La mezza marcia indietro di Obama e Hu Jintao, “A Copenhagen un’intesa operativa”

Stati Uniti e Cina tornano a rivendicare l’iniziativa sul clima. A Copenhagen sarebbe sul tavolo un accordo dagli effetti concreti, anche se l’ipotesi di un trattato appare del tutto segnata. E mentre la diplomazia internazionale prende in consegna il vertice di Copenhagen, si rinnova il rischio della politica degli annunci.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Stefano Zoja

copenaghen cambiamento climatico obama hu jintao
Il presidente americano Barack Obama e il suo omologo cinese Hu Jintao tornano con parole nuove sulla lotta al cambiamento climatico
Il presidente americano Barack Obama e il suo omologo cinese Hu Jintao tornano con parole nuove sulla lotta al cambiamento climatico. Il loro impegno durante la Conferenza di Copenhagen, hanno dichiarato oggi, sarà mirato a un ampio accordo che possa “chiamare a raccolta il mondo” sulle problematiche del clima. Nelle parole del presidente americano, dovrebbe trattarsi di un’intesa dagli “effetti operativi immediati e non di un semplice documento di indirizzo politico. La conferenza stampa, svoltasi al termine dell’incontro bilaterale di Pechino fra i due presidenti, non prevedeva domande da parte dei giornalisti, secondo il costume cinese. Al momento non è stato dunque possibile conoscere ulteriori dettagli sui previsti “effetti operativi immediati”.

La dichiarazione segue le polemiche suscitate soltanto due giorni fa dall’esplicita rinuncia da parte dei due leader di giungere, nell’ambito della Conferenza di Copenaghen, a un trattato post-Kyoto sulle emissioni di gas inquinanti. E proprio l’improponibilità di un trattato sembra rimanere uno dei pochi punti fermi del minuetto diplomatico che si sta consumando a tre settimane dall’inizio dei lavori di Copenhagen. Le frizioni interne nella politica americana sul clima, le distanze negoziali fra i numerosi attori internazionali della Conferenza e i tatticismi di alcuni paesi in via di sviluppo – Cina in testa – che chiedono all’Occidente impegni più stringenti, rendono del tutto improbabile che vi siano i tempi, anche tecnici, per giungere a un nuovo trattato globale sulle emissioni di CO2.

Diverse voci insistono sulla possibilità che un nuovo trattato venga presentato alla Conferenza di Bonn a metà 2010, o forse in un appuntamento ancora successivo a Città del Messico. A Copenhagen potrebbe dunque definirsi una “road map” per giungere a un vero accordo entro un anno. Un’ipotesi che assomiglia a una semplice dilazione, anche in considerazione del fatto che un nuovo trattato sarebbe stato previsto proprio per Copenhagen da una precedente road map, definita a Bali dalle Nazioni Unite nel vertice di fine 2007. E se da un lato gli scienziati ammoniscono sull’urgenza dell’azione contro il riscaldamento globale, i cui effetti si accumulano con rapidità superiore al previsto, dall’altro esiste un’esigenza pratica e burocratica nel fare presto.

cambiamento climatico lula sarkozy
Sarkozy e Lula si sono incontrati alcuni giorni fa, sottolineando esplicitamente la loro intenzione di guidare la battaglia al cambiamento climatico
Il futuro trattato dovrà essere ratificato dai parlamenti dei paesi sottoscrittori, e non entrerà in vigore finché almeno il 55% di questi non avrà reinviato la propria adesione alle Nazioni Unite. Si calcola che, dal momento della sottoscrizione di un nuovo trattato alla sua entrata in vigore, potrebbero trascorrere circa due anni. Poiché il Protocollo di Kyoto scade nel 2012, si corre il rischio di un periodo di vuoto normativo sulle emissioni globali, in attesa che entri a regime un nuovo accordo.

Il destino di un futuro trattato e della Conferenza di Copenhagen sembrano, dunque, nelle mani della diplomazia. All’ondivago fronte cino-americano pare contrapporsi un’intesa tra Francia e Brasile. Sarkozy e Lula si sono incontrati alcuni giorni fa, sottolineando esplicitamente la loro intenzione di guidare la battaglia al cambiamento climatico, in sfida alle ritrosie delle due superpotenze del ‘G2’. Francia e Brasile hanno utilizzato parole forti e previsto alcuni impegni per il futuro, come quello di Lula di ridurre dell’80% la deforestazione dell’Amazzonia. Intanto, fra due giorni il presidente francese si riunirà con la cancelliera tedesca Merkel e il presidente danese Rasmussen, per definire una posizione comune dell’Europa rispetto alla Conferenza di Copenhagen e, s’immagina, rispondere alle recenti dichiarazioni di Cina e Stati Uniti. L’Europa potrebbe volersi ritagliare una rinnovata leadership in materia ambientale. Politica degli annunci permettendo.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Clima: Istruzioni per l'Uso

C'è chi del cambiamento climatico ha una percezione molto precisa e si sta da tempo attrezzando per farvi...
Continua...
I Signori del Clima

Che cosa significa l'espressione «cambiamenti climatici»? in che modo il riscaldamento globale influenzerà la...
Continua...
Italia 2020

Il rinnovamento energetico è una grande opportunità per l'italia. le ragioni di una svolta in senso...
Continua...
Cambiamenti Climatici e Conoscienza Scientifica

Il protocollo di kyoto vuole frenare la crescita economica mondiale per ridurre le emissioni di anidride...
Continua...
16 Novembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Il Mondo Secondo Monsanto

Monsanto è leader mondiale nella produzione degli organismi geneticamete modificati (ogm) ed è una delle...
Continua...
Vivere i Cambiamenti Climatici

I cambiamenti climatici in atto su tutto il pianeta rimarranno ancora a lungo. da dove vengono? qual è la...
Continua...
Breve Storia Del Clima

In che modo il riscaldamento globale potrebbe influenzare la nostra vita? è questa la causa dell'alternarsi...
Continua...
Notizie da un Pianeta Rovente

L'effetto serra è un conto aperto che l'umanità ha col proprio futuro. ne vediamo le conseguenze nei forti...
Continua...
Manuale di Sopravvivenza alla Fine del Petrolio

Un'approfondita riflessione e un manuale ricco di suggerimenti e proposte concrete per modificare il nostro...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
E se succedesse alla tua casa?
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità