Legambiente

Energia, Scajola firma decreto per stop anticipato Cip6

Legambiente: stop anticipato ai Cip6. Una buona notizia visto che gli incentivi alle fonti assimilate hanno tolto soldi alle fonti rinnovabili in questi anni.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

cip6 finanziamenti
Lo stop anticipato ai Cip6 è una buona notizia, perché gli incentivi alle fonti assimilate previsti da queste agevolazioni hanno tolto soldi alle vere rinnovabili
“Lo stop anticipato ai Cip6 è una buona notizia, perché gli incentivi alle fonti assimilate previsti da queste agevolazioni hanno tolto soldi alle vere rinnovabili mentre le risorse che sono state date in questi anni alle fonti inquinanti sono stimabili in decine di miliardi”.

Edoardo Zanchini, responsabile energia di Legambiente, commenta così l’anticipazione al 2010 della fine degli incentivi Cip6 firmata dal ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola.

“E’ giusto ridurre l’onere che pesa sulla componente A3 della bolletta – prosegue Zanchini – e le risorse ricavate da questa voce devono finalmente essere utilizzate per garantire lo sviluppo delle vere fonti pulite e dare certezze al settore”.

Legambiente sottolinea infatti l’incertezza che pesa sul futuro degli incentivi per il solare nel nostro Paese. Di fatto esiste una situazione di indeterminatezza rispetto alle detrazioni fiscali che riguardano il solare termico e il risparmio energetico. La possibilità di usufruire di uno sconto del 55%, che ha prodotto straordinari risultati in termini di spinta agli investimenti (nel 2007 e 2008 ha determinato 250mila investimenti per circa 3,8miliardi di Euro) e di risparmio energetico per le famiglie, ha infatti un futuro ancora oscuro. Stessa

indeterminatezza per quanto riguarda il futuro degli incentivi per il solare fotovoltaico (che hanno rappresentato uno straordinario volano di sviluppo per questa tecnologia col passaggio da poche decine di MW installati ai circa 700 attuali) che scadono alla fine del prossimo anno.

“In nessun modo” - conclude il responsabile energia di Legambiente – “le risorse ottenute con quest’onere devono essere destinate al nucleare, che nulla ha a che fare con le rinnovabili”.

2 Dicembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
A partire da quest'estate, molte località italiane diventano balneabili "per decreto". In altre parole interi tratti di costa vengono dichiarati balneabili, non perché meno inquinati, ma solo perché è cambiata la legge. Legambiente denuncia la questione come un passo indietro in tema di depurazione, che lascia un deficit imbarazzante ad uno dei Paesi più industrializzati al mondo.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità