Oceani sempre più caldi: in arrivo un futuro bollente

La temperatura del Tirreno è aumentata di 2 gradi rispetto alla media degli ultimi 30 anni, quella del Mediterraneo di 1 grado e anche gli oceani sono stati interessati dallo stesso fenomeno. In un certo senso, dunque, i mari ci stanno avvertendo: un mare caldo è sinonimo di un futuro “bollente”.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Andrea Boretti

oceani
Non solo il Mediterraneo, ma anche gli oceani hanno subito un aumento della temperatura
Quest’anno la temperatura del Mediterraneo è aumentata di 1 grado rispetto alla media degli ultimi 30 anni. La notizia – fornita dall’associazione Frascati Scienza – è stata poi confermata anche da un comunicato di Enea-Cnr che, relativamente ai dati del periodo Giugno–Agosto, fa sapere come siano state soprattutto le acque superficiali a subire l’aumento enunciato.

Nel complesso del nostro caldo mare interno un record negativo lo segna il Tirreno, che registra un aumento di ben 2 gradi rispetto alla media degli ultimi 30 anni.

La questione delle acque dei mari che si riscaldano non è però un problema solo mediterraneo, ma decisamente più ampio. Qualche giorno fa, infatti, il NOAA, l’ente americano che monitora oceani e atmosfera, faceva sapere come, sempre nel periodo Giugno-Agosto, la temperatura della superficie degli Oceani fosse aumentata di 0,6 gradi sopra la media del secolo. Ciò che preoccupa è che questo aumento, per la prima volta, comincia anche a interessare gli strati più profondi del mare - quelli oltre i 1000 metri – finora solo parzialmente interessati dal fenomeno.

Perché tanto allarme? La risposta è semplice. L’aumento della temperatura è considerato dagli esperti un segnale di destabilizzazione.

oceano
C’è una forte relazione tra riscaldamento dell’atmosfera e riscaldamento degli oceani
In particolare significa che i meccanismi che regolano lo smaltimento di CO2 si stanno inceppando e questo con conseguenze prevedibilmente nefaste per la vita degli oceani. Maggiore anidride carbonica significa acqua più acida e quindi un decremento del PH che ad oggi è stimato in -0,1 unita, ma che a questo ritmo arriverebbe a circa -0,5 unità per il 2100.

Un’acqua più acida avrà una conseguenza diretta soprattutto su quegli organismi come molluschi e crostacei che si costruiscono un guscio calcareo e che si troveranno quindi in grosse difficoltà.

Ma non è tutto. C’è una forte relazione tra riscaldamento dell’atmosfera e riscaldamento degli oceani. Secondo diversi studi è ormai appurato che la quantità di CO2 immessa nell’atmosfera dalla rivoluzione industriale ad oggi avrebbe dovuto provocare un aumento della temperatura atmosferica superiore a quello registrato. Dove è finito questo calore mancante? La risposta è semplice e tristemente ovvia: negli oceani. Si calcola addirittura che le masse oceaniche abbiano immagazzinato al loro interno più del 50% del calore prodotto - da sempre - dal genere umano.

L’aumento della temperatura degli oceani non ha però solo conseguenze sui molluschi ma, come è ovvio che sia, sull’intero pianeta. I problemi più grossi a breve termine, sono sicuramente i sempre più frequenti uragani che si abbattono soprattutto sulle coste dell’ America Centrale e l’aumento del livello globale dei mari; si stima che l’aumento della temperatura degli oceani sia responsabile del 25% dell’innalzamento degli ultimi 50 anni.

A lungo termine il discorso è invece più complicato. Gli esperti dicono che le masse oceaniche possono trattenere il calore anche per decenni e che le loro condizioni termiche attuali possono quindi con ogni probabilità rispecchiare le condizioni future dell’atmosfera.

In un certo senso si può quindi dire che i mari ci stanno avvertendo, un mare caldo è sinonimo di un futuro “bollente” e, come si ripete sempre più spesso, il punto di non ritorno è decisamente più vicino. Sapremo cogliere l’avvertimento?

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Vivere i Cambiamenti Climatici

I cambiamenti climatici in atto su tutto il pianeta rimarranno ancora a lungo. da dove vengono? qual è la...
Continua...
Breve Storia Del Clima

In che modo il riscaldamento globale potrebbe influenzare la nostra vita? è questa la causa dell'alternarsi...
Continua...
The 11th Hour - L'Undicesima Ora - DVD

L'undicesima ora per il genere umano è adesso, l'ultimo attimo nel quale è ancora possibile cambiare e...
Continua...
Una Scomoda Verità - DVD

Al gore espone una serie di dati scientifici inattaccabili, tabulati, previsioni sul nostro prossimo futuro e...
Continua...
24 Settembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
13/7/10 05:47, PIERO IANNELLI ha scritto:
Artico più caldo e senza ghiaccio d’estate? Per i climatologi è possibile

http://www.ecologiae.com/artico-caldo-senza-ghiaccio-climatologi-possibile/11603/

Notizie che si rincorrono, fermentano, si autodistribuiscono sul vasto mare del web.

MA.
Il mare è "REALMENTE" più caldo?
Fenomeno stranissimo considerando che dal 1995 non si registrano aumenti significativi della temperatura media globale.

Non sono un classico "negazionista", semplicemente riporto quanto ha detto lo stesso padre della teoria del GLOBAL WORNING. Il capo del gruppo di lavoro del (IPCC) lo stesso gruppo al centro del recente scandalo CLMATEGATE.

Il dottor Phil Jones ammette: Nessun riscaldamento Globale dal 1995

Ora.
Rientrato al lavoro, e riabilitato, il Dott.Phil Jones.
La commissione d'inchiesta sembra non aver trovato nulla di strano nelle varie mail in cui lo stesso e molti altri scienziati parlavano di TAGLIARE i dati contrastanti la loro stessa teoria..

http://www.google.it/url?sa=t&source=web&cd=1&ved=0CBUQFjAA&url=http%3A%2F%2Fdaltonsminima.wordpress.com%2F2010%2F02%2F24%2Fil-dottor-phil-jones-ammette-nessun-riscaldamento-globale-dal-1995-mentre-stranamente-sono-spariti-i-dati-della-mazza-da-hockey%2F&ei=nDA8TKPgJYeKOL3YhfsO&usg=AFQjCNESyizk4b-tbKc8xGUXQxBiTpOeFQ&sig2=FkHXitWKG5kdtX0NHX-EkA

Ora queste notizie, dei mari più caldi?

CUI PRODEST?
A chi giova?.. Chi ha reale interesse nel perseverare a diffondere il "CATASTROFISMO CLIMATICO"?

Si deve forse vendere la CO2?.. IL CARBON CREDIT?

Quali e quante aziende, quali e quanto vasti interessi si nascondono dietro questo catastrofismo sconfessato dallo stesso padre?

Ora la questione è semplicissima.


Per anni ci è stato detto che la terra si stava scaldando, lo stesso dottor Phil Jones ammette ci dice che dal 1995 ciò era una bufala.

Ora ricominciamo con questa tarantella?
Sembra nessuno ricordi il "CLIMATEGATE".

A voi sembra normale?

Ora la terra si stà scaldando di nuovo?
Aspetto a questo punto le nuove dichiarazioni del Dott.Jones

Una cosa è certa, al di là dei tanti creduloni la gente inizia a farsi domande.

E si iniziano a trovare adeguate risposte.

http://www.wikio.it/article/legambiente-aeroporto-fiumicino-porto-anzio-co2-201747730

Cordialmente.

Piero Iannelli


Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Il Mondo Secondo Monsanto

Monsanto è leader mondiale nella produzione degli organismi geneticamete modificati (ogm) ed è una delle...
Continua...
Vivere i Cambiamenti Climatici

I cambiamenti climatici in atto su tutto il pianeta rimarranno ancora a lungo. da dove vengono? qual è la...
Continua...
Breve Storia Del Clima

In che modo il riscaldamento globale potrebbe influenzare la nostra vita? è questa la causa dell'alternarsi...
Continua...
Notizie da un Pianeta Rovente

L'effetto serra è un conto aperto che l'umanità ha col proprio futuro. ne vediamo le conseguenze nei forti...
Continua...
Manuale di Sopravvivenza alla Fine del Petrolio

Un'approfondita riflessione e un manuale ricco di suggerimenti e proposte concrete per modificare il nostro...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
E se succedesse alla tua casa?
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità