L’ALBA dell’America Latina: un’altra economia è possibile

Secondo Nestor Kirchner c’è vita oltre il Fondo Monetario Internazionale ed è una bella vita. L’America Latina è il laboratorio dove si stanno sperimentando forme alternative di cooperazione che allontanino dal sub-continente le mani rapaci delle istituzioni di Washington.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Romina Arena

america
In America Latina si sta cercando di costruire un progetto diverso che renda il Sub-continente più indipendente dalle istituzioni di Washington
Come tenersi fuori dal pantano del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale?

Per i paesi del cosiddetto Terzo mondo questo potrebbe essere un quesito senza risposta.

Le lobbies economiche che stabiliscono i prezzi delle materie prime li condannano su questa strada senza uscita. Quando i soldi finiscono, non c’è altro a cui rivolgersi.

Il tempo e la contestazione partita da Seattle hanno rotto molto di quella incrollabile certezza che i Paesi poveri del mondo non avessero davvero altra scelta; ha squarciato il velo antiproiettile dietro il quale le istituzioni braccio economico di Washington lavoravano alacremente per creare shock economici per poi proporre una terapia con la quale venirne fuori.

Molto è stato svelato ed il re, adesso, è irrimediabilmente nudo. Nudo, ma non ancora vinto, perché le conseguenze degli aggiustamenti strutturali mietono vittime quotidianamente e perché molto delle sorti economiche e commerciali del mondo passa ancora dalle mani degli esperti del Fondo e della Banca mondiale.

I poveri aumentano ed il loro debito anche, in virtù di quella logica spietata secondo la quale chi ha tutto non possiede nulla e chi non ha nulla possiede tutto.

Dall’America Latina, martoriata dalle ricette del FMI, della Banca Mondiale e del WTO, si sta cercando di costruire un progetto diverso che renda il Sub-continente più indipendente dalle istituzioni di Washington. La nuova iniziativa, l’Alleanza boliviana per le Americhe (Alba), vuole essere una risposta alla zona di libero scambio delle Americhe che in sintesi tutela con attenzione gli interessi Usa più di quelli degli altri associati.

alba
Alba è l’esempio di come una merce possa diventare, o meglio, ritornare ad essere, un bene
I governi che oggi guidano i paesi dell’America Latina (non tutti, per la verità, ma si pensi al Venezuela, a Cuba, all’Argentina, all’Ecuador, alla Bolivia, al Nicaragua), a qualcuno potranno anche non piacere, ma hanno avuto il merito di buttare sul tavolo del confronto la questione che costituisce il vero problema del sub-continente: l’essere ostaggio di meccanismi economici e commerciali al di fuori della loro portata.

Perché parlare su Terranauta di un’esperienza che con le tematiche della rivista potrebbe, apparentemente, non avere attinenza?

Perché Alba è l’esempio di come una merce possa diventare, o meglio, ritornare ad essere, un bene, in un contesto più ampio di quello domestico.

La logica che supporta Alba, infatti, è sostanzialmente quella del baratto per cui i Paesi che vi aderiscono forniscono agli altri le merci/beni che sono più capaci a produrre, prendendo in cambio ciò di cui hanno bisogno, indipendentemente dai prezzi del mercato globale. I prezzi, infatti, sono scontati e fissi e vengono autonomamente stabiliti dai Paesi.

Si prenda per esempio il settore agricolo. In termini generali l’agricoltura è uno degli ambiti su cui il neoliberismo si accanisce particolarmente. Tuttavia l’esigenza di ridurre le politiche protezionistiche e pompare valanghe di sussidi nelle tasche dei Paesi industrializzati, non coincide necessariamente con la necessità diffusa di liberalizzare la vendita dei prodotti agricoli.

In altri termini, per molti Paesi latinoamericani e caraibici la vendita di prodotti agricoli costituisce la prima fonte di entrata economica. Sarebbe deleterio per la vita di milioni di contadini dover essere costretti ad importare prodotti agricoli.

agricoltura
Per molti Paesi latinoamericani e caraibici la vendita di prodotti agricoli costituisce la prima fonte di entrata economica
L’Alba è molto sensibile a questa questione al punto da affermare che “la produzione agricola è molto più che la produzione di una mercanzia. È molto di più: uno stile di vita. È il fondamento per la preservazione di alternative culturali, una forma di occupazione del territorio, definisce modalità di relazione con la natura, si confronta direttamente con i temi critici della sicurezza e della sovranità alimentare” .

In una progressiva escalation storica in cui le multinazionali alimentari hanno eletto l’America Latina loro orto personale, lanciare messaggi come questi è un vero e proprio atto di accusa verso chi ruba quotidianamente le risorse del sub-continente ed al contempo è il paradigma di uno slancio verso la riappropriazione degli spazi territoriali e delle risorse.

Intendiamoci, non è il progetto perfetto che possa incarnare comodamente l’idea di decrescita che ci sta tanto a cuore, perché il tornaconto rimane sempre quello economico. Tantomeno sarà la panacea che curerà i mali che affliggono i paesi latinoamericani. Ma già il fatto che si parli di un’economia in termini quasi domestici (slacciati dalle logiche del commercio internazionale che tutto fagocita e tutto sfilaccia) ed il fatto stesso che riesca a portarsi fuori da una logica di massa che serve i pochi padroni della terra è un atto dimostrativo importante, che fa capire come sia possibile spezzare quel regime economico fatto di banchieri, industriali, business man i cui interessi tentacolari pervadono qualsiasi settore sia in odore di profitto.

La sensazione che si avverte è che sebbene si parli pur sempre di merci, si stia andando verso merci che sono sempre meno merci e sempre più beni da scambiare.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Gringos

"l'inchiesta approfondita e illuminante di clara nieto fornisce un'eccezionale e insolita guida per...
Continua...
Conversazioni sull' Economia Contemporanea

«durante tutto il decennio (1919-1929) .... salari, stipendi e prezzi erano rimasti tutti relativamente...
Continua...
24 Settembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
3 lettori hanno commentato questo articolo:
28/9/09 05:10, daniele girardi ha scritto:
"Ogni giorno il Venezuela invia 100mila barili di petrolio a Cuba e in cambio riceve il supporto dei medici cubani che lavorano nei programmi sociali voluti da Chavez..."

(da un articolo di peace reporter
http://www.terranauta.it/a1395/cultura_ecologica/l_alba_dell_america_latina_un_altra_economia_e_possibile.html )

io la ritengo comunque una cosa molto positiva, e sono d'accordo con te che al di là dei suoi difetti (anzi del suo difetto, cioè il reggersi quasi interamente sul petrolio) l'ALBA sia un bene. (Ho però dei dubbi sulla reale consistenza di questi accordi: per ora l'impatto sulle economie di questi paesi sembra molto molto ridotto, direi quasi nullo, al contrario dei trattati "capitalisti" che invece incidono - purtroppo - moltissimo sulle economie dei paesi sudamericani).

bisogna però fare attenzione a distinguere gli elementi reali degli scambi che avvengono tramite questi accordi, dagli elementi di propaganda di cui viene abbondantemente ammantato il tutto (del resto stiamo parlando di Castro e Chavez!).

parlare di ALBA senza parlare di petrolio significa ignorare l'elemento centrale su cui si regge il tutto, concentrandosi invece sul contorno propagandistico, fatto di retorica sulla biodiversità, sulla cultura popolare, ecc...ecc...

25/9/09 09:47, Romina ha scritto:
Quando si parla del Venezuela, la prima cosa che ci viene in mente è un Paese nel circuito Opec che sopravvive solo grazie allo smercio di oro nero. Vero. Inconfutabile. Vero anche che Alba è un'iniziativa partita dal Venezuela ed è fin troppo scontato aspettarsi che non sia altro che un modo equo e solidale di vendere petrolio ai Paesi amici. Posto anche che sia così, sarebbe corretto ed auspicabile guardare anche oltre in Venezuela, oltre il petrolio. Perchè è proprio lì che si annida l'essenza del progetto. Temo che il rischio sia quello di farsi fuorviare dalla Il straripanza dell'argomento petrolio, perchè Alba parla anche di biodiversità, acqua potabile, cultura popolare, piccola impresa, produzione alimentare, sanità. Non è corretto, per un grande progetto (difettoso, imperfetto, monco, tutto quello che ci pare)isolare solo quello che potrebbe non piacere.
Nel contesto di Alba, per esempio, medici cubani, all'avanguardia per strumentazioni e competenze scientifiche, prestano periodi di volontariato in America Latina (ma anche in Africa) qui un esempio in Venezuela (http://www.alternativabolivariana.org/modules.php?name=News&file=article&sid=5215) e Nicaragua (http://www.alternativabolivariana.org/modules.php?name=News&file=article&sid=5230). Questo, di cui si sa poco, ha poco a che vedere col petrolio, mi sa.
25/9/09 04:33, daniele girardi ha scritto:
Indubbiamente positivo che si creino circuiti di scambio sud-sud, alternativi a quelli di stampo neo-colonialista imposti da usa e wto.
Detto questo, cosa è l'ALBA? Una serie di accordi per la fornitura di petrolio a condizioni agevolate tra paesi amici. Insomma è vero che si tratta di cooperazione tra stati "poveri" per uno sviluppo indipendente...ma si tratta anche di una cooperazione basata sul petrolio (e quindi sulla sua estrazione!), per uno sviluppo basato anch'esso sul petrolio e sulle tecnologie da esso dipendenti.
Oltre gli evidenti risvolti ambientali ed ecologici, cosa sarà dell'economia del Venezuela (e dei paesi ad esso agganciati con l'ALBA) quando finirà il petrolio? o più semplicemente se se ne abbasserà il prezzo? L'ALBA non è basato sullo scambio di prodotti agricoli.
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Adesso Basta

Un lavoro, una carriera manageriale invidiabile già a soli 30 anni, una casa di lusso, la possibilità di...
Continua...
La Rivoluzione del Filo di Paglia

Questo libro rappresenta un punto di svolta per riavvicinarsi con occhi fiduciosi e non distruttivi alla...
Continua...
Guida alla Casa Ecologica

Con guida alla casa ecologica paolo bevitori prosegue un percorso iniziato con la pubblicazione dei due...
Continua...
La Terra è Viva

Un testamento ambientale che annoda le radici dell'ecologia moderna con le lontane tradizioni rurali...
Continua...
Manuale Pratico di Ecologia Quotidiana

Vivere in maniera più ecologica in casa, in ufficio, a scuola, per strada: come riciclare, ridurre i rifiuti,...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Se avessero voluto venire sarebbero venuti...
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità