Riciclaggio creativo: quando l’arte è spazzatura

A Tacarigua de la Laguna la chiamano “materia prima secondaria”. Noi li definiamo rifiuti e come tali li gettiamo via. Eppure, se a monte della raccolta differenziata, pensassimo ad un riciclo creativo, potremmo fornire una risposta alternativa all’eccessiva produzione di spazzatura.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Romina Arena

riciclaggio
Se pensassimo ad un riciclo creativo, potremmo fornire una risposta alternativa all’eccessiva produzione di spazzatura
Il riciclo è nobile. Stiamo bene psicologicamente quando sappiamo che sin dalle nostre pattumiere domestiche quel dividere alluminio, vetro, plastica e pvc non è uno sfiancante selezionare e differenziare, ma una sorta di grido di battaglia in difesa dell’ambiente.

Resta però un fatto: ne produciamo sempre troppa di questa spazzatura, per quanto attento sia il nostro differenziare e per quanto etico sia il nostro approccio verso gli ecosistemi. Allora, se in casa si toccano comunque picchi notevoli di roba accumulata, se si ha una coscienza ecologica particolarmente spiccata e se si possiede una discreta dose di fantasia e creatività, ecco quindi che si hanno anche gli strumenti per ridurre sensibilmente il proprio bagaglio di rifiuti.

Esiste questa cosa curiosa, relativamente nuova ed abbastanza geniale chiamata riciclo creativo. Se a monte della differenziata si pensasse a quanto ancora hanno da dirci quell’involucro, quella bottiglia, quell’elettrodomestico che vorremmo smaltire, avremmo sacchetti di spazzatura più leggeri. Potremmo addirittura non averne affatto.

Il riciclaggio artistico, o creativo che dir si voglia, non è pura e semplice arte d’accatto, ma un vero e proprio stile di vita che ha come scopo quello di ridurre l’impronta ambientale di chi lo abbraccia; un simpatico intrattenimento per i bambini che da un lato imparano ad acquisire una coscienza ecologia e dall’altro allenano il cervello, divertendosi.

tempio
Il tempio buddhista di Wat Pa Maha Chedi Kaew, a 600 Km da Bangkog, è costruito con le bottiglie vuote e le decorazioni sono state composte utilizzando i tappi
Dietro una bottiglia di plastica o di vetro esiste un mondo fantastico che noi nemmeno immaginiamo. In Thailandia, ad esempio, il tempio buddhista di Wat Pa Maha Chedi Kaew, a 600 Km da Bangkog, conosciuto come Wat Lan Kuad, che significa più o meno “Tempio del Milione di Bottiglie” è costruito con le bottiglie vuote e le decorazioni sono state composte utilizzando i tappi.

Tomislav Radovanovic, insegnante serbo di matematica, giunto all’età della pensione ha pensato bene di costruirsi una casa fatta di bottiglie di plastica, materiale alternativo, altamente isolante e soprattutto economico.

Vi siete mai seduti su una poltrona di cartone? Avete mai usato un imbuto come appendiabiti o un copertone come portariviste?

Avete mai ricavato portapenne da un elenco telefonico?

Il riciclaggio creativo, non è tanto un’intuizione geniale fine a se stessa, quanto la consapevolezza che la riduzione degli sprechi passa anche attraverso l’arte. Ma l’arte, capiamoci bene, non è solo quella delle mostre; è anche quell’atto quotidiano arguto ed intuitivo in grado di intravedere, oltre l’immediatezza delle cose, una nuova utilità negli oggetti che non sembrano averne più una.

Ancora di più, l’arte diventa uno strumento di comunicazione potente attraverso il quale lanciare messaggi forti, distribuire consapevolezza, educare ad un consumo critico, consapevole, ad una coscienza ecologica robusta .

Una bottiglia di plastica per distruggersi ci mette 450 anni in mare, da 100 a 1000 anni sulla terra; un giornale 6 settimane in acqua, da 4 a 12 mesi sulla terra; un contenitore di polistirolo, invece, ci impiega 50 anni.

In tutto ciò i rifiuti hanno il tempo di insozzare l’universo, costituirsi isole galleggianti, il cosiddetto Pacific Trash Vortex (2500 Km di lunghezza per 30 metri di profondità, composto per l’80% da plastica), mietere vittime e corrompere ecosistemi.

Se si fosse invece in grado di pensare nuove funzioni per i nostri rifiuti, ce ne sarebbero in giro molti di meno; quell’abominio che si aggira intorno ai 100 miliardi di Kg di plastica, il 10% dei quali finisce in mare ed il 70% si deposita sui fondali oceanici, potrebbe ridursi evitando conseguenze drammatiche alla fauna marina ed al suo habitat.

Il riciclaggio creativo, forse, non sarà la risposta, ma una risposta, tra le tante valide, possibile.

bottiglia
Una bottiglia di plastica per distruggersi ci mette 450 anni in mare, da 100 a 1000 anni sulla terra
Non importa se non si ha fantasia, la rete è piena zeppa di ogni sorta di consiglio; spesso gli artisti condividono con i websurfers i progetti delle loro creazioni, mettendoli in condizione di abbracciare questa cultura gioiosa.

È sorprendente vedere quello che si può ricavare dalle cose più disparate.

Nel nostro piccolo ci proviamo anche noi del laboratorio Bazart, concept project, tutto all’insegna dell’ecologia, del rispetto per la natura, il riciclo, l’utilizzo di materiali naturali. Ma molti e più qualificati sono i contributi che possiamo stanare dalla rete.

Ci sono Objectbis blog e El mundo del reciclaje, spagnoli, nemici giurati dell’Ikea che al taglio indiscriminato di alberi contrappongono mobili di design ricavati dal cartone, dalla plastica, dalle cassette per la frutta, dai pezzi di vecchi elettrodomestici, dalle lattine delle conserve; Esprit récup, francese, più sbarazzino, per gli accessori dai portamonete ricavati da vecchie musicassette agli orologi da muro ricavati da vecchi vinili.

Navigando, ogni giorno ne vengono fuori di nuovi e sempre più intuitivi. Allora perché non provarci, ognuno nel proprio piccolo, ad andare oltre la raccolta differenziata, a dare un senso nuovo ai rifiuti, a non chiamarli spazzatura che in sé ha il nocciolo della cosa inutile, inservibile, ma, come fanno le donne di Tacarigua de la Laguna, in Venezuela, “materia prima secondaria”, da cui si può ancora trarre qualcosa di buono.

GUARDA ANCHE SU ECOZOOM TV:

- Rifiuti in cerca di autore by Salerno in Arte

- Metalriciclo 2009, by Manuli79

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Rifiuto Riduco e Riciclo per Vivere Meglio

dall'emergenza rifiuti in campania alla verità sugli impianti di incenerimento. dalla raccolta...
Continua...
Smaltire e Riciclare i Rifiuti

Ti sei mai chiesto che cosa succede a quello che buttiamo nella spazzatura e nei cassonetti della raccolta...
Continua...
22 Settembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
29/9/09 03:45, romina ha scritto:
Bella idea il progetto Flow!!!
Al link che vi posto ci sono una miniera di idee veramente geniali!
http://ri-creazione.libero.it/
DIVERTITEVI!
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Rifiuto Riduco e Riciclo per Vivere Meglio

Dall'emergenza rifiuti in Campania alla verità sugli impianti di incenerimento. Dalla raccolta...
Continua...
Il Girone delle Polveri Sottili

Frammenti di un filtro chirurgico comunemente installato nella vena cava dei malati di tromboembolia...
Continua...
Smaltire e Riciclare i Rifiuti

Ti sei mai chiesto che cosa succede a quello che buttiamo nella spazzatura e nei cassonetti della raccolta...
Continua...
Ecoballe

Napoli, quattordici anni di emergenza. Rifiuti a ogni angolo di strada. Politici nel mirino. Costi alle...
Continua...
Dove lo Butto?

Un libro divertente e ricco di illustrazioni che spiega ai più piccoli come contribuire al benessere...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Rifiuti: adesso sono risorse
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità