L'Urlo

Consumi a tutti i costi

La crisi dei consumi si fa sentire in tutti i settori del commercio e dell’industria. Tutti gli investimenti sono bloccati. Le banche non si fidano le une delle altre. Quante volte abbiamo letto o sentito queste frasi negli ultimi mesi? Un’infinità. E quante volte, allo stesso tempo, abbiamo sentito la parola “ottimismo”?

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Andrea Bertaglio

crisi consumi economia
La crisi dei consumi si fa sentire in tutti i settori del commercio e dell’industria. Tutti gli investimenti sono bloccati. Le banche non si fidano le une delle altre
Natale sembra già alle porte. Da qui si denota l’apice raggiunto dalla schizofrenia della società dei consumi. Ben lungi dall’iniziare una manfrina sui veri valori natalizi, si vuole qui riflettere una volta di più sul fatto che non si può basare la propria vita sui consumi, e neppure l’economia sulla (continua) ripresa degli stessi.

Ha ragione Berlusconi quando consiglia di spendere, perché non c’é niente di peggio della crescita negativa (!) in un sistema basato sulla crescita illimitata del PIL. Hanno ragione Codacons e Confesercenti quando propongono di anticipare i saldi al 15 dicembre, in un Paese in cui da sessant’anni uno dei principali scopi é quello di imitare Gran Bretagna e Stati Uniti (punte di lancia del turbo-capitalismo/liberismo e dell’iper-consumismo, nei quali in molti casi i saldi per Natale iniziano già a fine novembre). Ha ragione il 93% degli italiani (stando a quanto afferma ancora Codacons) quando richiedono a gran voce i suddetti saldi anticipati, se viviamo in un sistema che non permette quasi più a nessuno di rinunciare all’acquisto, consumo e smaltimento in tempi sempre più brevi di ogni tipo di bene e di servizio.

Ma hanno mai pensato Berlusconi, Codacons o la marea di persone convinte che tutto possa funzionare così com’é a ciò che succederà dopo che ci si sarà riversati a fare acquisti nelle prossime settimane, per amore della ripresa dei consumi del nuovo anno? Non succederà niente. Questo é il punto. Starsene qualche ora in coda fra i parcheggi e le casse dei centri commerciali, oltre che intasare strade prima e discariche poi, può dare l’illusione ancora per qualche tempo di un (certo) benessere diffuso, può addirittura far salire il PIL di una frazione di punto percentuale, ma non risolve il problema.

Se tutti ci mettiamo nell’arco dei prossimi giorni a comperare scarpe, vestiti, televisori al plasma o l’ennesimo telefono cellulare, come glielo diciamo a politici ed economisti che fra un mese o due saremo ancora al punto di partenza, e che nemmeno il miglior S. Valentino coi migliori gadget potrà evitarlo? Come possiamo far capire a chi pensa che la soluzione ai nostri problemi (economici piuttosto che esistenziali) sia solo quella di spendere e consumare, che questa è invece l’origine di tutti i nostri guai?

lavoro sconti economia consumi
È necessario cambiare rotta nel nostro approccio con la vita, col lavoro, col “consumo”, con gli altri e soprattutto con noi stessi
Non possiamo comprare un televisore al mese, nemmeno se lo volessimo. Soprattutto in un momento come questo. Ditelo pure al nostro illuminato premier o al Codacons. Perché assistere alla svendita di questo tipo di sistema (iniziata già da tempo dai creativi della finanza, oltre che dai soliti politici) è l’unica cosa che ci è concessa di fare. A meno che non ci decidiamo con tutta la forza, la fatica e la pazienza necessarie, a cambiare rotta. Cambiare rotta nel nostro approccio con la vita, col lavoro, col “consumo”, con gli altri e soprattutto con noi stessi.

Unire ciò che di buono c’era una volta a ciò che di buono riesce a offrire il presente. Dimenticarci una volta per tutte della ormai inutile distinzione fra destra e sinistra, liberandoci dalle ideologie morte e sepolte dalla storia e dagli eventi, e da tutti gli schemi mentali che queste ci impongono. Essere positivi, più che ottimisti, e cercare di “contagiare” chi ci sta attorno, possibilmente evitando inutili e fastidiose prediche a chi ancora non vuole o non riesce a capire. Mettercela tutta per essere davvero il cambiamento che vogliamo vedere nel mondo.

Per farlo abbiamo bisogno di tutti i mezzi a nostra disposizione, ossia quelli proposti dalla Decrescita Felice e, ancor più, dalla nostra intelligenza.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Un Futuro Senza Luce?

Il nostro sistema energetico spreca e disperde nell'atmosfera più energia di quanta ne utilizzi. quindi prima...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
La Felicità Sostenibile

Ii modello economico, sociale e politico dominante sta crollando sotto i colpi della crisi finanziaria...
Continua...
DePILiamoci

Come riuscire a passare dalla cultura del pil (prodotto interno lordo) alla cultura del bil (benessere...
Continua...
Un Programma Politico per la Decrescita

Il movimento per la decrescita felice si propone di mettere in rete le esperienze di persone e gruppi che...
Continua...
 
15 Novembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
16/11/09 11:26, Alessandro Piacentini ha scritto:
Un giorno mi aspetto di sentire la comunita' economica nazionale su un tema: e' possibile che il commercio stia oggi pagando anni di soprusi effettuati a scapito dei consumatori? E si, perche' se il costo della vita in pochi anni e' raddoppiato ed il settore del commercio si e' riempito le tasche di guadagni provenienti da sacche di inefficienza generate anche dal passaggio LIRA/EURO svolto sotto alcun controllo (diciamo all'italiana) non e' colpa dei cittadini!
Ora i richiami alla "spesa per forza" sembrano proprio provenire dalle vecchie Arpie...
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
Uno spazio conquistato a fatica. Uno spazio dove gridare sottovoce, ma senza paure, tutti i pensieri e le emozioni che la nostra quotidianità fatta di asfalto, rumore e cemento ci obbliga ad ingoiare silenziosamente.
RUBRICA A CURA DI...

Alessandro Rizzato

Vai alla pagina personale...

PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Salvare l'Ambiente Conviene

Quello di Jacopo Fo è un libro di valide e ragionevoli alternative all’insegna di un duplice...
Continua...
La decrescita felice

I segnali sulla necessità di rivedere il parametro della crescita su cui si fondano le società industriali...
Continua...
Manuale di Sopravvivenza alla Fine del Petrolio

Un'approfondita riflessione e un manuale ricco di suggerimenti e proposte concrete per modificare il...
Continua...
Trafficologia

Ci sediamo, avviamo il motore e partiamo, convinti di avere tutto sotto controllo. Ma siamo sicuri? È proprio...
Continua...
Grandi Opere

Le Grandi Opere sono il simbolo di un mondo antiquato, corrotto e cadente: sono superate e inutili per chi...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità