Geotermia sul Monte Amiata: eco-insostenibilità di una fonte classificata come “rinnovabile”

Una significativa percentuale dell’energia elettrica consumata in Toscana viene prodotta tramite lo sfruttamento dei ricchi bacini geotermici presenti nella sua area meridionale. Ma a differenza della geotermia a bassa entalpia, quella industriale allo stato attuale non si configura come ecosostenibile, pertanto la Regione si trova a dibattere accesamente sulle problematiche ambientali e salutari connesse all’impiego massiccio di tale risorsa. Eppure una soluzione praticabile esiste.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Virginia Greco

centrale geotermoelettrica
Le centrali geotermoelettriche sfruttano il calore di fluidi vettori intrappolato nel sottosuolo in dei bacini naturali, dai quali essi fluiscono in superficie spontaneamente o artificialmente, in seguito alla perforazione meccanica
Se la geotermia a bassa entalpia rappresenta una soluzione interessante per il riscaldamento degli edifici, in quanto consente di condizionare la temperatura interna con un dispendio energetico ed emissioni di gas serra molto ridotti, quella industriale (ossia la geotermia ad alta entalpia) presenta, invece, qualche zona buia.

Le centrali geotermoelettriche sfruttano il calore di fluidi vettori (acqua o vapore) intrappolato nel sottosuolo in dei bacini naturali, dai quali essi fluiscono in superficie spontaneamente (nella forma di geyser o soffioni) o artificialmente, in seguito alla perforazione meccanica.

Una volta ceduta la propria energia termica alle turbine, i vapori esausti vengono rilasciati nell’atmosfera. Essi contengono una miscela di elementi, quali mercurio, radon, arsenico, boro, antimonio e idrogeno solforato, spesso in quantità significative, che vanno a modificare la naturale composizione dell’aria: in pratica la inquinano. Ovviamente ciò rappresenta un fattore di rischio per la salute umana, oltreché per la sopravvivenza della fauna e della flora circostante le centrali.

Le emissioni di sostanze nocive è inoltre associata anche alla liberazione di anidride carbonica, la quale come ben noto contribuisce alla formazione di effetto serra e quindi alla determinazione di cambiamenti climatici.

A ciò si aggiunge il fatto che un’intensa estrazione (nel caso in cui la fuoriuscita dei vapori non sia spontanea) può provocare una modifica dell’assetto geologico dell’area interessata. Un monitoraggio costante e studi dettagliati dovrebbero pertanto essere condotti in ogni singolo caso, per garantire che l’attività non abbia ricadute significative sull’ambiente circostante.

Tutto ciò rende l’attività geotermica industriale poco ecologica, quale invece ambirebbe ad essere.

Particolarmente delicata in Italia è la situazione del bacino del Monte Amiata, collocato nell’area meridionale della Toscana, tra le provincie di Grosseto, Siena e Pisa. Ben il 27% dell’energia elettrica utilizzata nella regione deriva da geotermia, la quale rappresenta l’87,5% dell’energia da fonti rinnovabili.

monte amiata
Particolarmente delicata in Italia è la situazione del bacino del Monte Amiata
Da anni è in corso un acceso dibattito riguardo all’impatto ambientale delle numerose centrali geotermoelettriche toscane e ai rischi per la salute umana ad esse connessi.

Vari studi sono stati condotti, eppure al giorno d’oggi nessuno di essi appare “definitivo”, poiché hanno riportato risultati in buona parte differenti. Naturalmente ciò ha fatto pensare che alcune conclusioni presentate siano state influenzate da interessi economici e politici. Associazioni di abitanti e ambientalisti stanno portando avanti una “battaglia” affinché si faccia chiarezza e si applichi, nel frattempo, il principio di precauzione.

Alcuni studi sull’assetto geologico e idrico dell’area sono stati condotti già negli anni 70 e 80 ed essi rappresentano il punto di partenza e di riferimento per le analisi condotte negli ultimi anni prima dall’ARPAT e poi dall’EDRA.

Nella relazione presentata nel 2008 da quest’ultima, in particolare, vengono messi in evidenza tre punti chiave della questione.

- L’impatto sulla qualità dell’aria e sul suolo derivanti dalle emissioni delle centrali geotermiche amiatine non è trascurabile: in particolare si rileva una concentrazione eccessiva di alcuni elementi, come mercurio, acido solfidrico e boro.

- Il costante e ingente sfruttamento dei serbatoi geotermici ha provocato un significativo abbassamento della falda acquifera del Vulcano Amiata. Si riscontrano, infatti, dei collegamenti tra la falda e i bacini e l’attività estrattiva modifica l’assetto geologico provocando un drenaggio della falda verso il sistema geotermico sottostante. Tale abbassamento, oltre a portare conseguenze negative diretti all’approvvigionamento di acqua da parte delle popolazioni locali e della natura stessa, potrebbe anche indurre la riattivazione o l’insorgere di eruzioni idrotermali (fenomeni che in passato in vari campi geotermici del mondo hanno determinato disastri naturali e provocato numerose vittime).

- Le falde acquifere possono essere inquinate a causa della risalita e condensazione dei fluidi geotermici; in particolare negli anni tra il 1999 e il 2002 si è registrato un vertiginoso aumento della presenza di arsenico nell’acqua.

In seguito a questi rilevamenti, i ricercatori dell’EDRA consigliano una riduzione dello sfruttamento dei bacini geotermici dell’Amiata, la chiusura di alcune centrali obsolete e l’ammodernamento tecnologico di altre, al fine di minimizzare le emissioni di sostanze inquinanti e di anidride carbonica.

centrale geotermica
Nella regione Toscana sono in corso studi per fare chiarezza sulle conseguenze causate dall'utilizzo di questa forma di energia
Un secondo studio condotto invece dall’Università di Siena (per mandato della Regione), presenta delle conclusioni discordanti.

In seguito all’analisi delle acque di falda e fluviali, dei fluidi geotermici, del suolo e della qualità dell’aria, gli esperti senesi hanno infatti decretato che il livello di inquinamento dell’area, provocato dalle centrali geotermoeletriche, non è tale da rendere necessaria la limitazione dell’attività estrattiva. Si consiglia soltanto lo smantellamento delle strutture in disuso e un ammodernamento dei filtri impiegati per i vapori esausti immessi nell’aria.

Inoltre lo studio smentisce che ci sia una correlazione confermata tra il calo delle sorgenti e l’aumento del vapore estratto, nonché la loro contaminazione con boro e arsenico.

Infine, i ricercatori senesi dichiarano assente qualsiasi pericolo di collasso gravitativo del monte, che porterebbe il campo geotermico a contatto con il bacino acquifero superficiale, determinando un aumento della concentrazione di sostanze inquinanti nell’acqua.

Dopo dibattiti e scontri, alla fine dello scorso anno si è dovuto concludere che gli studi di cui si dispone non offrono certezze sufficienti a prendere decisioni definitive in materia, pertanto occorre approfondire le ricerche. Questa volta ad aver ricevuto l’incarico è stata l’Università di Firenze e ci si aspetta un lavoro approfondito, da svolgersi in non meno di due anni.

Nel frattempo però non solo l’attività estrattiva sul vulcano Amiata non registra riduzioni, come suggerirebbe il principio di precauzione (in attesa di dati attendibili), ma addirittura si va incontro alla costruzione di nuove centrali.

Questo provoca - come naturale - nervosismo tra la popolazione che abita nella regione toscana interessata e alcuni comitati locali stanno portando avanti attivamente una campagna informativa, nonché una battaglia contro l’impiego massiccio dei bacini geotermici al fine di produrre energia elettrica.

In realtà la tecnologia per risolvere buona parte dei problemi esiste già: si tratta dei sistemi a circuito chiuso. In pratica i vapori estratti, una volta impiegati, non devono essere liberati nell’atmosfera, bensì reimmessi nel bacino, tramite un circuito di ritorno.

centrale geotermica
Funzionamento di una centrale geotermica
Con un sistema di tal tipo si può evitare, in primo luogo, la contaminazione dell’aria con le conseguenti ricadute sulla salute umana e la sopravvivenza dell’ambiente esterno. Inoltre non si “svuota” il sottosuolo, ossia non si modifica significativamente l’assetto geologico del terreno. Questo comporta per altro che la stessa fonte geotermica sia mantenuta e rinnovata (mentre diversamente si va comunque incontro ad un esaurimento). Infine anche l’entrata in contatto tra bacino geotermico e acque di falda o superficiali è molto più facilmente prevenibile se i fluidi non vengono portati a giorno, ossia liberati in superficie.

Ovviamente l’implementazione di tecnologie moderne di tal tipo comporterebbe una trasformazione radicale di tutte le centrali attualmente in esercizio, vale a dire che richiederebbe un investimento economico significativo.

Quello che accade, dunque, è che per non affrontare spese ingenti si continua a temporeggiare, commissionando studi ulteriori e applicando al limite filtri più selettivi, che se riducono l’apporto di inquinanti nell’atmosfera, di sicuro non risolvono del tutto il problema.

Una scelta simile è chiaramente inopportuna di fronte a rischi ingenti per la salute umana e la tutela dell’ecosistema (e della stessa fonte geotermica). Ma anche mantenendosi su un puro piano economico, se mettiamo insieme i costi per la conduzione delle ulteriori ricerche, quelli per l’installazione di filtri migliori, la prevenzione e la cura delle malattie provocate dalle attuali emissioni, i costi ambientali, il possibile esaurimento della risorsa nonché la maggiore efficienza raggiungibile con centrali costruite secondo le nuove tecnologie, siamo poi sicuri che ci sia una convenienza a mantenere la situazione attuale?

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Riscaldamento Naturale della Casa

è il primo libro completamente dedicato al riscaldamento domestico attuato con energia rinnovabile. in una...
Continua...
Ambiente Italia 2008

Secondo quanto stabilito dalla commissione europea, entro il 2020 gli stati membri dell'unione dovranno...
Continua...
17 Novembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Un Futuro Senza Luce?

Il nostro sistema energetico spreca e disperde nell'atmosfera più energia di quanta ne utilizzi....
Continua...
Salvare l'Ambiente Conviene

Quello di Jacopo Fo è un libro di valide e ragionevoli alternative all’insegna di un duplice...
Continua...
EBooks - Come Evitare la Trappola Nucleare

Anteprima ebook 1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Peak Oil - How Will You Ride the Slide
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità