WWF

Lombardo rinvia il Piano casa in Sicilia

Il WWF approva il rinvio del Governatore Lombardo sul piano casa in Sicilia, sottolineando le tre importanti modifiche da attuare: stop agli interventi nelle aree a rischio, nei parchi e sugli immobili non residenziali.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

piano casa edilizia
Bene ha fatto il Governatore Lombardo a congelare il disegno di legge sul Piano Casa che doveva approdare oggi al parlamentino siciliano
Bene ha fatto il Governatore Lombardo a congelare il disegno di legge sul Piano Casa che doveva approdare oggi al parlamentino siciliano.

Il WWF, alla luce della tremenda alluvione che ha colpito il territorio di Messina e degli allarmi più volte lanciati in questi anni, indica 3 importanti modifiche affinchè l’attuale Piano Casa siciliano possa impedire ulteriori disastri: escludere esplicitamente l’applicazione degli interventi previsti nelle aree a rischio per il dissesto idrogeologico e nelle aree protette, porre un limite all’aumento della cubature, escludere gli interventi anche su immobili diversi da quelli residenziali, nel pieno rispetto di quanto stabilito nell’intesa dell’1 aprile 2009 tra Governo e Regioni .

Infatti, nel cosiddetto Piano Casa che sarebbe dovuto andare oggi in discussione, denuncia il WWF, si rischiava di dare il via ad un’altra colata di cemento, mettendo a rischio le persone e il territorio. Nella versione attuale non c’è alcuna indicazione esplicita che escluda di procedere per gli ampliamenti degli edifici esistenti nelle aree a rischio idrogeologico o in zone delicate dal punto di vista ambientale quali i parchi.

Anzi si consente di allargare o sopraelevare case di tutte le dimensioni, senza specificare il limite di cubatura (mentre l’intesa Stato-regioni dell’1 aprile 2009 consente intervento solo su quelle uni e bifamiliari) oltre agli immobili non residenziali (centri commerciali, capannoni artigianali, ecc.) e i fabbricati di pertinenza adiacenti alle abitazioni di residenza (ad es. i fabbricati agricoli).

“Se non verrà modificato sostanzialmente il Piano Casa siciliano” - sottolinea il WWF - “si rischia di produrre uno sviluppo incontrollato dell’edificazione e il proliferare su tutto il territorio di costruzioni, legittimamente autorizzate (come è già avvenuto a Messina e in altre parti della Sicilia), in aree a rischio e di pregio”.

Scheda tecnica

Il cosiddetto “Piano Casa Sicilia”, (“Norme per il sostegno dell’attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente”), contiene alcune previsioni che, specie alla luce della triste cronaca degli ultimi giorni, appaiono di dubbia ragionevolezza.

In primo luogo si evidenzia l’assenza di una norma che preveda la non applicazione degli interventi consentiti dal provvedimento su specifici ambiti quali, per esempio, centri storici, parchi. Si giudica inoltre particolarmente grave la mancanza di una norma che consenta gli interventi ammessi dal c.d. “Piano Casa” solo su edifici collocati in aree esterne agli ambiti dichiarati di pericolosità idraulica: come invece prevedono analoghe norme di altre regioni, quali la Toscana o l’Umbria.

piano casa
Se non verrà modificato sostanzialmente il Piano Casa siciliano si rischia di produrre uno sviluppo incontrollato dell’edificazione

La proposta di legge appare altresì censurabile laddove consenta interventi anche su immobili diversi da quelli residenziali con ciò andando oltre le previsioni dell’Intesa Stato-Regioni del 1° aprile 2009 dalla quale sono poi discesi i diversi piani casa regionali.

Dall’intesa appena ricordata il progetto siciliano si discosta anche nella parte in cui non limita gli interventi ai soli edifici uni/bifamiliari.

Altro elemento critico è da rinvenire nella possibilità di consentire ampliamenti in adiacenza e/o sopraelevazione rispetto al fabbricato esistente. Ciò anche mediante la costruzione o la sopraelevazione di un corpo edilizio separato, di carattere accessorio o pertinenziale. A ciò si aggiunga l’assenza di una previsione che specifichi la volumetria massima degli “edifici esistenti” da ampliare.

La proposta regionale, infine, appare poco chiara nella definizione: a) delle procedure e competenze per l’individuazione della diversa area nel caso di demolizione e ricostruzione in luogo di verso con assoggettamento a vincolo di in edificabilità sulla precedente area occupata; b) requisiti di risparmio energetico al fine di perseguire la riqualificazione energetica e il sostegno alle energie rinnovabili

7 Ottobre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
2 lettori hanno commentato questo articolo:
30/11/09 10:23, Rosanna Novara ha scritto:
Rispondo a U Zu Ninu: fa benissimo il WWF ad occuparsi di edilizia, dal momento che qualcuno, per i suoi interessi, è disposto a coprire di cemento (spesso fasullo, vedi L'Aquila) tutta la Nazione.
29/11/09 13:46, u zu ninu ha scritto:
Vorrei dire al WWF di occuparsi degli animali, e non degli affari di edilizia! Cordiali saluti.
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
La 62ma edizione della Commissione baleniera internazionale (IWC) si è conclusa, lo scorso 25 giugno, senza un accordo concreto tra i Governi sulla caccia alle balene. Questa tendenza alla mancata tutela del nostro ambiente marino deve essere invertita, o tutti, non solo i paesi che vivono di pesca e caccia alle balene, saranno in difficoltà come gli oceani che si svuotano.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità