L'Urlo

Tempo al tempo

“Mi spiace, ma non ne ho il tempo”: quante volte l’abbiamo detto? Questa “merce” preziosa e sempre più scarsa nelle nostre vite - il tempo - è ormai scambiata con i soldi necessari a comprare ciò che siamo stati letteralmente programmati a volere. Come riconoscere le cose realmente importanti? Basterebbe fermarsi a riflettere… se solo ce ne fosse il tempo…

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Andrea Bertaglio

tempo
“Mi spiace, ma non ne ho il tempo”: quante volte l’abbiamo detto?
Il tempo, forse una delle risorse più importanti al mondo. Solo chi ne ha abbastanza a disposizione può avviare un cambiamento della propria vita. Solo chi non si fa stringere nella morsa del consumismo e del lavoro forsennato per soddisfarne le aspettative può tornare a dedicare il tempo e l’energia necessari a cose sicuramente di maggior valore come i figli, la famiglia, gli amici, la terra, la lettura, lo studio… l’amore.

L’abbondanza di tempo può disorientare, addirittura spaventare. Siamo totalmente disabituati ad avere tempo, nonostante la presunta iper-efficienza di tutto ciò che ci circonda. Tutto dovrebbe farci risparmiare tempo, e tutto alla fin fine ce lo ruba.

Ci educano fin da bambini a non avere tempo, oggi come oggi, fra scuola, compiti, mille sport e corsi di vario tipo. Del resto, bisogna essere costantemente impegnati sin dall’inizio se si vuole essere un domani adulti produttivi ed efficienti, totalmente incapaci di fermarsi un attimo a pensare, a riflettere, e ad ascoltare.

Quante volte abbiamo sentito, o detto “mi spiace, ma non ne ho il tempo”? O quante volte ce lo siamo detti?

Il tempo, questa “merce” sempre più scarsa nelle nostre vite, è ormai scambiato con i soldi necessari a comprare cose che ne hanno solitamente bisogno di ben poco per essere godute.

Il tempo che ci rimane dopo una giornata di lavoro viene spesso trascorso davanti alla televisione, che ci propina benevolmente una serie di programmi sempre più mediocri che intervallano spot pubblicitari sempre più accattivanti e spettacolari, origine di base dei nostri sempre rinnovati bisogni.

televisione
Il tempo che ci rimane dopo una giornata di lavoro viene spesso trascorso davanti alla televisione
Il fatto è che quando questi desideri non possono essere soddisfatti (cosa sempre più frequente in una situazione di decrescita forzata e, per il momento, ancora infelice), cresce nelle persone un sentimento di frustrazione che porta innanzi tutto a non godere di ciò che si ha, e che ci porta a fare di tutto per ottenere ciò che siamo stati letteralmente programmati per volere.

Ma, dopo una giornata di duro lavoro, mi si chiederà adesso, chi ha voglia (e tempo) di mettersi a conversare, di partecipare alla vita di comunità o anche solo di pensare? Quasi nessuno, direi. So bene in quali condizioni ci si ritrova dopo molte ore di traffico/lavoro/traffico! Ma so anche, di conseguenza, che la soluzione sta nel ritagliarsi il tempo che il lavoro (nonché la televisione e una miriade di attività più o meno inutili) ci rubano. E qui non mi si fraintenda.

La mia contestazione non è verso il lavoro in sé, nobile attività umana, quando ci permette di far vivere noi e i nostri cari decorosamente, quando ci fa pagare le tasse necessarie a garantire i servizi di base delle nostre società, quando ci permette di esprimere la nostra creatività ed il nostro potenziale. La mia critica è rivolta a due tipi di lavoro in particolare: il lavoro forsennato come fuga da se stessi, e il lavoro forsennato come mezzo per soddisfare bisogni che siamo stati indotti ad avere, e che molto probabilmente non avremmo mai sentito di nostra spontanea volontà.

Che fare, quindi? Con i figli da mantenere, il mutuo sempre più caro da pagare ecc ecc, come si può uscire da questa spirale che ci tiene prigionieri? Beh, innanzitutto riducendo i nostri bisogni. Come? Rendendoci conto di cosa è veramente importante (i figli e la casa, piuttosto che un’auto nuova ogni anno o un cellulare ogni tre mesi). E come ci si può rendere conto di cosa è veramente importante? Fermandoci a riflettere. Ma per potersi permettere ciò? Se ne deve avere il tempo.

È un circolo virtuoso delle proprie scelte e della propria vita quello che si deve avviare.

Difficilissimo da mettere in pratica, ma possibile. E forse indispensabile.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Il Venditore di Tempo

Lo studio del sistema riproduttivo delle formiche dalla testa rossa: tizio qualsiasi coltiverebbe, se...
Continua...
Un Pò di Tempo per Me

Non è il tempo libero, e neppure quello del lavoro; non è riflettere in solitudine né divertirsi in...
Continua...
Video Dipendenti o Videointelligenti?

La televisione ha invaso le nostre case con una presenza ingombrante, dominante, soprattutto sui bambini....
Continua...
La decrescita felice

I segnali sulla necessità di rivedere il parametro della crescita su cui si fondano le società industriali...
Continua...
27 Settembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
2 lettori hanno commentato questo articolo:
2/10/09 09:18, mafalda ha scritto:
Sono belle queste parole!
in casa mia nessuno ha tempo e non perchè corriamo dietro a bisogni strani, stranamente non abbiamo nemmeno il mutuo!
ma un lavoro per mangiare lo dobbiamo avere e quindi uno lavora e si aggiorna per continuare a lavorare... non ha tempo neanche per dormire!
io lavoro per arrotondare e con questo permettere a mio figlio del cibo naturale e cure naturali.
per il resto non abbiamo mobili, i libri si va in biblioteca, non guardiamo la tele (troppo stanchi anche per questo).
il nostro stile di vita e la decrescita e qualche investimento lo facciamo in piante da cibo, e, parte del tempo alla produzione del medesimo.
ma corriamo comunque dietro tutto, forse perche siamo soli. è possibile?
comunque mi sono presa il tempo di commentare!
e mi prendo il tempo per aiutare gli altri quando hanno bisogno.
29/9/09 16:30, Roberta ha scritto:
Grazie,è sempre molto interessante leggere i vostri articoli.Non è mai una perdita di "tempo"...
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
Uno spazio conquistato a fatica. Uno spazio dove gridare sottovoce, ma senza paure, tutti i pensieri e le emozioni che la nostra quotidianità fatta di asfalto, rumore e cemento ci obbliga ad ingoiare silenziosamente.
RUBRICA A CURA DI...

Alessandro Rizzato

Vai alla pagina personale...

PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Salvare l'Ambiente Conviene

Quello di Jacopo Fo è un libro di valide e ragionevoli alternative all’insegna di un duplice...
Continua...
La decrescita felice

I segnali sulla necessità di rivedere il parametro della crescita su cui si fondano le società industriali...
Continua...
Manuale di Sopravvivenza alla Fine del Petrolio

Un'approfondita riflessione e un manuale ricco di suggerimenti e proposte concrete per modificare il...
Continua...
Trafficologia

Ci sediamo, avviamo il motore e partiamo, convinti di avere tutto sotto controllo. Ma siamo sicuri? È proprio...
Continua...
Grandi Opere

Le Grandi Opere sono il simbolo di un mondo antiquato, corrotto e cadente: sono superate e inutili per chi...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità