzo è un esempio di come sia possibile coniugare il rispetto per l'ambiente con lo sviluppo tecnologico ed economico. Nessuna pozione magica, la ricetta è semplice e per niente misteriosa: basta unire l'efficienza energetica e l'utilizzo di fonti rinnovabili ai principi del turismo consapevole.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Andrea Degl'Innocenti

lago di penne
La riserva del Lago di Penne è situata fra il Gran Sasso e la Majella, nel nord dell'Abruzzo
Lo stupore dell'uomo moderno al contatto con la natura incontaminata dev’essere in qualche modo simile a quello dell'uomo di inizio ottocento al fischio del primo treno. Qualcosa di incredibile, che si credeva esistesse soltanto come immagine vaga ed astratta, lontana nel tempo e nello spazio, che d'un tratto si materializza davanti agli occhi. Certo, due stupori di segno opposto: se il treno rappresentava allora la promessa dinamica di un futuro dominio sulla natura, ai tempi in cui essa dettava ancora legge sulle distanze, la natura selvaggia simboleggia oggi un passato irraggiungibile.

Ma a questa distanza cognitiva non sempre corrisponde una distanza temporale o geografica reale. Esistono, spesso a pochi chilometri da noi, spazi verdi semi-incontaminati, in cui le stagioni dettano ancora il tempo e l'uomo può provare di nuovo un brivido di sgomento nel sentirsi improvvisamente misero e vulnerabile a cospetto del più perfetto dei meccanismi di cui – per una volta – non è creatore ma misero ingranaggio.

La riserva del Lago di Penne è uno di questi luoghi, un'oasi di 150 ettari, situata fra il Gran Sasso e la Majella, nel nord dell'Abruzzo. La sua storia ha inizio negli anni ottanta, quando un gruppo di ambientalisti decide di occuparsi della tutela naturalistica del bacino, costruito artificialmente nel restringimento della valle del Fiume Tavo ma divenuto ben presto habitat ideale per centinaia di specie animali e vegetali. A trasformarlo definitivamente in riserva ci pensano pochi anni dopo due leggi regionali, la prima del 1987 e la seconda dell'89, che istituiscono anche una fascia di protezione esterna di 1000 ettari in cui è vietata la caccia.

uccello
Oggi il Lago di Penne ospita ben 190 specie di uccelli
Oggi il lago di Penne ospita 11 specie ittiche, svariati mammiferi e micromammiferi, numerosi rettili, ben 190 specie di uccelli – una di queste, la nitticora è il simbolo della riserva – ed è considerato un esempio di sostenibilità a livello europeo. Il motivo sta nella bravura dei gestori, una cooperativa composta da Comune di Penne, Consorzio di Bonifica Centro e WWF Italia, che sono riusciti a creare, all'interno di questo micro-sistema, un modello economico funzionante nel totale rispetto dell'ambiente.

Ma come hanno fatto? Dal punto di vista energetico seguendo due semplici criteri: il risparmio e l'utilizzo di energie rinnovabili. Il primo perseguito con la costruzione di edifici e sistemi ad alta efficienza energetica e l'educazione al consumo consapevole – l’oasi si presta alle attività didattiche di educazione ambientale con le scolaresche. Il secondo con l'utilizzo di più fonti rinnovabili (fotovoltaico, eolico, idrogeno e biomasse) integrate fra loro nel progetto “Energia per la terra”, che dovrebbe garantire entro breve la totale autosufficienza energetica dell'intero complesso.

Dal lato economico/organizzativo, si seguono i dettami del turismo responsabile. Dunque si riconosce la centralità delle comunità locali ospitanti ed il loro diritto ad essere protagoniste nello sviluppo turistico sostenibile; si rende la riserva accessibile a tutti abbattendo le barriere architettoniche e creando strutture apposite per i disabili; si organizzano attività coinvolgenti – visite guidate, visite tematiche, settimane verdi, campi scuola, campi avventura per ragazzi, famiglie e adolescenti, corsi di formazione, stage, ricerca scientifica, scambi internazionali, mountain-bike, scuola di volo, cavallo, arrampicata – nel totale rispetto dell'ecosistema circostante.

I visitatori sembrano gradire. Dall'89 ad oggi l'incremento di turisti è stato di oltre il mille per cento: neanche 1.500 furono le visite nell'anno di istituzione del parco, quasi 16 mila sono state nel 2001, ultimo anno di cui sono disponibili i dati. Il flusso positivo si estende alle zone limitrofe e anche l'antico borgo di Penne sembra beneficiarne, con un notevole incremento del turismo nell'ultimo periodo.

La riserva naturale del Lago di Penne è un esempio brillante di come sia possibile integrare lo sviluppo tecnologico con il rispetto per l'ambiente, facendo quadrare i bilanci. E uno spunto per riflettere sul nostro ruolo – quello che vorremo scegliere – nel grande ecosistema chiamato terra.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
La Magia con la Natura

Ritrovare il sacro nel mondo che ci circonda, riscoprendo il valore segreto delle stagioni.- il ciclo della...
Continua...
Conoscere la Natura

Per scoprire i segreti e comprendere i meccanismi più nascosti della natura, ecco un libro prezioso, ricco...
Continua...
7 Gennaio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Adesso Basta

Un lavoro, una carriera manageriale invidiabile già a soli 30 anni, una casa di lusso, la possibilità di...
Continua...
La Rivoluzione del Filo di Paglia

Questo libro rappresenta un punto di svolta per riavvicinarsi con occhi fiduciosi e non distruttivi alla...
Continua...
Guida alla Casa Ecologica

Con guida alla casa ecologica paolo bevitori prosegue un percorso iniziato con la pubblicazione dei due...
Continua...
La Terra è Viva

Un testamento ambientale che annoda le radici dell'ecologia moderna con le lontane tradizioni rurali...
Continua...
Manuale Pratico di Ecologia Quotidiana

Vivere in maniera più ecologica in casa, in ufficio, a scuola, per strada: come riciclare, ridurre i rifiuti,...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Se avessero voluto venire sarebbero venuti...
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità