L’ultima foresta primaria europea

La Foresta di Białowieża, conosciuta anche col nome di Belovežskaja Pušča in Bielorussia e Puszcza Białowieska in Polonia, è un'antica foresta vergine situata appunto lungo il confine tra la Bielorussia e la Polonia, a 70 chilometri a nord di Brěst. Essa rappresenta tutto ciò che resta dell'immensa foresta che migliaia di anni fa, prima dell’intervento umano, si estendeva su tutta l’Europa, Gran Bretagna inclusa. Ma la sua esistenza, come quella di altri posti simili nel mondo, è in pericolo.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Andrea Bertaglio

polonia foresta Bialowieza
La foresta primaria di Bialowieza, vasta circa 380 mila acri, è uno dei terreni boscosi più vasti rimasti (spopolati) in Europa
La foresta primaria di Bialowieza, vasta circa 380 mila acri, è uno dei terreni boscosi più vasti rimasti (spopolati) in Europa, dà rifugio alla più grande concentrazione di bisonti ed è l’habitat di oltre 3000 specie di funghi, 178 generi di uccelli e 58 di mammiferi. Queste includono lupi, linci e 800 bisonti europei selvatici, gli animali di terra più pesanti del continente (oltre una tonnellata). Sito appartenente dal 1979 ai Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO e “Riserva della biosfera”, è un prezioso concentrato di biodiversità.

Quest’ultimo lembo di foresta vergine è minacciata, oltre che dai cambiamenti climatici in corso, anche da alcune dispute fra i due Paesi interessati e dall’opposizione di molti residenti all’allargamento dell’area di foresta protetta. Il principale motivo di tali conflitti è il timore che possa essere compromessa la crescita economica delle aree interessate.

Sul lato polacco del confine i residenti si stanno opponendo ai piani del governo di Varsavia, che prevedono di estendere la zona protetta di questo habitat unico, minacciato da temperature in aumento e pioggia in declino. Incoraggiato da agenzie di conservazione internazionali, l’esecutivo polacco vuole allargare il parco nazionale, proponendo alle nove comunità interessate (e “colpite” da regolamentazioni più severe riguardo la salvaguardia di piante ed animali selvatici) 100 milioni di zlotys (circa 25 milioni di euro).

Il problema principale è che la regione è fra le più povere della Polonia, ed i 2400 residenti del distretto di Bialowieza sono scettici, temendo perdite di posti di lavoro e conseguenti perdite per le casse degli Enti locali. "Lei può pensare che noi siamo sciocchi se non prenderemo i soldi", ha dichiarato il sindaco Albert Litwinowicz ad un giornalista della Reuter, "ma questi saranno usati solamente per investimenti verdi, mentre noi abbiamo bisogno di strade"!

animali selvatici bisonti
La foresta è è l’habitat di oltre 3000 specie di funghi, 178 generi di uccelli e 58 di mammiferi. Queste includono lupi, linci e 800 bisonti europei selvatici
Le foreste occupano più dell’80 per cento della Bialowieza, ed offrono una parte significativa di reddito al distretto amministrativo. Tale reddito proviene soprattutto da attività sul terreno boscoso e da sussidi dal governo centrale, ma si dimezzerebbe se l'area intera fosse incorporata nel parco nazionale.

Il distretto di Bialowieza sarebbe incorporato pienamente nel parco sotto la proposta corrente, ed il Sig. Litwinowicz si fa portavoce di tutti coloro che vorrebbero, invece regole di conservazione severe nel parco nazionale, "sviluppare il trasporto e le infrastrutture" nonostante la quasi assoluta mancanza di centri industriali nelle vicinanze, e nonostante la disoccupazione nella zona sia quasi inesistente, anche per la bassa densità di popolazione.

I segnali di cambiamenti climatici che possono minacciare la foresta sono ormai evidenti, secondo alcuni impiegati nella conservazione del parco. "La temperatura annuale media è salita di 0.8 C negli ultimi 50 anni. Questo è molto per una foresta primaria", afferma Elzbieta Malzahn dell'Istituto di Ricerca Forestale. "C'è meno pioggia in estate, gli inverni sono più miti e finiscono più presto, incitando la vegetazione a svilupparsi sempre in anticipo".

cambiamenti climatici foresta bialowieza
I segnali di cambiamenti climatici che possono minacciare la foresta sono ormai evidenti
Di cambiamenti climatici ce ne sono già stati nella zona. Il problema è, in questo caso, la velocità con cui si teme questi cambiamenti possano avvenire nei prossimi tempi, in nome di una crescita economica e di profitti che solo i più ottimisti sindaci e residenti riescono a vedere all’orizzonte di questa sperduta area polacca.

A tutto questo si aggiungono le dispute politiche fra Polonia e Bielorussia. Il confine orientale dell’Unione Europea (dal 2004, quando la Polonia ne è entrata a far parte) è segnato da un recinto che, tra le altre cose, impedisce fisicamente ai suddetti bisonti e ad altre specie di muoversi liberamente all’interno della foresta.

A differenza degli agguerriti sindaci dell’area interessata e nonostante la mancata approvazione delle autorità locali, il ministro dell’ambiente Janusz Zaleski afferma che l’allargamento del parco non comprometterebbe in nessun modo le attività degli abitanti della zona. Insomma quasi l’opposto di ciò che succede in Italia, dove il governo centrale fa di tutto per limitare l’autonomia locale e la salvaguardia dell’ambiente.

Chi avrà ragione? Ancora una volta, comunque andranno le cose, l’arroganza e l’avidità umana vanno a discapito di tutto ciò che non porta solo all’illusione di “sviluppo” economico e guadagni immediati.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... proteggere la terra non...
Continua...
La Terra Condivisa

La terra ospita attualmente quasi due milioni di specie viventi che interagiscono costantemente fra loro...
Continua...
18 Novembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità