Alberi artificiali contro la CO2

Scrubber, l’albero artificiale che contrasta gli effetti negativi del disboscamento e che funge da grande pannello radiatore che assorbe una tonnellata di anidride carbonica. Questa l’invenzione di Klaus Lackner tra i favoriti a vincere i 25 milioni di dollari messi in palio da Richard Branson, magnate della Virgin.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Antonia Guerra

Klaus Lackner albero artificiale
Klaus Lackner ha progettato Scrubber, l'albero artificiale in grado di assorbire ogni giorno una tonnellata di anidride carbonica
L’anidride carbonica aumenta, gli alberi, che la assorbono e trasformano in ossigeno invece, si riducono. Sarebbe bello che potessero aumentare, crescendo rapidamente proteggendo noi ed il nostro Pianeta dall’inquinamento. Sarà stato questo il pensiero di Klaus Lackner quando ha progettato Scrubber, uno dei candidati favoriti a vincere i 25 milioni di dollari messi in palio da Richard Branson, magnate della Virgin per l’invenzione che meglio riesca ad eliminare l’anidride carbonica dall’aria.

Scrubber contrasta gli effetti negativi del disboscamento perché funziona come un albero, le cui foglie sono costituite da un grande pannello radiatore in grado di assorbire ogni giorno una tonnellata di anidride carbonica: l’equivalente di ben 1000 alberi!

Il progetto del docente di Geofisica al Dipartimento di Ingegneria per l’Ambiente e la Terra presso la Columbia University, non si comporta solo come un “acchiappa-CO2”: la sua utilità continua… dopo aver intrappolato la CO2, Scrubber la comprime al punto di liquefarla e utilizzarla poi per il confezionamento di fertilizzanti e carburante. Fino all’invenzione del team di Lackner, questo processo non era mai stato adottato perché era sempre risultato estremamente complicato separare l’anidride carbonica dalle resine alle quali si combinava, processo riuscito al team della Columbia University grazie all’uso calibrato di semplici correnti di aria umidificata.

Pensate quanto potrebbe essere utile in prossimità di un grosso stabilimento industriale! Certo, vedere 1000 splendidi alberi sarebbe più piacevole che vederne uno artificiale, ma sapendo che la prima ipotesi spesso non è realizzabile e che Scrubber aiuta l’ambiente, magari potremmo abituarci alla sua vista.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
I Nuovi Carburanti con Struttura Magnecolare

Le grandi necessità del nostro pianeta per contenereeventi climatici sempre più disastrosi causatidal...
Continua...
 
18 Novembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
5 lettori hanno commentato questo articolo:
4/6/10 09:27, Lorenzo ha scritto:
Produrre carburante dalla CO2 assorbita da questi alberi vorrebbe dire non dover più estrarre petrolio o metano e quindi non immettere in atmosfera nuova anidride carbonica. Utilizzando sempre quella che è già presente nell'aria non aumenterebbe l'effetto serra.
23/3/10 09:04, augusto ha scritto:
scusate, o non ho capito bene l'articolo, o l'inventore di questi alberi ha qualche cosa di contorto in mente.
Prima cattura le emissioni, poi le comprime per rimetterle sotto forma di carburante, ma allora è un circolo vizioso, prima le catturo e poi le rilascio...vi chedo, come con questa tecnica,si abbasserà il consumo di carburante, non si vuole eliminare l'uso di questo?
7/2/10 10:36, Manuela ha scritto:
La società che oggi nasce è stata basata sull'ideologia di un mondo migliore dagli anni 80 è iniziato il processo di evoluzione nella comunicazione che ha permesso a tutti i ceti sociali di capacitarsi di questa realtà difficile da gestire, perchè rassegnarsi alla volontà negativa di alcuni "uomini" che alla fine dei loro 80 anni mediamente muoiono?Di chi sarà il pianeta di coloro che non hanno più essenza vitale o di coloro che ancora saranno carichi di energia (i nostri figli)?La volontà di chi ha il potere delle decisioni a livello sociale ecco chi non può permettersi il lusso di rassegnarsi...Una persona che vive per sopravvivere alla vita di certo non ha i mezzi per cambiare le cose,a malappena può premettersi i beni di prima necessità, purtroppo per loro costretti in questa vita a soffrire toccando con mano molti disagi con la consapevolezza di un mondo a misura di potere.
21/1/10 12:14, rosario ha scritto:
Noi e la terra siamo la stessa cosa ,tuttto ciò che facciamo di buono o di cattivo sarà fatto solo a noi
19/11/09 14:35, gaetano ha scritto:
tutto ciò che può essere controprodunte per i petrolieri o chi specula sul petrolio non approveranno mai le fonti di energie alterative. Io mi rassegno
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Guida alla Bioedilizia e all'Arredamento Ecologico

Una guida completa con tutti gli indirizzi e le indicazioni pratiche sull'ecologia dell'abitare. Uno...
Continua...
Manuale di Bioedilizia

Perche´ fare una costruzione in Bioedilizia? Come fare una costruzione in Bioedilizia? A queste...
Continua...
Il Libro Completo della bioedilizia

La bioedilizia risponde all'esigenza sempre più diffusa del "costruire sano", a basso impatto ambientale e...
Continua...
Bioedilizia

Questo libro-manuale sulla bioedilizia presenta una serie di problematiche interdisciplinari che riguardano...
Continua...
La casa ecologica

Trattazione di tutti i temi principali dell'abitare sano. Utile per chi voglia trasformare la propria casa in...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Introduzione alla Bioarchitettura e al Feng Shui
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità