Vecchi cellulari? EcoATM li trasforma in denaro

Un buono-acquisti ed un albero in cambio del tuo vecchio cellulare. Si chiama EcoATM (letteralmente “bancomat ecologico”), viene dal Nebraska, ed è l’ultima soluzione al problema dello smaltimento dei telefonini fuori uso o, più spesso, fuori moda. Ecco di cosa si tratta...

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Alessandra Profilio

ecoatm
Dal Nebraska un “bancomat ecologico” per il riciclo dei rifiuti elettronici
La tecnologia, si sa, corre veloce: i cellulari oggi all’ultimo grido sono destinati a divenire domani (o quasi) pezzi d’antiquariato. Solo in Italia vengono venduti circa 17 milioni di telefonini ogni anno e la vita media di ognuno di questi si aggira intorno ai 18 mesi.

Una volta fuori uso, o fuori moda, dove finiscono però tutti questi apparecchi? Un’efficace risposta a questo interrogativo giunge dal Nebraska e si chiama EcoATM, letteralmente “bancomat ecologico”. In sostanza si tratta di un dispositivo di raccolta dei vecchi telefonini.

Quando un apparecchio viene depositato al suo interno, EcoATM ne verifica il valore ed in base a questo restituisce un buono-acquisto valido per comprare altri prodotti. A seconda del suo grado di recuperabilità, il cellulare verrà riparato o utilizzato per i ricambi. Se totalmente irrecuperabile, l’apparecchio verrà smaltito ecologicamente e “in sua memoria” l’azienda provvederà a far piantare un albero.

Il primo EcoATM ha fatto la sua comparsa il 21 settembre al Nebraska Forniture Mart, rivenditore di elettronica e casalinghi situato vicino ad Omah (Nebraska).

Si è trattato di un test per verificare la risposta dei consumatori al servizio, in previsione di un suo lancio commerciale in Texas, nel Vermont e nello Stato di Washington. L’esperimento sembra essere pienamente riuscito: la compagnia ha dichiarato il successo immediato, sia per il numero di apparecchi riciclabili depositati sia in termini di aumento degli acquisiti interni al negozio.

cellulare
Con EcoATM a seconda del suo grado di recuperabilità, il cellulare verrà riparato o utilizzato per i ricambi
“Oggi, un dispositivo elettronico usato va a finire nell’armadio o nel garage. Rimane lì fino a perdere il suo valore raggiungendo lo zero quindi, va a riempire i cassonetti. Vogliamo cambiare questo sistema e avvicinarlo al ciclo di vita dell’automobile. Quando hai finito con la tua vecchia auto, non ti limiti a lasciarla in garage facendola marcire.”, ha spiegato Eric Rosser vicepresidente marketing della compagnia, “I rivenditori apprezzeranno l'automatismo di EcoATM e i consumatori valuteranno positivamente velocità e convenienza”.

In futuro l’azienda intende estendere il servizio anche al recupero di altri apparecchi, come MP3, fotocamere digitali, computer portatili e stampanti.

EcoATM è comunque tuttora in fase di rodaggio e riguarda soltanto una ristretta area geografica; considerate le potenzialità del servizio, ci si augura che questo venga esteso anche ad altre parti del mondo. Tuttavia, considerate le conseguenze della produzione e dello smaltimento dei cellulari, la prima cosa da diffondere resta sempre una buona dose di consumo critico.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Rifiuto Riduco e Riciclo per Vivere Meglio

dall'emergenza rifiuti in campania alla verità sugli impianti di incenerimento. dalla raccolta...
Continua...
 
6 Dicembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
3 lettori hanno commentato questo articolo:
10/12/09 01:23, Fabrizio ha scritto:
Faccio parte di una onlus che si occupa della raccolta e corretto recupero o smaltimento dei cellulari e dei cd e dvd e vhs. Abbiamo raccolto al momento 10.000 cellulari circa e recuperabili sono un percentuale minima. Piantare un albero per ogni cellulare vuol dire essere in perdita con l'iniziativa. Nopi con parte del ricavato facciamo formazione agli soclari e piatiamo anche alberi. Inoltre se i cellulari riparati si mandano in Africa non si fa altro che ingorssare la e-wast in quel continente considernado che Ghana e Nigeria ricevono l'80% della spazzatura elettronica europea. Meglio differenziare le MPS dei cellulari e recuperare con la tecnologia meno impattante i vari metalli presenti. Saluti, Fabrizio. www.sodalesparma.org
9/12/09 02:55, Alessandra Profilio ha scritto:
Gentile Vincenzo,

ti segnalo il sito di EcoATM per approfondimenti sui dettagli del servizio (http://www.ecoatm.com/index.htm).

In ogni caso, i cellulari, dopo essere stati inseriti in questo dispositivo elettronico, in base alle loro condizioni, vengono riutilizzati del tutto o in parte oppure (se in cattive condizioni e senza valore economico)smaltiti in maniera ecologica.

Buona giornata!

Alessandra Profilio
7/12/09 07:53, Vincenzo Bruno ha scritto:
Maggiori informazioni su cosa ne fanno di questi cellulari materialmente?
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Rifiuto Riduco e Riciclo per Vivere Meglio

Dall'emergenza rifiuti in Campania alla verità sugli impianti di incenerimento. Dalla raccolta...
Continua...
Il Girone delle Polveri Sottili

Frammenti di un filtro chirurgico comunemente installato nella vena cava dei malati di tromboembolia...
Continua...
Smaltire e Riciclare i Rifiuti

Ti sei mai chiesto che cosa succede a quello che buttiamo nella spazzatura e nei cassonetti della raccolta...
Continua...
Ecoballe

Napoli, quattordici anni di emergenza. Rifiuti a ogni angolo di strada. Politici nel mirino. Costi alle...
Continua...
Dove lo Butto?

Un libro divertente e ricco di illustrazioni che spiega ai più piccoli come contribuire al benessere...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Rifiuti: adesso sono risorse
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità