Geotermia: il calore della terra entra nelle nostre case

Il sottosuolo terrestre rappresenta una ricca e pressoché inesauribile fonte di calore che può essere sfruttata per la climatizzazione degli edifici. Si tratta della geotermia a bassa entalpia la quale è ancora poco nota e scarsamente diffusa in Italia. Essa rappresenta invece una straordinaria opportunità di risparmio economico e tutela ambientale.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Virginia Greco

geotermia calore terrestre strati terra
Il calore terrestra ha origine nella crosta e nel mantello del pianeta in seguito al decadimento radioattivo di alcuni elementi che compongono tali strati
Se state edificando una nuova abitazione o ristrutturandone una già esistente, potreste pensare di optare per un sistema di riscaldamento a geotermia. Impianti di questo tipo sono ancora poco diffusi in Italia, prevalentemente per carenza di informazione a riguardo e perché è facile lasciarsi spaventare dalla portata dell’intervento iniziale di installazione. Eppure si tratta di una soluzione sorprendentemente conveniente sul piano economico, oltre che ottimale a livello ecologico.

In realtà l’Italia è il Paese ove l’energia geotermica è stata per la prima volta utilizzata a fini industriali ed è tuttora uno dei principali produttori di energia geotermolettrica. Si tratta però di impianti che impiegano il calore del sottosuolo per produrre energia elettrica nelle centrali: vapore ad alta temperatura aziona delle turbine meccaniche. Diverso è il discorso della geotermia quale fonte per la regolazione della temperatura degli edifici.

Occorre, infatti, fare distinzione tra i diversi modi in cui si può sfruttare il calore terrestre (“geotermia” appunto). Esso ha origine nella crosta e nel mantello del pianeta in seguito al decadimento radioattivo di alcuni elementi che compongono tali strati; successivamente esso viene trasferito verso la superficie terrestre mediante movimenti convettivi ascensionali del magma o di acque profonde. Da qui segue la nascita di molti fenomeni come le eruzioni vulcaniche, le sorgenti termali, i geyser e le fumarole.

In virtù di tali fenomeni naturali, nella maggior parte delle aree del nostro pianeta le rocce hanno una temperatura di circa 25-30°C ad una profondità di 500m e arrivano a 35-45°C a 1000m. In alcune regioni, poi, condizioni geologiche particolari (come la presenza di una crosta più sottile, di fenomeni di vulcanesimo o fratture tettoniche) fanno crescere le temperature a tale profondità fino a 200°C e oltre.

Ovviamente si tratta di profondità notevoli e quindi inaccessibili, ma l’azione dei fluidi geotermici presenti nella crosta terrestre fa sì che al di sotto di soli 15-20m si abbia una regione, chiamata zona di omotermia, in cui la temperatura è già discretamente elevata e stabile, ossia del tutto indipendente dalle variazioni climatiche locali e stagionali.

schema geotermia
L’Italia è il Paese ove l’energia geotermica è stata per la prima volta utilizzata a fini industriali ed è tuttora uno dei principali produttori di energia geotermolettrica
In Italia la zona di omotermia ha una temperatura compresa tra i 12 e i 17°C, a prescindere dalle differenze di struttura rocciosa, stratigrafia e assetto geologico presenti nella nostra penisola.

Il calore naturale proveniente dal sottosuolo può essere sfruttato, come già affermato, per generare energia in grandi centrali elettriche: in tal caso si parla di geotermia ad alta entalpia (di questa e dei suoi effetti pericolosi parleremo in un prossimo articolo).

Si può però impiegare questa risorsa terrestre direttamente come fonte di calore, o meglio come riferimento termico dal quale attingere calore per il riscaldamento di edifici in inverno o al quale cedere quello “in eccesso” nella stagione estiva. Il suolo terrestre può infatti assorbire facilmente tali variazioni, divenendo un vero e proprio serbatoio di caldo o freddo (a seconda della temperatura esterna con il quale lo si confronta). Questo seconda formula è definita geotermia a bassa entalpia.

Come sfruttare la geotermia per il condizionamento dell’aria negli edifici?

Per farlo occorre realizzare opportuni impianti i quali si compongono di tre elementi: le sonde geotermiche, la pompa di calore e le strutture di distribuzione.

Le sonde sono rappresentate da tubi fatti generalmente di polietilene, collocati nel sottosuolo e attraversati da un fluido vettore (acqua con eventuale aggiunta di additivi). E’ in esse che si realizza lo scambio termico: il liquido attraversa il terreno scendendo fino alla profondità desiderata dove acquisisce la temperatura ambientale locale, cioè assorbe calore oppure ne cede a seconda della temperatura di partenza (vale a dire quella superficiale). Al che esso risale lungo i tubi di ritorno e porta all’esterno la temperatura acquisita.

Le sonde possono essere verticali, ossia coppie di pali infissi nel terreno per mezzo di perforazioni di lunghezza compresa tra 50 e 300m (ma mediamente 100-150m); oppure orizzontali, in tal caso si va ad una profondità minore ma si installano grosse serpentine o pettini di tubi. Se quest’ultime sono senza dubbio meno costose, di contro richiedono la disponibilità di spazi maggiori e, soprattutto, sono meno efficienti. Infatti, più si va in profondità, più stabile è la temperatura, inoltre si “guadagna” qualche grado (superati i primi 15-20m di profondità, si ha un incremento di 1°C all’incirca ogni 30m).

Una volta che il liquido contenuto nei tubi risale in superficie, entra in gioco la pompa di calore: essa è in grado di raffreddare o riscaldare ulteriormente il fluido, fino a condurlo alla temperatura finale desiderata. Ovviamente questa operazione, che sfrutta lo stesso principio impiegato nei frigoriferi (ossia il secondo principio della termodinamica), comporta l’impiego di energia elettrica. Ma la differenza di temperatura da coprire in questo caso sarà molto minore rispetto a quella esistente in origine, vale a dire quella tra l’ambiente esterno e l’interno dell’abitazione. E dato che l’energia elettrica impiegata è proporzionale all’intervallo da percorrere, l’uso della geotermia comporta un grossissimo risparmio.

sonde geotermiche
Le sonde sono rappresentate da tubi fatti generalmente di polietilene, collocati nel sottosuolo e attraversati da un fluido vettore. E' in esse che si si realizza lo scambio termico
Il terzo elemento della catena è rappresentato dalle strutture di distribuzione del calore. L’impianto geotermico è generalmente affiancato da soluzioni di distribuzione diffuse nell’edificio, ossia grandi pannelli installati sotto il pavimento, le pareti e/o il soffitto. Meno indicati sono i radiatori. Quelli classici, impiegati dalla maggior parte degli altri sistemi di riscaldamento, operano a temperature molto elevate (fino a 70°C), in quanto sono localizzati in alcune zone della casa, dalle quali il calore deve raggiungere le aree più lontane dal radiatore. Gli impianti diffusi, invece, possono essere tenuti a temperature di 20-30°C, in quanto agiscono su superfici estese. Ciò significa che mentre per questi ultimi la pompa di calore ha poco lavoro da compiere, per i primi la faccenda è ben più onerosa e comporta un dispendio di energia elettrica che rischia di vanificare i vantaggi della soluzione geotermica.

Ciò fa sì che la climatizzazione da calore del suolo sia particolarmente indicata per edifici di nuova costruzione o nei quali si stiano rifacendo gli impianti. In caso di sistemi pre-esistenti, alcune aziende propongono modelli si radiatori ad alta efficienza che, se sostituiti a quelli classici, riescono ad operare a temperature non troppo alte, così da rendere la soluzione geotermica comunque praticabile.

La realizzazione di un impianto di tal tipo deve naturalmente essere preceduta da studi di fattibilità che analizzino la struttura geologica dell’area di interesse, nonché indaghino la collocazione di altri impianti o servizi sotterranei.

L’eventuale presenza di falde acquifere non pregiudica l’installazione delle sonde geotermiche. Al contrario, se vi è disponibilità di acqua sotterranea per la prossimità di falde freatiche o di laghi o altre sorgenti, si può pensare di far uso diretto di essa quale fluido vettore di calore. Saranno ovviamente necessarie due perforazioni, una per portare l'acqua alla pompa di calore ed una per restituirla al sottosuolo. Limitazioni a tale tipo di impianti sono però poste nel caso in cui da tali sorgenti sia prelevata acqua per altri scopi (ad esempio agricoli).

casa riscaldata geotermia
Secondo le indagini condotte dall’Enel, la soluzione geotermica è praticabile in quasi tutte le zone del nostre paese
Occorre inoltre sapere se la regione è fortemente esposta a fenomeni sismici e di movimenti tettonici, perché le sonde potrebbero venire danneggiate dopo l’installazione (ovviamente questo problema sussiste prevalentemente per i tubi infissi in verticale fino a grandi profondità).

Secondo le indagini condotte dall’Enel, la soluzione geotermica è praticabile in quasi tutte le zone del nostre paese. E se in Toscana la geotermia industriale (con produzione di energia elettrica in centrali geoelettriche) è altissimamente impiegata, un obiettivo che l’azienda è interessata a perseguire è la diffusione della geotermia a bassa entalpia, per la climatizzazione degli edifici. In essa l’Italia è ancora piuttosto arretrata rispetto agli altri paesi economicamente sviluppati: spiccano in particolare gli Stati Uniti, con più di 600.000 pompe di calore installate, la Svezia (60.000 unità), la Cina, la Svizzera (che conta 16.000 nuovi impianti all'anno), l'Islanda, la Germania, il Canada, la Norvegia e la Francia.

Ma perché e quanto conviene optare per un impianto di condizionamento a geotermia?

In primo luogo si tratta di una fonte praticamente inesauribile e del tutto rinnovabile. Non comporta inquinamento del suolo (però durante l’installazione, nei procedimenti di perforazione, devono essere utilizzati fanghi e fluidi ecocompatibili) e il paesaggio non viene perturbato in alcun modo, visto che le strutture sono sotterranee.

geotermia centrale
La geotermia determina una totale indipendenza da qualunque carburante
Non si ha emissione di CO2 se non da parte della pompa di calore, la quale però, come spiegato, compie un lavoro molto inferiore rispetto a quello che necessario nei sistemi di riscaldamento tradizionale (a gasolio ma anche a metano e GPL). In più la geotermia determina una totale indipendenza da qualunque carburante, dall’importazione di questo nonché dalle variazioni di prezzo. L’energia termica del suolo è sempre a disposizione, in loco, e non ha un prezzo di acquisto.

L’impianto non necessita manutenzione, è in grado di sopravvivere in ottime condizioni per 100 anni in media e permette di avere sia raffreddamento sia riscaldamento (ossia due funzioni di climatizzazione con una sola struttura).

Infine i risparmi sulla bolletta sono altissimi, si va dal 65% all’75% (a seconda dell’efficienza dell’impianto, del tipo di edificio e talvolta anche dalla natura del suolo). Ovviamente il costo di partenza è molto più elevato di quello di un impianto a fonti fossili, ma nel giro di pochi anni si ammortizza sulla bolletta la spesa iniziale.

Per una villetta unifamiliare di 150mq, in condizioni geologiche nella media (in Italia), un impianto geotermico può costare intorno ai 20000 euro, contro i 10-12000 di un sistema classico. Il rientro in bolletta dell’eccesso di spesa iniziale avviene in un arco di anni che dipende ovviamente dal tipo di impianto con cui lo si va a confrontare, comunque nella peggiore delle ipotesi non si va oltre gli 8. Dopo di che è tutto risparmio economico.

In termini ecologici, invece, il vantaggio è immediato, fin dal primo giorno di attività.

Vale dunque davvero la pena di affidarsi al caldo cuore della “nostra madre Terra”.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Ambiente Italia 2008

Secondo quanto stabilito dalla commissione europea, entro il 2020 gli stati membri dell'unione dovranno...
Continua...
Riscaldamento Naturale della Casa

è il primo libro completamente dedicato al riscaldamento domestico attuato con energia rinnovabile. in una...
Continua...
19 Ottobre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
3 lettori hanno commentato questo articolo:
19/6/10 00:18, fabio ha scritto:
CON LA GEOTERMIA EDILIZIA si risolvono importanti problemi energetici ,di sicurezza domestica,di comfort,di affidabilita, di inquinamento.la lumax ecocase è una ditta fra altre spero,che fa costruzioni ed installazioni geotermiche,di impianti di climatizzazione con queste tecnologie ottime free energy.non dipendere piu dal gas e da altri combustibili per riscaldarsi d inverno e consumare tanta enerfia elettrica per rinfrescarsi d estate,solo con la geotermia si ha un ottimo risultato,poichè è il terreno a regalare la temperatura necessaria per la casa in ogni stagione.
2/2/10 06:18, silvio ha scritto:
Un articolo molto interessante, complimenti. Sono un operatore di settore avvicinatosi per la prima volta alla geotermia al fine di poter studiare e proporre ai clienti immobili di targhet superiore, dove la ricerca del risparmio gestionale nel tempo debba considerarsi un elemento essenziale per una migliore qualità degli edifici.
22/10/09 17:41, anna bertini ha scritto:
Mi ha fatto piacere leggere l' articolo sulla geotermia sfruttata per il riscaldamento...io sono nata e vivo in Toscana e precisamente in un paesino , Montecerboli, al centro di una zona chiamata Valle del Diavolo...nella nostra zona l' enel sfrutta la presenza di vapore endogeno nel sottosuolo per la produzione di energia elettrica...ma sono già più di 6 anni che in paese, per il riscaldamento delle case, viene utilizzato il vapore, non più idoneo da inviare alle centrali, e possiamo anche utilizzare il vapore per riscaldare l' acqua. Attualmente sono riscaldati con il vapore endogeno i paesi del Comune di Pomarance , Castelnuovo val di Cecina e di Monterotondo Marittimo...possiamo tenere il riscaldamento acceso tutto il giorno, con una spesa decisamente buona rispetto a quando avevamo bisogno del gasolio.
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Un Futuro Senza Luce?

Il nostro sistema energetico spreca e disperde nell'atmosfera più energia di quanta ne utilizzi....
Continua...
Salvare l'Ambiente Conviene

Quello di Jacopo Fo è un libro di valide e ragionevoli alternative all’insegna di un duplice...
Continua...
EBooks - Come Evitare la Trappola Nucleare

Anteprima ebook 1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità