Legambiente

Grande successo di "Ridurre si può", la campagna di Legambiente per la prevenzione dei rifiuti

È stato davvero indicativo il successo ottenuto lo scorso weekend dalla campagna di Legambiente “Ridurre si può” in occasione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti. 20.000 carrelli della spesa sono stati svuotati degli imballaggi superflui, è stato presentato il decalogo per diminuire la produzione dell'immondizia domestica e… molto altro ancora.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

legambiente ridurre si può
20.000 carrelli della spesa svuotati degli imballaggi superflui, avviati alla raccolta differenziata. E' questo il risultato del weekend di Ridurre si può, la campagna di Legambiente, in occasione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti
20.000 carrelli della spesa svuotati degli imballaggi superflui, avviati alla raccolta differenziata. E' questo il risultato del weekend di Ridurre si può, la campagna di Legambiente realizzata in collaborazione con Coop, Novamont e Virosac che, in occasione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, ha coinvolto decine di migliaia di cittadini con centinaia di appuntamenti in tutta Italia per promuovere buone pratiche di gestione dei rifiuti. Due giorni ricchi di eventi organizzati davanti ai supermercati per promuovere la prima e più disattesa tra le 4 R del principio comunitario:"Riduzione, Riutilizzo, Riciclo, Recupero di energia". Migliaia di volontari hanno invitato i cittadini all'uscita dei punti vendita a svuotare i carrelli dagli imballaggi inutili, per dimostrare quanto packaging superfluo acquistiamo nel fare la spesa e spiegare quanto sarebbe più sano per l'ambiente scegliere prodotti sfusi, alla spina, con confezioni formato famiglia e monomateriali, riciclate o riciclabili, ma anche per incentivare l'uso delle sportine in tessuto e degli shopper in bioplastica.

Sono, infatti, ancora molti i rifiuti da imballaggio prodotti in Italia. Nel 2008, secondo il Conai, la quantità di packaging immessa al consumo è stata di 12,2 milioni di tonnellate, di cui il 59,5% è stato avviato a riciclo - grazie soprattutto alle raccolte differenziate nelle regioni del Nord Italia - e il 9% al recupero energetico. Nonostante i grandi passi in avanti fatti negli ultimi 10 anni sul fronte del recupero, il 31,5% degli imballaggi prodotti - pari a circa 3,8 milioni di tonnellate - viene ancora smaltito in discarica.

Evitare di produrre immondizia in eccesso è tuttavia possibile, evitando di comprare involucri inutili ma soprattutto scoraggiandone a monte una produzione esagerata. Le iniziative nei supermercati in tal senso sono sempre più numerose: ad esempio la Regione Piemonte ha avviato nel 2006 un programma di interventi sulla grande distribuzione organizzata per diffondere la vendita dei detersivi alla spina che ha coinvolto finora 46 punti vendita, dove sono stati venduti circa 744mila litri di detergenti e 640mila flaconi, di cui 422mila sono stati riutilizzati. Esperienze analoghe sono state attivate anche in altre regioni come il Lazio e la Puglia.

Evidenti anche i risparmi economici dei prodotti sfusi, alimentari e non, che vanno da un minimo del 10% fino ad arrivare a punte del 50%.

"Per rendere sostenibile la gestione dei rifiuti” - ha dichiarato Stefano Ciafani, responsabile scientifico di Legambiente – “è necessario diminuirne la produzione e, in questo senso, è fondamentale il contributo del settore industriale e della grande distribuzione organizzata.

prodotti alla spina mercato consumo
I cittadini svolgono un ruolo fondamentale, perché solo acquistando in modo più consapevole e meno impattante è davvero possibile influenzare il mercato e, di conseguenza, migliorare la salute del Pianeta
Ma anche i cittadini svolgono un ruolo fondamentale, perché solo acquistando in modo più consapevole e meno impattante è davvero possibile influenzare il mercato e, di conseguenza, migliorare la salute del Pianeta".

Ecco, quindi, in 10 mosse quello che i consumatori possono fare per prevenire la produzione di rifiuti:

1.Utilizzare le borse di tela o quelle di plastica biodegradabile al posto degli shopper in plastica tradizionale, per poi utilizzarli più e più volte.

2.Acquistare verdura e frutta sfusa e non quella confezionata nelle vaschette di plastica. Fare lo stesso con gli affettati, le carni e i formaggi.

3.Bere l'acqua di rubinetto, invece di quella in bottiglia.

4.Scegliere i prodotti confezionati in imballaggi riciclati o facilmente riciclabili, come quelli mono-materiale, evitando le confezioni multi materiale (come quelle composte da carta e plastica insieme).

5.Evitare i piatti e bicchieri di plastica o, se proprio occorrono, utilizzare quelli in materiale biodegradabile.

6.Laddove possibile, scegliere detersivi, detergenti, pasta e legumi distribuiti alla spina per riutilizzare lo stesso contenitore.

7.Scegliere prodotti con la margherita europea (Ecolabel), il marchio di certificazione concesso ai prodotti che nel loro ciclo di vita hanno prodotto il minor impatto ambientale.

8.Evitare il superimballaggio delle porzioni mono dose, scegliendo il formato famiglia.

9.Acquistare il latte dai distributori alla spina, riutilizzando le bottiglie in vetro.

10.Usare sempre le pile ricaricabili anziché quelle usa e getta.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Rifiuti

Viviamo ormai circondati dai rifiuti. per eliminarli peggioriamo il livello di inquinamento del nostro...
Continua...
 
29 Novembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
A partire da quest'estate, molte località italiane diventano balneabili "per decreto". In altre parole interi tratti di costa vengono dichiarati balneabili, non perché meno inquinati, ma solo perché è cambiata la legge. Legambiente denuncia la questione come un passo indietro in tema di depurazione, che lascia un deficit imbarazzante ad uno dei Paesi più industrializzati al mondo.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità