Guarigione come Crescita

Cambia l'ora: è ora di cambiare

Prendiamo spunto da un cambiamento forzato per rompere le abitudini e trasformare le routine...

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Giancarlo Tarozzi


Salvador Dalì, Soft Watch At Moment of First Explosion, 1954
Nei prossimi giorni, con il passaggio all'ora estiva, i giornali ripeteranno in maniera quasi automatica le solite raccomandazioni: stare al riparo dalla luce del sole il primo giorno, "dormire un'ora di meno che si recupererà a ottobre", e altre banalità analoghe che non fanno altro che creare il problema laddove esso non esiste.

In realtà, il cambiamento dell'ora è un'ottima occasione per rompere qualche abitudine, un modo per essere forzati a trasformare qualche forma di routine. Molte persone sono letteralmente imprigionate nelle loro abitudini: l'ora di svegliarsi, quella di mangiare, quella di andare a dormire ecc..

Ma, come i lettori di questa rubrica ben sanno, un 'eccessiva dipendenza dalle abitudini equivale a non vivere, a utilizzare sempre e comunque il pilota automatico della mente, lasciando ad essa il compito di sbrigare tutte le faccende della vita quotidiana, così da poter consentire alla nostra coscienza di dormire tranquillamente.

Ogni volta che qualche automatismo viene spezzato, ecco che il cervello ricomincia a lavorare, creare nuovi percorsi e ci sono più possibilità perché, anche solo per un momento, ci si renda conto e ci si ricordi di essere vivi e di esistere.

Non è questo ciò che propongono i Mass Media, per i quali persone docilmente addormentate e manipolabili corrispondono evidentemente ad un modello auspicabile.

Può sembrare banale, ma anche approfittare di un mutamento forzato quale quello imposto dal cambiamento di ora, costituisce un'occasione per iniziare un percorso verso la consapevolezza. Fare qualcosa di diverso, cambiare l'ora in cui ci si sveglia, la routine che precede l'inizio del lavoro, proporsi magari di lavarsi i denti utilizzando l'altra mano rispetto a quella cui siamo abituati: all'improvviso, ci si accorge di esistere e, magari, inizia la voglia di prendersi in mano ed estendere questi brevi momenti di consapevolezza.

Del resto, i giorni che accompagnano l'equinozio di primavera costituiscono un momento importante nella dinamica energetica dell'anno: dall'equinozio di primavera a quello d'autunno, infatti, è la luce ad avere più spazio rispetto all'ombra. E’ quindi un ottimo momento per proporsi di espandere i momenti di luce della propria esistenza quotidiana.

Quando sentite parlare, o leggete, di "aver dormito un'ora in meno da recuperare in ottobre", potete essere felici di essere meno addormentati e più svegli e, magari, consapevoli di quello che vi si vuol far credere.

20 Marzo 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
In questa rubrica troverete esperienze di crescita, riflessioni scaturite dal contatto con Luoghi di Potere e personaggi che propongono e trasmettono tecniche antichissime, ma la bussola che ci guiderà sarà sempre il recupero dell'equilibrio interiore e dell'armonia con l'ambiente di cui facciamo parte.
RUBRICA A CURA DI...
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Reiki - Dal primo al terzo Millennio + CD

Dopo circa quindici anni di pratica ed insegnamento di reiki, l'autore fa il punto della situazione su questa...
Continua...
Caccia all'Anima

Una tecnica diffusa nelle tradizioni più antiche che aiuta il ricercatore a riportare a galla frammenti di...
Continua...
La Malattia non Esiste - Una sfida quantistica per la guarigione

Dopo anni di ricerche e pratica clinica l'autrice ha elaborato un metodo terapeutico che integra l'approccio...
Continua...
Il Calice e la Spada

«è realisticamente possibile il passaggio da un sistema di guerre incessanti, di ingiustizia sociale e di...
Continua...
Il libro nero del cristianesimo

Papa woytila ha compiuto un gesto storico: chiedere perdono per i crimini compiuti dalla chiesa cattolica...
Continua...
Ma che... Bip... Sappiamo Veramente? What the Bleep do We Know?

Centinaia di anni fa, la scienza e la religione si sono separate, diventando antagoniste nel grande gioco...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità