Spazio ai lettori

Inceneritore a Parma, quale futuro?

Il nostro lettore Sandro Tore tramite una lettera che rivolge all'assessore all'Ambiente del comune di Parma si chiede quali saranno le ripercussioni di una politica favorevole alla costruzione di un inceneritore a pochi km da Parma, nell'immagine della città stessa, dei suoi simboli conosciuti in tutto il mondo e della salute dei suoi cittadini.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

inceneritore parma
Ho seguito con molta attenzione il dibattito cittadino degli ultimi tempi in merito all'inceneritore che si vuol costruire a pochi km da Parma
Egr. Assessore all’Ambiente del Comune di Parma

P. c. al Sindaco di Parma

Agli organi di informazione locale

Parma, 19 dicembre 2009

Gentile assessore Cristina Sassi,

ho seguito con molta attenzione il dibattito cittadino degli ultimi tempi in merito all'inceneritore che si vuol costruire a pochi km da Parma e devo confessarle che prima ero favorevole a questa "grande opera", ma informandomi un po' più approfonditamente, mi sono dovuto ricredere. Le ragioni del no inceneritore immagino le conosca perfettamente.

Tra i punti di forza di chi si oppone le ricordo: i rischi della salute per la cittadinanza, il possibile danno ai prodotti alimentari del nostro territorio, il costo 18 volte superiore rispetto ai trattamenti a freddo senza emissioni in atmosfera. Con questa mia non voglio rimarcare le ragioni dell'alternativa proposta dal CGCR, che comunque condivido, ma sottolineare i rischi che la sua immagine, in qualità di assessore all'Ambiente del Comune di Parma, e il bene comune, corrono sposando la realizzazione della costruzione dell'inceneritore. Supponga che vengano trovate tracce di diossina nel latte prodotto nel parmense, come già è avvenuto negli allevamenti intorno all'inceneritore di Brescia. Supponga che nel raggio di 5 km all'inceneritore (cioè nella città di Parma) vi sia un aumento dei tumori, come d'altronde è già avvenuto in molti casi analoghi. Immagini che vengano trovate tracce di diossina o altre sostanze cancerogene riconducibili all'inceneritore, al di là che

la causa sia realmente l'inceneritore, nel Parmigiano-Reggiano: sarebbe un disastro per la nostra economia, per l'immagine di Parma nel mondo. Ricorda le mozzarelle di bufala in Campania? Sarebbe accusata di responsabilità politiche (probabilmente non solo politiche) di quei danni, anche alla luce della forte pressione di questi ultimi mesi della cittadinanza contro quel progetto. Si direbbe: non poteva non sapere, non ha tenuto conto di quel criterio di precauzione, indicato anche dalla Comunità Europea.

inceneritore parma manifestazione
Immagini che vengano trovate tracce di diossina o altre sostanze cancerogene nel Parmigiano-Reggiano
Immagini invece che, alla luce dei nuovi sviluppi tecnologici dei trattamenti a freddo lei, con la sua Giunta, sposi una soluzione senza emissioni in atmosfera (penso ad es. agli impianti ad estrusione, già adottati in diverse realtà anche italiane, che danno la possibilità di recuperare fino al 95% dei rifiuti urbani), creando così molti nuovi posti di lavoro, tutelando quel bene comune che è l'aria che respiriamo, ma soprattutto dando un valore aggiunto ai prodotti alimentari tipici locali, conosciuti in tutto il mondo, valorizzando la nostra economia, contribuendo in modo concreto al benessere generale della comunità che amministra: la cittadinanza le sarebbe grata per sempre, la cittadinanza le riconoscerebbe il coraggio di aver intrapreso una via lungimirante, la cittadinanza la indicherà come esempio di tutela del bene comune, contro l'interesse dei pochi.

Immagini poi che grande ritorno d'immagine avrebbe se addirittura il Comune deliberasse la strategia “Rifiuti Zero”, come l'Amministrazione di San Francisco e tanti altri comuni virtuosi: sarebbe chiamata a convegni in mezzo mondo, sarebbe la paladina dell'agroalimentare parmense. Che argomento per i nostri operatori economici sarebbe quella di legare i nostri prodotti agro-alimentari ad un ambiente sano, incontaminato, terso!

Le chiedo, da umile cittadino, alla luce del potere che le abbiamo conferito, di valutare attentamente le sue scelte, le chiedo di valutare attentamente se l'asma che ha colpito mia figlia, le leucemie, che hanno colpito mio cognato Paolo, la mia amica Cristina, debbano continuare ad aumentare o se possiamo fermare questa stupida crescita.

I migliori saluti e sinceri auguri di buone feste.

Sandro Tore.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Rifiuto Riduco e Riciclo per Vivere Meglio

dall'emergenza rifiuti in campania alla verità sugli impianti di incenerimento. dalla raccolta...
Continua...
Ecoballe

Napoli, quattordici anni di emergenza. rifiuti a ogni angolo di strada. politici nel mirino. costi alle...
Continua...
EBooks - Lo Stivale di Barabba

L'inevitabile esaurimento dei combustibili fossili impone una nuova pianificazione nei trasporti. nell'arco...
Continua...
 
23 Dicembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
2 lettori hanno commentato questo articolo:
26/2/10 17:37, Aldo Cannavò ha scritto:
Penso che in Italia,purtroppo, i poteri forti condizionino anche gli amministratori comunali,poichè ormai gli inceneritori sono superati da un nuovo sistema di smaltimento dei rifiuti solidi urbani,brevettato,che li incorpora senza inquinare assolutamente e,con poca spesa, in blocchi di cemento con misure e forme adattabili a molti impieghi.Fra i vari impieghi possibili, ritengo molto importante usarli per mettere in sicurezza, economicamente,molti dei siti a rischio idrogeologico,che abbondano nel nostro territorio,risolvendo così,senza danneggiare la salute e le tasche dei contribuenti,il grave problema dello smaltimento e del dissesto idrogeologico.
Posso essere più precisosul nuovo sistema con chi ne sia interessato.

Genova aldocannavo@fastwebmail.it
2/1/10 17:19, Rosa ha scritto:
Ma come, stavo per "emigrare" a Parma per scappare dall'inceneritore di Acerra e me lo ritrovo anche lì? Ma insomma, quando si prenderanno in considerazione altre tecnologie come quelle del Centro di Riciclo di Vedelago? Grazie
Una futura profuga ambientale
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
Terranauta, fin dalla sua nascita ha coinvolto i suoi lettori nella costruzione dell'agenda. Oggi più che mai abbiamo bisogno del vostro contributo. Ecco perché abbiamo deciso di creare una sezione che pubblichi alcune delle lettere che riceviamo. Uno spazio per denunciare, rettificare, raccontare esperienze virtuose e molto altro ancora. Terranauta, lo leggi, lo scrivi.
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
L'influenza Suina A/h1n1 E I Pericoli Della Vaccinazione Antinfluenzale

Tutto quello che devi sapere per tutelare davvero la tua salute e quella dei tuoi cari: ? l'influenza a/h1n1...
Continua...
Manuale Pratico della Transizione

Una guida pratica per ogni comunità che desidera avviarsi verso la transizione. le transition towns sono...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Come non Farsi Rapinare dalla Banca - DVD

Daniela lorizzo barberini presenta un dvd guida, un videocorso formativo completo che permette di acquisire...
Continua...
Vivere Senza Petrolio - The Power Of Community - DVD

Vivere senza petrolio è un film che racconta la straordinaria forza e tenacia del popolo che per primo si è...
Continua...
Il Club Bilderberg

Arriva finalmente anche in italia il libro che racconta la vera storia del più potente e segreto organo...
Continua...
Il Mondo Secondo Monsanto

Monsanto è leader mondiale nella produzione degli organismi geneticamete modificati (ogm) ed è una delle...
Continua...
Alimentazione Vegetariana - Teoria e Pratica

Tutto sulla teoria e sulla praticadell'alimentazione vegetariana racchiusoin un volume tra i più aggiornatie...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità