ECOSIA: un “clic” che fa la differenza

È nato Ecosia, un motore di ricerca ecologico che ha come fine la protezione di ettari della foresta amazzonica. Come? Utilizzando server alimentati da energia verde che non producono CO2 per ogni ricerca effettuata con questo motore di ricerca si potranno salvare circa due metri quadri di foresta pluviale.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Giulia Dal Tio

foresta amazzonica
L’Amazzonia, il più grande (nonché ultimo) polmone verde della terra, una superficie di oltre sei milioni di chilometri quadrati che comprende la Bolivia, l’Equador, la Colombia, il Venezuela, le Guyane e gran parte del Brasile, rischia di sparire
L’Amazzonia, il più grande (nonché ultimo) polmone verde della terra, una superficie di oltre sei milioni di chilometri quadrati che comprende la Bolivia, l’Equador, la Colombia, il Venezuela, le Guyane e gran parte del Brasile, rischia di sparire. Più di un quinto della foresta amazzonica è infatti già stato distrutto ad opera del governo di Brasilia (che sfrutta le risorse di questa terra ricchissima per pagare lo smisurato debito estero), dei latifondisti e delle multinazionali giapponesi ed europee. Questa criminale opera di distruzione, iniziata a partire dagli anni ‘40, è causata da fattori diversi: la creazione di immense autostrade, gli incendi dolosi dei fazendeiros, il traffico di legname pregiato, la costruzione di dighe (finalizzate alla produzione di energia idroelettrica) per le quali sono stati letteralmente innondati interi territori, la creazione di miniere per l’estrazione di ferro, uranio e altri minerali; non ultimo il progetto militare “Calhan Norte”, ideato dall’esercito brasiliano, che ha comportato l’edificazione di basi militari, strade e aeroporti lungo tutta la fascia Nord dell’Amazzonia. Perché la foresta non si limiti a essere la suggestiva immagine del dekstop dei nostri computer bisogna correre ai ripari. È quello che da sempre il wwf cerca di fare, mobilitando l’attenzione generale attraverso campagne, manifestazioni e iniziative importanti. Per aiutare il wwf è nato Ecosia, un motore di ricerca ecologico che ha come fine proprio la protezione di migliaia di ettari di foresta amazzonica.

Ecosia: un “principio” vecchio... Per un “fine” nuovo

Ecosia è un motore di ricerca “tutto naturale” in quanto utilizza server alimentati da energia verde che quindi non producono CO2. Madre del progetto è un’organizzazione indipendente e privata che mira a far concorrenza al cliccatissimo Google. Per ogni ricerca effettuata con Ecosia si potranno salvare circa due metri quadri di foresta pluviale (una scritta ci mostra in “tempo reale” la quantità di foresta “risparmiata”). Come è possibile? Ecosia si basa su di un principio economico semplice e ormai consolidato ma il fine che lo muove è del tutto nuovo. Come ogni motore di ricerca, anche Ecosia otterrà un contributo economico dagli sponsor ogni qual volta gli utenti cliccheranno sui link delle aziende pubblicizzate, con la differenza – sostanziale – che l’80% del ricavato non finirà nelle tasche di pochi «fortunati» ma verrà devoluto per salvare la foresta amazzonica.

Secondo Christian Kroll, uno dei fondatori del progetto, “se solo l’1% degli utenti di Internet usassero Ecosia, ogni anno si potrebbe salvare una foresta pluviale grande quanto la Svizzera”.

biodiversità coccodrillo foresta amazzonica
Ecosia è un motore di ricerca “tutto naturale” in quanto utilizza server alimentati da energia verde che quindi non producono CO2
Ci vengono in mente le parole di un altro signore: “Solo in Australia vengono effettuate al mese circa 800 milioni di ricerche su internet. Se riuscissimo a catturare anche solo l’1% del traffico, potremmo contribuire in modo significativo ad abbassare il pericoloso impatto di gas nocivi che vengono emessi ogni giorno. Il motore di ricerca è lo strumento più facile per fare in modo che tutti possano cambiare il proprio comportamento e avere un impatto positivo sull’ambiente”.

Il signore in questione era Tim Macdonald, fondatore di Ecocho, il primo motore di ricerca verde, il cui utilizzo compensava le emissioni di gas a effetto serra e permetteva di piantare due alberi ogni 1000 ricerche effettuate”. Con Ecosia si va ben oltre! Impostandolo come motore di ricerca si contribuisce realmente a modificare non solo le sorti dell’Amazzonia ma di tutto il pianeta. Non dimentichiamo che la deforestazione è una delle principali cause del riscaldamento climatico e dell’inquinamento atmosferico.

Questione di necessità

Il progetto Ecosia è partito a Berlino nei giorni in cui a Copenhagen iniziava il vertice delle Nazioni Unite sul clima. Sinceramente tutti noi ci auguriamo che il destino di questo motore ecologico sia più roseo del “non-risultato” che i grandi del mondo sono riusciti a ottenere.

Al momento, Ecosia si avvale purtroppo solo del supporto tecnologico di Bing e Yahoo e la qualità della ricerca non è ancora al livello del famosissimo Google. Se quest’ultimo partecipasse all’iniziativa allora le cose potrebbero davvero cambiare! Non è questione di aspettare ma di agire.

Perché l’imperatore dei motori di ricerca dovrebbe aprire occhi e orecchie per prestare attenzione?

alberi foresta pluviale amazzonica
Perché le due giovanissimi menti a capo di Google dovrebbero rinunciare a parte dei 14 miliardi di dollari annui, patrimonio inconcepibile che li pone in testa alla classifica americana degli uomini più ricchi?
Perché le due giovanissimi menti a capo di Google dovrebbero rinunciare a parte dei 14 miliardi di dollari annui, patrimonio inconcepibile che li pone in testa alla classifica americana degli uomini più ricchi? Potremmo essere fortunati, Larry Page e Sergey Brin potrebbero riconoscersi tanto sensibili da preoccuparsi delle sorti del pianeta o almeno sufficientemente egoisti da comprendere che queste sorti li riguardano in prima persona. Ma questo sta a loro.

Metterli nella condizione di farlo, scegliendo Ecosia come nostro motore di ricerca o almeno riducendo l’utilizzo di Google, sta a noi.

È in ogni caso una questione di necessità. Il tempo delle attese e dei compromessi “ambientali” volge al termine e forse è il caso di iniziare davvero a rendersene conto.

22 Dicembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
2 lettori hanno commentato questo articolo:
21/1/10 10:44, Franco ha scritto:
Sarebbe bene far presente che i server di ecosia, saranno pure "verdi" (cosa che è del tutto da verificare), ma i server di Yahoo e soprattutto quelli di Bing della Microsoft, non sono per niente "verdi"... Infatti non è ecosia a fare le ricerche, loro si limitano a passare la richiesta dal loro sito a quello di Bing/Yahoo...
Inoltre sarebbe stato meglio avessero chiarito l'aspetto della ricerca: la "donazione" avviene solo quando si clicca su un link sponsorizzato, non se si fa una qualsiasi ricerca. A voi scoprire il resto
4/1/10 15:55, Stella ha scritto:
Non so come vedere le "Immagini", come si possono vedere negli altri motori di ricerca.

Per il resto, un BRAVO enorme a Ecosia.

Io ho inoltrato il sito a tutti i miei amici.

Grazie di un vs. riscontro.
Stella
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Il Mondo Secondo Monsanto

Monsanto è leader mondiale nella produzione degli organismi geneticamete modificati (ogm) ed è una delle...
Continua...
Vivere i Cambiamenti Climatici

I cambiamenti climatici in atto su tutto il pianeta rimarranno ancora a lungo. da dove vengono? qual è la...
Continua...
Breve Storia Del Clima

In che modo il riscaldamento globale potrebbe influenzare la nostra vita? è questa la causa dell'alternarsi...
Continua...
Notizie da un Pianeta Rovente

L'effetto serra è un conto aperto che l'umanità ha col proprio futuro. ne vediamo le conseguenze nei forti...
Continua...
Manuale di Sopravvivenza alla Fine del Petrolio

Un'approfondita riflessione e un manuale ricco di suggerimenti e proposte concrete per modificare il nostro...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
E se succedesse alla tua casa?
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità