Coldiretti, arriva l'ospedale a Km0


CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

km0 cibo ospedale coldiretti
A pochi giorni dall’avvio del vertice sul clima di Copenaghen apre in Veneto il primo ospedale a chilometri zero che offre ai propri pazienti i prodotti agroalimentari delle aziende agricole locali
In coincidenza con l'avvio del vertice sul clima di Copenaghen apre in Veneto il primo ospedale a chilometri zero che offre ai propri pazienti i prodotti agroalimentari delle aziende agricole locali, freschi, sicuri e che arrivano dal circondario, riducendo l’inquinamento ambientale dovuto ai trasporti ed il suo impatto sul clima. Il progetto denominato “Ospedale più ospitale” nasce per iniziativa della Ulss 19 di Adria in provincia di Rovigo alla quale la Coldiretti assegnerà la targa “a km zero”.

I pazienti dell’ospedale di Adria mangeranno profumata e colorata ortofrutta del Polesine e del Veneto che non solo riducono l’emissione di gas ad effetto serra dovuta ai lunghi trasporto ma - sottolinea la Coldiretti - è scientificamente dimostrato che un’alimentazione più fresca e genuina, con sapori gustosi, legata alla stagionalità, induce alla convivialità, aumenta le difese immunitarie e la capacità di guarigione. In altre parole, contribuisce al benessere psico-fisico dei pazienti ricoverati, che rispondono meglio alle cure e migliorano più rapidamente.

7 Dicembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail