La guerra del cibo comincia dal riso

Non c’è abbastanza riso per sfamare il mondo; la popolazione continua ad aumentare e ogni minuto si perde un ettaro di terreno agricolo sfruttabile. Una nuova guerra mondiale, quella del cibo, pare quindi alle porte. Una guerra che, come se non bastasse, sta causando una perdita della biodiversità alimentare con conseguenze anche a livello sanitario.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Andrea Boretti


"Credo che oggi sia in corso una nuova Guerra mondiale: quella del cibo" dice Vandana Shiva, fisica e scienziata che ormai da anni si batte per la biodiversità in agricoltura e per l'indipendenza dei contadini indiani. Una guerra su più fronti, che si gioca sul controllo delle risorse, dei terreni e delle sementi e che nei prossimi anni è destinata a inasprirsi con il continuo aumento della popolazione mondiale che raggiungerà i 7,7 miliardi di persone nel 2050.

In questo senso, è particolarmente preoccupante l'affermazione di Robert Ziegler, Direttore Generale dell'International Rice Institute, secondo cui "non c'è abbastanza riso per sfamare il mondo (...) ma in particolare è difficile mantenere il prezzo del riso attorno ai 300 dollari a tonnellata, cosa che permetterebbe ai piccoli produttori dei Paesi poveri di ottenere qualche profitto e contemporaneamente ai consumatori più poveri di poterlo acquistare. Per ottenere ciò, abbiamo bisogno di produrre ulteriori 8-10 milioni di tonnellate di riso rispetto all'anno precedente nei prossimi vent'anni".


Vandana Shiva
Tutto questo appare ancora più difficile se si considera mentre il prezzo delle colture di base è sottoposto ad una forte speculazione, tutta una nuova generazione di consumatori si sta in questi anni affacciando al mercato mondiale (pensiamo a Cina e India), aumentando così la domanda - e il prezzo - di riso e colture di base.

Secondo l'American Farmland Trust, solo negli Stati Uniti la popolazione aumenta - spinta soprattutto dall'immigrazione - di 3 milioni di individui ogni anno, il che si traduce nella perdita di un ettaro di terreni agricoli al minuto. L'importanza e quindi anche il valore economico della terra è di conseguenza destinato ad aumentare.

Meno terra, uguale meno cibo. Se si assume questo punto di vista, diventa quindi inconcepibile l'utilizzo di tali terreni per la produzione dei cosiddetti biocombustili, un trend produttivo che sta crescendo sulle orme dell'attuale "rivoluzione verde", ma con un costo in termini di disponibilità di derrate alimentari e di aumento della fame del mondo decisamente troppo elevato. Senza contare che anche questo tipo di pratica, peraltro considerata poco efficiente dal punto di vista energetico, concorre nell'aumentare anch'essa il prezzo del cibo.

Aumento della popolazione, diminuzione dei terreni coltivabili, biocombustibili, ma non è tutto. Molte altre sono le concause di quella che Vandana Shiva chiama la guerra del cibo. Tra queste una più di tutte merita di essere citata e analizzata: la perdita di biodiversità alimentare, dove per biodiversità s'intende "l'insieme di tutte le forme viventi, geneticamente dissimili e degli ecosistemi ad essi correlati".


Secondo uno studio della FAO il pianeta, negli ultimi 100 anni, ha già perso il 75% del proprio patrimonio alimentare. Parte di questa perdita è dovuta ai cambiamenti climatici, alla trasformazione dei terreni, all'abbandono della comunità che la coltivava in favore di un'agricoltura industriale simbolo di modernità. Fatto sta che in occidente la nostra alimentazione si basa oggi solo su 4 colture (mais, riso, soia, grano) contro le 387 (di cui 62 frutti differenti) di una comunità indigena thailandese di 600 abitanti. Questa perdita ha conseguenze anche a livello sanitario in quanto, come da tempo dimostrato, il cibo tradizionale è più nutriente mentre quello industriale è responsabile di molte delle patologie (obesità, colesterolo, diabete) tipiche della nostra società moderna.

Nel corso dei prossimi anni la guerra del cibo entrerà nell'agenda degli stati nazionali più di quanto non lo sia già ora, ciò che è importante è quindi che la questione salga sempre più all'attenzione della gente comune e della società civile che potranno così spingere verso soluzioni favorevoli ai popoli e non, come purtroppo spesso succede, dei baroni del profitto.


Dice sempre Vandana Shiva: "Dobbiamo riprenderci il diritto di conservare i semi e la biodiversità. Il diritto al nutrimento e al cibo sano. Il diritto di proteggere la terra e le sue diverse specie. Dobbiamo fermare il furto delle multinazionali a danno dei poveri e della natura. La democrazia alimentare è al centro dell'agenda per la democrazia e i diritti umani, al centro del programma per la sostenibilità ecologica e la giustizia sociale."

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Vacche sacre e mucche pazze

Il diritto all'autoproduzione, a consumare in base alle priorità culturali e a criteri di sicurezza, é stato...
Continua...
Ritorno alla Terra

Libro forte e visionario, lettura obbligatoria per chiunque abbia a cuore il futuro del pianeta mai come...
Continua...
12 Ottobre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità