Italia, Seveso: il male arriva dopo trent'anni

10 luglio 1976, una nube di diossina fuoriuscita da uno stabilimento a nord di Milano invade la vicina Seveso, causando uno dei più gravi disastri chimici della storia d'Italia. Oggi, a 33 anni di distanza, uno studio dimostra che gli effetti di quella fuoriuscita sono ben lungi dall'essersi esauriti.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Andrea Degl'Innocenti

seveso disastro diossina
Il disastro di Seveso, uno degli incidenti chimici più gravi della storia d'Italia
È di pochi giorni fa la notizia della pubblicazione, da parte di esperti dell'Università di Milano, di uno studio sugli effetti a lungo termine del “disastro di Seveso”, uno degli incidenti chimici più gravi della storia d'Italia. Tali effetti comprendono l'aumento di leucemie, tumori e linfomi nelle zone più esposte. Ma facciamo un passo indietro.

È il 10 luglio 1976, circa mezzogiorno, e ci troviamo a Meda, cittadina brianzola a pochi chilometri da Milano. Il reattore B di uno stabilimento della ICMESA, industria chimica che produce composti per cosmetici e sterilizzanti – ma che una successiva inchiesta del settimanale Avvenimenti ipotizzò produttrice di diossina per armi chimiche statunitensi – si surriscalda improvvisamente generando la fuoriuscita di una nube tossica con elevata concentrazione di diossina Tcdd (il tipo più pericoloso). Il vento, una brezza leggera verso sud, trasporta la nube nei dintorni colpendo soprattutto il vicino comune di Seveso.

Gli effetti sulla popolazione sono quasi immediati: le prime avvisaglie sono un intenso odore di zolfo e il bruciore agli occhi, ma già dal giorno successivo si verificano i primi casi di intossicazione e di cloracne, violenta irritazione cutanea. Col passare dei giorni aumentano i casi di aborti spontanei, mentre centinaia di animali domestici muoiono fra atroci sofferenze. Destino ancor peggiore per gli animali da fattoria: in molti muoiono naturalmente ed i restanti, circa 70 mila, vengono macellati per impedire alla diossina di inserirsi nella catena alimentare. E poi alberi e piante essiccate ed intere coltivazioni da buttare. Si delinea lo scenario di un disastro ambientale senza precedenti in Italia.

In quella occasione le istituzioni, colpevoli di aver fatto trascorrere ben sedici giorni prima di far evacuare la zona, si affrettarono ad assicurare che non era successo niente di grave e che l'esposizione ai 400/500 grammi di diossina dispersisi nell'ambiente non avrebbe avuto effetti a lungo termine. Molti apparati di stato e autorità locali cercarono di diffondere sui media tale tesi, che fu avvallata persino dalla celebre rivista scientifica “The Lancet”.

diossina nube effetti seveso
In quella occasione le istituzioni assicurarono che l'esposizione a 400/500 grammi di diossina non avrebbe avuto effetti a lungo termini
Oggi sappiamo che non è così. L'approfondito studio condotto dai ricercatori della Fondazione Irccs Ospedale Maggiore Policlinico Mangiagalli e Regina Elena di Milano e pubblicato sulla rivista Environmental Health, riguardante il ventennio che va dall'incidente fino al '96, testimonia un notevole incremento di leucemie, linfomi e tumori al seno nei territori contaminati. Nelle zone A, B, ed R (così vennero chiamate, in ordine di contaminazione decrescente, le tre aree più colpite dal disastro) si sono riscontrati oltre duemila casi di tumori maligni, più di seicento dopo il '91. Soprattutto nelle zone A e B l'incidenza è di diversi punti percentuale sopra la media italiana.

Un'ulteriore conferma dell'alta pericolosità della diossina che in molte delle sue varianti si presenta come un agente carcinogeno accertato e riconosciuto (la Tcdd in particolar modo è classificata dall'OMS come carcinogeno di classe uno). E’ un campanello d'allarme per tutti noi. Infatti la diossina non si sprigiona nell'aria solo in seguito ad incidenti e disastri: se così fosse potremmo rallegrarci delle misure di sicurezza europee sugli apparati industriali di tipo chimico entrate in vigore nel 1982 e inserire la disgrazia di Seveso nell'album dei ricordi tragici della nostra nazione.

Ma la realtà è ben diversa. Proprio noi italiani siamo i maggiori produttori europei di diossine. L'unico rapporto della UE a riguardo, datato 1999, dice che ne produciamo il 38 per cento in più della Spagna, il 31 in più della Gran Bretagna, il 29 della Germania e ben il 75 per cento in più di Danimarca, Finlandia, Norvegia e Svezia messe insieme. Industrie, inceneritori, discariche, disperdono ogni anno sul nostro territorio dai 500 ai 1000 grammi di diossina – due Seveso all'anno, per intenderci – che si vanno a depositare sulle piante, si infiltrano nelle falde acquifere, inquinano e intossicano i cibi che mangiamo.

tumori diossina seveso
Nelle zone A,B e R si sono riscontrati oltre duemila casi di tumori maligni
In parallelo, se diamo un'occhiata ai dati riguardanti le incidenze di tumori nel nostro paese ci accorgiamo che questi sono in crescita vertiginosa. Un'inchiesta de L'Espresso del 2007 certifica che negli ultimi venti anni in Italia linfomi e leucemie sono cresciuti del 20 per cento, i tumori alla mammella del 27, quelli al cervello fino al 10 per cento, quelli al fegato fino al 20. Dati allarmanti, certo non ascrivibili alla sola diffusione di diossina, ma che fanno in ogni caso riflettere.

E allora è il caso di togliere la tragedia di Seveso dall'album dei ricordi e appenderla al muro in bella vista, perché faccia da monito a tutti noi e ad una società che troppo spesso, in nome dell'utile immediato, si scorda delle conseguenze a lungo termine delle proprie azioni.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Il Mondo Secondo Monsanto

monsanto è leader mondiale nella produzione degli organismi geneticamete modificati (ogm)...
Continua...
Campania Infelix

"dio ricicla, il diavolo brucia." ? paul connett docente di chimica ambientale, st. lawrence university, ny...
Continua...
Biutiful Cauntri - Libro + DVD

Una camorra dai colletti bianchi, imprenditoria deviata e istituzioni colluse. 1.200 discariche abusive, un...
Continua...
 
5 Ottobre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità