Legambiente

Frana Ischia, un nuovo dissesto idreologico

Ancora disastri e lutti, ancora pioggia e dissesti ideologici. Questa volta a Ischia. Anche la regione Campania è condannata dalla mancanza di attenzione politica alla prevenzione e manutenzione del territorio.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

ischia tragedia dissesto idreologico
Ischia è stata colpita da una terribile tragedia
“Dopo un evento tragico come quello che ha colpito Ischia è chiara la necessità di pensare prima di tutto ai soccorsi. Sarebbe un errore fatale, però, non concentrarsi anche sulle vere cause di quanto accaduto. E non è colpa della pioggia o del destino cinico e baro. Per troppi anni nella nostra regione dissesto idrogeologico, incendi, scarsa manutenzione, cementificazione selvaggia spesso abusiva hanno rappresentato il modello di sviluppo del territorio.

Basta con la Campania della paura, bisogna cambiare rotta, utilizzare fondi in modo radicalmente diverso dal passato. Tutti ormai dicono che la riduzione del rischio idrogeologico e la manutenzione del territorio sono le prime grandi opere pubbliche di cui ha bisogno il Sud e la Campania in particolare, per favorire anche la qualità ambientale e l’occupazione. Sarebbe auspicabile passare dalle parole ai fatti”. Michele Buonomo, presidente regionale di Legambiente commenta così la frana che ha colpito l’isola di Ischia.

“Non sappiamo ancora quali sono le cause della terribile tragedia di Ischia, ma quel che è certo è che questo Paese deve smettere di parlare di prevenzione e cura del territorio solo in occasione di disastri e lutti”. Ha aggiunto Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente.

“E’ chiaro che abbiamo a che fare anche con gli effetti dei cambiamenti climatici in atto. Ma le piogge sempre più concentrate hanno conseguenze ancora più disastrose in quei territori dove già sussistono condizioni di rischio idrogeologico elevato, problemi di abusivismo, incuria del territorio e della sua vegetazione”. Ischia è famosa per le sue bellezze e per le proprietà terapeutiche delle sue acque ma anche per l’abusivismo edilizio imperante e impunito e per i violenti incendi estivi che contribuiscono all’instabilità del terreno.

“Non bastano le lacrime” - ha concluso Cogliati Dezza -. “Bisogna affrontare subito le questioni strutturali e politiche che possano metterci al riparo dal ripetersi di eventi di questo tipo. La gestione accurata e sistematica del territorio deve essere una priorità politica tanto del governo centrale quanto degli enti locali”.

Un territorio, quello campano, segnato drammaticamente dalla mancanza di una seria politica di prevenzione e manutenzione. Una regione dai piedi d’argilla, secondo i dati di Legambiente, con l’86% dei comuni classificati a rischio idrogeologico in tutte le cinque province, con Salerno in vetta con il 99% delle amministrazioni a rischio. L’81% delle amministrazioni hanno abitazioni nelle aree golenali, negli alvei dei fiumi e nelle aree a rischio frana, il 25% delle municipalità monitorate presenta addirittura interi quartieri in zone a rischio, mentre il 44% ha edificato in tali aree strutture e fabbricati industriali. Ancora, nel 23% dei casi presi in esame da Legambiente sono presenti - in zone esposte a pericolo - strutture sensibili come scuole e ospedali e strutture ricettive turistiche come alberghi e campeggi.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Grandi Opere

Le grandi opere sono il simbolo di un mondo antiquato, corrotto e cadente: sono superate e inutili per chi...
Continua...
T.A.V. in Val di Susa

Prefazione di massimo fini i progetti, i costi e i benefici della costruzione delle linee ferroviarie per...
Continua...
10 Novembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
A partire da quest'estate, molte località italiane diventano balneabili "per decreto". In altre parole interi tratti di costa vengono dichiarati balneabili, non perché meno inquinati, ma solo perché è cambiata la legge. Legambiente denuncia la questione come un passo indietro in tema di depurazione, che lascia un deficit imbarazzante ad uno dei Paesi più industrializzati al mondo.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità