L'Urlo

Tutti giù per terra!

In Italia c’è una guerra che è sotto gli occhi di tutti, una guerra contro l’essere umano in quanto tale, contro una conquista bio-sociale vecchia milioni di anni, il camminare. È la guerra ai pedoni…

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Claudia Bruno


Homo habilis
Il camminare ci appartiene, come gli uccelli volano. Eppure spesso ci sorprendiamo a dimenticarlo. Altre volte dimentichiamo persino di sorprenderci a dimenticarlo. E non camminiamo più. Preferiamo la seduta anatomica di poltrone in bilico su pneumatici pronti a scivolare sull’asfalto. Preferiamo scivolare, lasciarci scivolare. Dal retro dei nostri schermi, delle nostre scrivanie mentali finiamo per pensarci come essenze prive di involucro, il corpo è quasi un ingombro, l’ereditario fardello di una specie che ce l’ha lasciato per continuità nel tempo. Dimentichiamo di essere uomini.

E invece lo siamo, e non “pedoni” come amiamo appellarci da dietro le lamiere delle nostre automobili. “Pedoni”, quasi fossimo pedine fastidiose da lasciare ai margini del guard rail. E così progettiamo strade a misura di veicoli, e non di persone, strade sprovviste delle misure minime per la sicurezza di chi va a piedi, e che oggi sempre più spesso viene definito “utenza debole”, quasi gli mancasse qualcosa nel corredo cromosomico.

Niente attraversamenti pedonali sulle strade ad alta velocità in prossimità di centri abitati, niente marciapiedi, niente dossi, niente segnaletica orizzontale o verticale che inviti in qualsiasi modo gli automobilisti a rallentare. Niente piste ciclabili, pretenderle sarebbe troppo! Questa la situazione delle nostre strade statali e provinciali, non appena varchiamo la facciata delle grandi città.

Ma la responsabilità non è solo delle amministrazioni, tra i paesi “civili” siamo quello per eccellenza dove il Codice della Strada è meno rispettato. Da noi la norma è superare in prossimità delle strisce pedonali, accelerare sulle strade che attraversano i centri abitati. Non si tratta solo di controlli, ma anche di un senso di responsabilità che non viene sentito come condivisibile: ci siamo allontanati eccessivamente da noi stessi, da quello che siamo, dai nostri corpi in quanto tali, dalla vita in quanto tale…come possiamo essere soggetti responsabili se abbiamo smesso di essere soggetti?

Così, ogni giorno circa 60 persone vengono investite sulle strade italiane, oltre 2 perdono la vita, circa 58 finiscono in ospedale per lesioni più o meno gravi; dove quel “più” può significare anche restare invalidi in modo irreversibile.

Gli ultimi dati ASAPS relativi al 2006 parlano chiaro: le vittime a piedi sono state 758 in un anno, pari al 13,4% delle vittime stradali totali, con un incremento dello 0,7% rispetto al 2000. Fra i pedoni, gli anziani e i bambini rappresentano i più deboli fra i deboli: “gli over 65 totalizzano da soli il 54,4% delle vittime mortali e il 29,9% dei feriti; le vittime fra i bambini da 0 a 15 anni nel 2006 sono state 40 segnando un drammatico incremento pari al 60% rispetto ai 25 piccoli pedoni uccisi nel 2005”. Ai primi posti per il numero di vittime: Lombardia, Lazio, Piemonte, Emilia Romagna, Veneto. Regioni grandi e popolate, è vero, regioni che ci rappresentano, in Italia, nel mondo.


Foto Campagna per la sicurezza stradale di Sicurstrada-Asaps vincitrice del premio: “Miglior campagna sociale 2005”
Ma non servono i numeri per capire un fenomeno che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni, una guerra combattuta ad armi impari su strade che assumono sempre più le sembianze di una scacchiera, strade che rimbalzano sulle pagine nere della nostra cronaca quotidiana. Eppure la vita non è una partita a scacchi, e restare con i piedi per terra non è mai stata una colpa, casomai una virtù, a maggior ragione per i tempi che corrono.

Per fronteggiare questa emergenza l’ACI – che per il 2008 sarà capofila del progetto EuroTest dedicato alla sicurezza dei pedoni – ha addirittura proposto di introdurre nel Codice della Strada l’obbligo per i conducenti di dare la precedenza non solo ai pedoni che attraversano sulle strisce, ma anche a quelli che si accingono ad attraversare, come già avviene in altri paesi UE.

Quello che fa male, però, oltre alle singole vite spezzate, è che stiamo uccidendo quello che siamo, quello che abbiamo conquistato in quanto uomini lungo il corso della nostra evoluzione: la posizione eretta, la liberazione della mano, del viso, tutte le conseguenze che questo ha comportato per un’articolazione comunicativa ed una manipolazione dell’ambiente esterno sempre più complesse. Ora, ci sembra di poterne fare benissimo a meno. E una strana amarezza ci coglie se pensiamo che facciamo di tutto pur di restare seduti su una sedia a quattro rotelle, ma ci manca il respiro all'idea di restar seduti su due…

26 Marzo 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
Uno spazio conquistato a fatica. Uno spazio dove gridare sottovoce, ma senza paure, tutti i pensieri e le emozioni che la nostra quotidianità fatta di asfalto, rumore e cemento ci obbliga ad ingoiare silenziosamente.
RUBRICA A CURA DI...

Alessandro Rizzato

Vai alla pagina personale...

PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Salvare l'Ambiente Conviene

Quello di Jacopo Fo è un libro di valide e ragionevoli alternative all’insegna di un duplice...
Continua...
La decrescita felice

I segnali sulla necessità di rivedere il parametro della crescita su cui si fondano le società industriali...
Continua...
Manuale di Sopravvivenza alla Fine del Petrolio

Un'approfondita riflessione e un manuale ricco di suggerimenti e proposte concrete per modificare il...
Continua...
Trafficologia

Ci sediamo, avviamo il motore e partiamo, convinti di avere tutto sotto controllo. Ma siamo sicuri? È proprio...
Continua...
Grandi Opere

Le Grandi Opere sono il simbolo di un mondo antiquato, corrotto e cadente: sono superate e inutili per chi...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità