Aspettando Copenhagen tra le indecisioni dei potenti e l’attivismo individuale

Manca un mese allo storico vertice sul clima e le grandi potenze sembrano irrigidirsi sulle proprie posizioni interne creando molte più difficoltà. Ma oltre le decisione dei potenti anche le azioni dei singoli possono fare la differenza, lo dimostra uno studio americano

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Andrea Boretti

copenhagen clima potenti
Ad un mese dall'incontro di Copanhagen sul clima le indecisioni dei potenti sembrano aumentare
Ad un mese dalla già ora storica conferenza di Copenaghen sul clima - dalla quale ci si attende la produzione di un documento condiviso a livello mondiale sulla lotta al riscaldamento climatico e di conseguenza all'inquinamento - il WWF lancia quelli che secondo "l'associazione del panda" devono essere i punti chiave dell'agenda della conferenza: drastica diminuzione nell'uso dei combustibili fossili e abbattimento dell'80% della deforestazione entro il 2050.

Per raggiungere risultati significativi in entrambi gli aspetti è però necessario che l'Europa, dopo aver approvato il protocollo di Kyoto, venga affiancata nei suoi propositi dagli USA e dal BRIC - Brasile, Russia, India, Cina - cosa che ad oggi pare più facile a dirsi che a farsi.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, se un anno fa la strada pareva decisamente segnata, oggi il governo di Barack Obama, logorato dalla estenuante lotta per la riforma sanitaria, gode di margini di manovra decisamente più ridotti e rischia quindi di poter fare molto meno di quanto vorrebbe. La situazione del BRIC è, invece, diversa in quanto i paesi emergenti puntano sul fatto che la responsabilità della situazione attuale è solo in minima parte loro perché solo recentemente hanno raggiunto livelli di industrializzazione tali da influenzare il clima. A tal proposito propongono risposte differenziate. Una posizione comprensibile ma decisamente miope.

Stando così le cose la situazione appare quindi meno rosea del previsto. Un elemento però è consolante ed esce da ogni valutazione di carattere politico, economico o quant'altro, la crescente sensibilizzazione verso le tematiche del clima e del riscaldamento globale dell’ opinione pubblica mondiale, la quale, ne siamo sicuri, sarà presente in massa a Copenaghen. In questo senso il carico di responsabilità e di pressione sulle spalle dei governanti della Terra per il raggiungimento di accordi concreti sarà, in quei giorni, decisamente rilevante.

A ribadire come i popoli e i loro comportamenti possano, anche in questo secolo, avere un peso determinante ci pensa in questi giorni anche la ricerca PNAS (Proceeding of the National Academy of Science) condotta dal sociologo Thomas Dietz secondo la quale, conti alla mano, con le sole azioni domestiche messe in atto dai singoli individui sarebbe possibile abbattere di percentuali significative, molto vicine a quelle del protocollo di Kyoto, i consumi di combustibili fossili.

clima emissioni C02
Azioni semplici e di buon senso permettono di risparmiare e contemporaneamente diminuire in 10 anni del 7,4 % le emissioni di CO2
Le azioni prese in considerazione sono 17 e spaziano dalla casa, sulla quale bisognerebbe intervenire in termini di isolamento e consumi degli impianti ma non solo, all'automobile - che negli Stati Uniti è considerata quasi una seconda casa - riguardo alla quale bisogna prestare attenzione alla manutenzione al fine di diminuire i consumi. In generale nello studio si parla quindi di azioni semplici e di buon senso che permettono di risparmiare e contemporaneamente, se fatte sistematicamente, di diminuire in 10 anni del 7,4 % le emissioni di CO2 immesse in atmosfera.

Il protocollo di Kyoto e i potenti hanno, in questo senso, fallito obiettivi ben più modesti. Chiaro, la rivoluzione verde dal basso, se così vogliamo chiamarla, per riuscire ha bisogno di molti ed efficaci incentivi statali - e quì forse sta il punto debole - ma d'altronde la stessa cosa non vale per i ben più ambiziosi protocolli internazionali? E soprattutto, c'è un incentivo più forte di quello fornito da un mondo il cui equilibrio climatico e geotermico degrada giorno dopo giorno? Noi crediamo di no.

In attesa che i potenti il mese prossimo decidano la strada da imboccare - la classica via di mezzo questa volta non è consentita - il WWF in collaborazione con Repubblica lancia un calcolatore della propria impronta ecologica, un modo per essere consapevoli del proprio impatto sull'ambiente e per cominciare a correggere in meglio i propri comportamenti.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Clima: Istruzioni per l'Uso

C'è chi del cambiamento climatico ha una percezione molto precisa e si sta da tempo attrezzando per farvi...
Continua...
I Signori del Clima

Che cosa significa l'espressione «cambiamenti climatici»? in che modo il riscaldamento globale influenzerà la...
Continua...
Italia 2020

Il rinnovamento energetico è una grande opportunità per l'italia. le ragioni di una svolta in senso...
Continua...
Cambiamenti Climatici e Conoscienza Scientifica

Il protocollo di kyoto vuole frenare la crescita economica mondiale per ridurre le emissioni di anidride...
Continua...
29 Ottobre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Il Mondo Secondo Monsanto

Monsanto è leader mondiale nella produzione degli organismi geneticamete modificati (ogm) ed è una delle...
Continua...
Vivere i Cambiamenti Climatici

I cambiamenti climatici in atto su tutto il pianeta rimarranno ancora a lungo. da dove vengono? qual è la...
Continua...
Breve Storia Del Clima

In che modo il riscaldamento globale potrebbe influenzare la nostra vita? è questa la causa dell'alternarsi...
Continua...
Notizie da un Pianeta Rovente

L'effetto serra è un conto aperto che l'umanità ha col proprio futuro. ne vediamo le conseguenze nei forti...
Continua...
Manuale di Sopravvivenza alla Fine del Petrolio

Un'approfondita riflessione e un manuale ricco di suggerimenti e proposte concrete per modificare il nostro...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
E se succedesse alla tua casa?
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità